Purtroppo Ti Amo, Federico Pacini

Il paesaggio da sempre è fonte inestimabile di ispirazione e molti sono stati gli artisti che hanno scelto come soggetto dominante nei loro quadri vedute paesaggistiche e scorci paesani. Questo è accaduto anche in fotografia, basti pensare all’esempio mirabile della new wave italiana, corrente nata intorno agli anni Ottanta che ha visto l’affacciarsi sulla scena internazionale di importanti personalità come Luigi Ghirri, Mimmo Jodice, Gabriele Basilico e Guido Guidi. Fotografi che hanno rivolto il loro obiettivo su “ambienti marginali, di frontiera, di paesaggio fra l’urbano e il rurale, fra tecnologia e natura, fra il pensato e il casuale, fra la storia e l’attualità”, come ha ben spiegato nella sua attenta analisi lo studioso della fotografia Claudio Marra.

Il viaggio fotografico implica una scoperta e una riflessione perché porta ad osservare il mondo lentamente e con attenzione, proprio come quello svolto dal fotografo Federico Pacini, che con il libro fotografico Purtroppo ti amo, edito dalla casa editrice Quinlan, ha voluto intraprendere un cammino tra le vie della sua città, Siena.

Un amore sconfinato quello che il fotografo nutre verso la città toscana, ma con quel purtroppo che denota un accenno di tristezza e di rimpianto verso un rapporto affettivo che con il tempo è inevitabilmente mutato. Sentimenti che tutti, almeno una volta nella vita, hanno provato verso il proprio borgo natio e che Pacini osserva dettagliatamente con occhi nostalgici di chi vuole comprendere i cambiamenti in atto.

Il fotografo armato della sua macchina fotografica percorre silenziosamente le strade di Siena, rubando momenti effimeri e frammenti di vita, che diventano motivo di riflessione e specchio di una situazione contraddittoria e incerta che non coinvolge solo la città toscana ma che diventa metafora dell’intero periodo storico attuale, dalla politica instabile e dal precoce invecchiamento della popolazione e dei suoi luoghi.

La città di Siena, quella delle antiche glorie, dalle poderosa mura e dalla splendida piazza, ove si svolge il famoso Palio, cela una melanconia profonda che trova una sua naturale esplicazione negli appunti visivi di Pacini, che parlano di un passato remoto e di un presente incerto stigmatizzato «dalle vicende della Banca Monte dei Paschi». I segni di una debolezza e di un attesa senza tempo che si colorano di mille sfumature e che concorrono a creare un racconto visivo di profondo valore affettivo e conoscitivo, fotografie come le ha definite Elio Grazioli “calibrate e discrete nel loro messaggio, non chiassoso né retorico, quasi silenzioso anzi, di un silenzio che sa farsi strada nelle menti”.

Uno sguardo neutro ma partecipe, che non pretende di assolvere o condannare la città, ma che semplicemente vuole svelarne i dettagli, gli scorci e gli angoli nascosti delle viuzze e delle strade della città accarezzandone la superficie quasi in punta di piedi.

Purtroppo ti amo è un racconto in immagini, che ha avuto l’onore di riceve la menzione al premio Hemingway, il cui volume è ulteriormente arricchito dai contributi critici di Burk Uzzle e di Elio Grazioli.

Comments

comments

SHARE
Previous articleIl fascino delle Alpi. Disappeared di Luca Prestia
Next articleSin. Una eredità italiana
Claudia Stritof
Claudia Stritof (1988, Locri; vive e lavora a Bologna, Italia) ha frequentato il liceo artistico sezione scultura e decorazione plastica e si è laureata in Storia e Tutela dei Beni Artistici dell’Università degli Studi di Firenze (2012) per poi conseguire la laurea magistrale in Arti Visive presso l’Alma Mater Studiorum di Bologna, specializzazione in Teoria e Pratiche della Fotografia. E’ interessata al giornalismo artistico, alla curatela e in particolare il campo fotografico e ciò che più l’appassiona. Scrive per passione e cerca di farlo per professione, ha all’attivo pubblicazioni per cataloghi di mostre e articoli per riviste online.

1 COMMENT

LEAVE A REPLY