PERUGIA. Fino all’11 gennaio 2015, negli spazi espositivi dell’Ex Fatebenefratelli, appena restaurato, e nel Museo di Palazzo Penna, si terrà la mostra Sensational Umbria by Steve McCurry. In esposizione 100 scatti del grande fotografo statunitense che narrano il viaggio che l’artista ha compiuto in Umbria in diverse occasioni. Raccontate col suo obiettivo il fascino che la terra e la gente di questi luoghi hanno esercitato su di lui ma anche la quotidianità, la storia e le tradizioni di una Regione già proiettata e già immersa nel futuro.

 

Steve McCurry, Piazza with 6 "ceraioli", Piazza del Duomo, Gubbio
Steve McCurry, Piazza with 6 “ceraioli”, Piazza del Duomo, Gubbio

 

La mostra costituisce un’inedita guida fotografica cui corrispondono percorsi turistici che offriranno l’opportunità di seguire il viaggio che l’artista ha compiuto durante la realizzazione del suo lavoro, ma anche e soprattutto contribuiranno a suscitare curiosità, emozioni e a ritrovare il fascino della scoperta e rientra, quindi, in un più ampio progetto di valorizzazione del territorio umbro.

 

Steve McCurry, Man walks through the fields, Assisi
Steve McCurry, Man walks through the fields, Assisi

 

Per raccontare una terra e un viaggio quale miglior mezzo che l’immagine fotografica. E al nome di Steve McCurry si associa il termine fotografia, in qualsiasi lingua si declini. Il suo lavoro è diventato quasi uno storytelling della nostra società contemporanea, al di là di barriere linguistiche e culturali. McCurry del resto ha deciso di curare personalmente l’allestimento della mostra e del suo catalogo ampliando il progetto regionale “Sensational Umbria” di una serie di scatti sull’Umbria provenienti dal suo archivio personale.

 

Steve McCurry, A woman in costume for the Perugia Medieval Summer Festival, Around the City; Mercato delle Gaite, Bevagna
Steve McCurry, A woman in costume for the Perugia Medieval Summer Festival, Around the City; Mercato delle Gaite, Bevagna

 

Il fotografo, inoltre, ha deciso di devolvere per una attività di charity la quota parte di introiti sui ticket della mostra e sul catalogo; sarà lo stesso artista, durante il suo prossimo viaggio in Umbria, a scegliere l’intervento cui destinare gli introiti.

 

Infowww.sensationalumbria.eu

 

Comments

comments

LEAVE A REPLY