UDINE. Fino al 17 luglio, alla Galleria Tina Modotti, l’Associazione On Art in collaborazione con il Comune di Udine e i Civici Musei, espone le immagini del giovane fotografo Lorenzo Zoppolato, dal titolo “Sussuri Riflessi. Beyond the Image. La Realtà che non può essere fotografata”.

Lorenzo Zoppolato, giovane autore emergente, in questa sua mostra racconta la Sicilia, in un folklore tra reale e finzione con la processione della Settimana Santa chiamata Misteri, a Trapani. Dopo questa esperienza, lo stesso autore ci riporta a delle importanti riflessioni, che sono quanto di più necessario per raccontare una storia in fotografia.

 

Sussurri Rilfessi © Lorenzo Zoppolato
Sussurri Rilfessi © Lorenzo Zoppolato

 

Afferma: “In Sicilia ho trovato lo specchio che mi permette di guardare dritto negli occhi una paura ancestrale che ci appartiene dal momento della nascita, perché ne è sorella. Non la si può raccontare, ma solo evocare attraverso immagini che abbiamo nello sterminato archivio del nostro cuore”.

Una celebrazione che si ripete ogni Venerdì Santo da quattrocento anni, e che mantiene intatti il valore spirituale e il profondo legame come la città. I Misteri sono venti raffigurazioni artistiche della Passione e Morte di Cristo, opere scultoree in tela, legno e colla, realizzate dagli artigiani trapanesi del XVII e XVIII secolo poste su delle basi di legno. Ogni gruppo è portato a spalla da non meno di dieci uomini seguendo le cadenze dei brani musicali suonati dalle bande e tutti i partecipanti alla processione vi prendono parte in maniera profondamente sentita.

 

Sussurri Rilfessi © Lorenzo Zoppolato
Sussurri Rilfessi © Lorenzo Zoppolato

 

Rituali antichi e gesti del presente si mescolano, diventando il fragile legame di una società altrimenti divisa tra antico e moderno. Sguardi, abbracci, lacrime e canzoni. Un connubio di sensazioni che, in modo inequivocabile raccontano la messa in scena vissuta in un tempo indefinito. “Un sussurro di ciò che ho visto. Ho bisogno di guardarla riflessa, per non rimanere pietrificato. La Sicilia per me è come lo specchio per Medusa. Questa realtà è un materiale grezzo, un blocco di pietra dal quale levare il superfluo”.

 

Sussurri Rilfessi © Lorenzo Zoppolato
Sussurri Rilfessi © Lorenzo Zoppolato

 

Sussurri riflessi, invita ad interrogarsi, sul mistero di noi stessi, su una consapevolezza sconosciuta, come a ricercare una metafora della vita. Il tempo qui non è protagonista, può fermarsi o scorrere velocemente, a seconda delle nostre sensazioni interiori.

Alla fine, guardo le fotografie e mi chiedo se in fondo sto guardando negli occhi il riflesso della mia paura o semplicemente la mia immagine pietrificata. La mia fotografia mente alla mente a cui sono collegati gli occhi, nella speranza di dire la verità al cuore. Non fidarti di lei, fidati di me”.

 

Sussurri Rilfessi © Lorenzo Zoppolato
Sussurri Rilfessi © Lorenzo Zoppolato

 

Lorenzo Zoppolato, classe 1990, vive e lavora come fotografo tra Udine e Milano. Nel 2014 vince una borsa di studio per il master in “Photography e Visual Design” presso la Nuova Accademia delle Belle Arti di Milano. Successivamente nel 2015 espone allo SpazioForma di Milano il progetto “Expoland” con il quale si interrogo sulla natura di Expo Milano 2015. Nel settembre del 2015 si aggiudica il primo premio nella manifestazione “Foto Confronti”, accedendo alle finali del concorso “Portfolio Italia” che premia i migliori portfolio Italiani del 2015. Nell’ottobre del 2015 rientra tra i finalisti del concorso internazionale LensCulture “Street Photography Awards 2015” con il progetto “A whisper from Sicily”. Nel novembre del 2015 vince il primo premio “Black & White Photographer of the year” nella “Emerging Talent Category”. Nell’ottobre 2015, vince il secondo premio alle finali italiane di “Portfolio Italia” ed espone presso il Centro Italiano della Fotografia d’autore. Zoppolato aggiunge: “La cosa ingiusta delle biografie è che solitamente le persone parlano solo ed esclusivamente dei propri successi, dimenticando però tutte le difficoltà, i fallimenti necessari per raggiungerli. Per ogni successo elencato, ci sono almeno 10 porte chiuse in faccia e una buona dose di lacrime. Anche questo è necessario scrivere”.

 

 

Sussuri Riflessi. Beyond the Image. La Realtà che non può essere fotografata

Dove: Galleria Tina Modotti, via Paolo Sarpi (ex mercato del Pesce), Udine

Quando: dal 17 giugno al 17 luglio 2016

Orari: venerdì 18-21; sabato 10-12; 17-20

Ingresso: libero

Info: tel. 0432.505117 – www.onartsrl.it –  www.zopfoto.com

Comments

comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here