Home Books Le istantanee di Weiss per capire la Grande Guerra

Le istantanee di Weiss per capire la Grande Guerra

Le istantanee di Weiss per capire la Grande Guerra
La grande guerra, Tra le righe libri.

1915-2015, il centenario dell’entrata nella Prima Guerra Mondiale dell’Italia. Un conflitto “vinto” dal nostro Paese assieme ai propri alleati, a caro prezzo, con la perdita di innumerevoli giovani vite. Libri come La Grande Guerra (edizioni: Tra Le Righe Libri) sono indispensabili per ricordare gli avvenimenti di quel drammatico, per noi almeno, triennio.

Un racconto fotografico di inestimabile valore questo curato da Bruno Giannoni, che ci tramanda un resoconto, in immagini e parole, di uno scorcio di ciò che hanno vissuto gli uomini del Regio Esercito Italiano ed, in particolare, il “protagonista” del volume: il Tenente d’Artiglieria Gustavo Weiss. Il soldato apparteneva alla Sezione Cartografia del Fronte della Carnia – Comando del XII Corpo d’Armata “Carnia” e, come afferma il curatore: “con il cognome che si ritrovò sarebbe stato certo che i “ragazzi” dell’altra parte lo avrebbero appeso subito per il collo se lo avessero catturato”. Una prefazione molto ben scritta quella di Giannoni che introduce un excursus visivo, di grande impatto emotivo.

 

una delle foto contenute nel volume

 

I luoghi immortalati da Weiss nelle istantanee sono quelli del Fronte Carnica, ma la prima foto che si incontra è quella del Tenente, un volontario, discendente di due Wachtmeister (Sottoufficiali della Guardia dell’Impero Austroungarico) originari di Pilsen (Boemia). Interessante il dettaglio dell’apparecchio fotografico fornitoci dal curatore, che descrive così: “si avvalse di una macchina portatile in cui, per avere il negativo, non erano utilizzate pellicole, bensì venivano utilizzate delle lastrine di vetro, ognuna sufficiente per due pose, di un millimetro di spessore, 42mm x 105mm., su cui era applicata una emulsione fotosensibile a base di Sali d’argento.

Nota da segnalare sulle fotografie è che queste sono inserite nel volume senza alcuna alterazione tecnica o fotoritocco. Dunque si possono apprezzare in tutto il loro “splendore” veritiero, la storia è proprio davanti ai nostri occhi.

 

 

un particolare del volume

 

Scorrendo le pagine del volume si trovano scatti dell’artiglieria a lunga gittata del Fronte Carnico, sempre corredate da descrizione nella pagina a fianco, che si mescolano ai volti dei nostri soldati, talvolta sorridenti, in posa, altre volte in movimento, intenti nel rispondere ai colpi del nemico. Uno spazio è riservato al Re Vittorio Emanuele III e al suo rapporto col fronte. Egli si stabilì in una residenza nelle retrovie del Fronte Carnia del XII Corpo d’Armata, nei pressi di Torreano di Mortignacco, vicino Udine; questo almeno fino alla disfatta di Caporetto. Impressionanti sono invece gli scatti strappati sulla Linea del Fronte, con gli Alpini in marcia sulla neve, dove le parole del curatore recitano: “Con le mani senza guanti si tengono alla corda del capocordata, puntano i piedi, si puntellano con i piccozzini.” Concentrandosi sull’immagine si avverte persino una sensazione di freddo. Interessanti sono le foto delle retrovie, nelle quali si carpisce qualche momento di vita quotidiana dei soldati al fronte, unici istanti di quiete che vengono loro concessi.

 

 

una delle foto contenute nel volume

 

 

Paesaggi montani mozzafiato di cento anni fa con alberghi e laghi, luoghi di villeggiatura che mutano in zone di guerra, balzano fuori dal volume, tolgono il fiato, fanno riflettere.

La messa, le croci dei caduti, alcuni ritratti del nemico prigioniero, tutte queste particolarità sono presenti nel volume prima che inizi la parte dedicata alle aerofotografie scattate da velivoli ricognitori con macchine fisse sulla carlinga. Non meno affascinanti delle precedenti, solamente più distanti.

Chiude il volume una cartolina postale per la Festa di San Marco con i versi di un canto dei profughi di Venezia.

Un libro di spessore questo La Grande Guerra Attraverso le istantanee del tenente Gustavo Weiss del Regio esercito italiano, edito dall’attenta Tra Le Righe. Speriamo di poter rivedere altre testimonianze del genere, nel mentre non fatevi sfuggire questo volume.

 

 

[quote_box_center]LA GRANDE GUERRA 
Attraverso le istantanee del tenente Gustavo Weiss del Regio Esercito Italiano
A cura di Bruno Giannoni – Editrice Tra Le Righe Libri

Pagine 202 – Euro 20,00
ISBN 9788899141059
Illustrazioni: 90[/quote_box_center]

Exit mobile version