SONDRIO. Le opere di Beba Stoppani, del progetto ‘0° a 5000 mt‘ saranno ospitate alla Sala Ligari del Palazzo della Provincia di Sondrio per la mostra “Fai s.o.s. Pianeta Terra” per Amy -D Arte Spazio.

La potenza della fotografia diventa mezzo per stimolare una riflessione sullo stato del nostro pianeta, con l’obiettivo di preservarlo per poterne godere bellezza e risorse. “0° a 5000 mt” è un eco-progetto sul ghiacciaio del Rodano e il suo drammatico scioglimento che la fotografa Beba Stoppani ha immortalato nella torrida estate del 2015.

 

beba-stoppani_pietas
Beba Stoppani, Pietas

 

Già nel titolo del suo lavoro, la Stoppani ci annuncia che il suo è un grido di dolore di fronte al dramma dello scioglimento dei ghiacciai. L’autrice si trovava a Rodano (Svizzera), ai piedi del ghiacciaio, quando l’ondata di calore “anomala” del luglio 2015, raggiunte le Alpi, lo faceva sciogliere come, dice la Stoppani, “un ghiacciolo nelle mani di un bambino”.

 

 

I dati geologici parlano chiaro e sono incontrovertibili: dal 1850 il ghiacciaio del Rodano è diminuito di oltre 3 chilometri. Nelle tre settimane di canicola del luglio 2015 è arretrato di ben 6 metri.

Ma un conto è venirne informati, tutt’altra cosa vedere tale disastro sotto gli occhi, partecipare emotivamente al declino e alla sofferenza di questo gelido gigante.

 

beba-stoppani_fotoinstallazione_senza-titolo
Beba Stoppani, fotoinstallazione senza titolo

 

Beba Stoppani non si è limitata a documentare la tristezza e al contempo la grandiosità del ghiacciaio ma si proposta, con le sue immagini, di farci provare e sentire queste sensazioni, come l’esito simbolico e pregnante del nostro comportamento folle nei confronti di una natura che pure ci nutre e di cui facciamo parte.

Lei il ghiacciaio lo osserva, quasi fosse un malato grave, con uno sguardo impotente, carico di pietas. Lo sguardo di chi assiste amorevolmente un sofferente, cui si dovrebbero prestare subito cure appropriate.

Così il ghiacciaio – riparato sotto teli che ne lasciano scoperte alcune parti, simili a membra consunte – rivela ancor di più il suo declino, la sua scoraggiante vulnerabilità.
Sembra una “persona”, a cui si vorrebbe, in un gesto d’amore, restituire anche la forza perduta, la dignità e la sua storia.

 

Fai s.o.s. Pianeta Terra

Dove: Sala Ligari – Palazzo della Provincia di Sondrio, via XXV Aprile 22, Sondrio

Quando: 15 ottobre – 5 novembre 2016

Orari: 10-12 e 15-18.30

Ingresso: gratuito

 

La mostra rientra nell’ambito del progetto di condivisione “X – CHANGE” a cui si aggiungono opere di Miola e Lee.

Comments

comments

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here