fbpx
MostreItaliaSendai City. L'ultimo progetto di Marco Bolognesi in mostra...

Sendai City. L’ultimo progetto di Marco Bolognesi in mostra a Bologna

-

spot_img

BOLOGNA. Sarà allestito fino al 15 febbraio alla galleria Abc il secondo capitolo dell’esclusiva internazionale di “Sendai City. Alla fine del futuro”, ultimo progetto di Marco Bolognesi. La mostra è un progetto multi articolato a cura di Valerio Dehò dove, durante i giorni della mostra, i visitatori entreranno fisicamente in una città-mondo cyberpunk.

 

Marco Bolognesi, Police spaceship, Particolare tratto da un diorama. Collage di giocattoli e materiale plastico, Base 50x50 altezza 45 cm, 2014
Marco Bolognesi, Police spaceship, Particolare tratto da un diorama. Collage di giocattoli e materiale plastico, Base 50×50 altezza 45 cm, 2014

 

Il pubblico entrerà nelle ambientazioni e incontrerà i personaggi della vita a Sendai in un complesso e interattivo percorso espositivo che va dalla fotografia al video, dal disegno al collage, dalla performance alla realtà aumentata. Punto centrale della macroinstallazione sarà il grande plastico della città, un’istallazione di 3mx3m costruita utilizzando oggetti di uso comune, materiale di recupero e giocattoli dove reale e virtuale si mescolano e si intersecano grazie all’utilizzo della realtà aumentata, costruendo un doppio piano di immagini: il primo percepibile a occhio nudo, il secondo grazie all’utilizzo di tablet. Due livelli di realtà e percezione che ritroveremo in tutto il racconto del Bomar Universe.

Lungo il percorso si incontrano una nave spaziale – la Skeleton Arcadia, costruita con 300 giocattoli – al cui interno troviamo le immagini panoramiche di Sendai City vista dall’alto, accompagnate dalle musiche di Emanuele De Raymondi, un’installazione di Meccano che proietterà il secondo capitolo del video d’artista Blue Unnatural, sculture realizzate con la tecnica del collage e un’estesa e suggestiva serie di disegni a pastelli colorati. Chi governa questo universo? Una serie di fotografie di grandi dimensioni ritraggono i personaggi della Sendai Corporation, esercito, guardiane della city, spie e sacerdotesse; una panoramica tutta al femminile, tra i livelli della piramide di comando della multinazionale Sendai che presenta le tribù e i corpi d’armata che la costituiscono.

 

Marco Bolognesi. Codex blu. You are nothing! Progetto: C.O.D.E.X BLUE. Lambda Print su bdond e plexiglass. Formati: 125x167cm, 97x125cm,74x100cm. 2008
Marco Bolognesi. Codex blu. You are nothing!
Progetto: C.O.D.E.X BLUE.
Lambda Print su bdond e
plexiglass. Formati:
125x167cm,
97x125cm,74x100cm. 2008

 

EVENTI. Tra gli appuntamenti collaterali alla mostra spicca l’anteprima nazionale, alla Cineteca di Bologna, venerdì 6 febbraio, dei primi due capitoli del video d’artista Blue Unnatural, introdotta per l’occasione dall’autore, regista e giornalista Carlo Lucarelli. Inoltre, in programma per sabato 14 febbraio, la festa di finissage: Blue Valentine a Sendai City, in collaborazione con SetUp Art Fair, con dress code ispirato al mondo cyber- punk e alle donne blu di Bolognesi.

Blue Unnatural è il racconto in cui si ritrovano i personaggi di questa produzione: donne, mutanti, robot, e cyborg; ma il vero cuore dell’opera rimane la città, con il suo aspetto fantascientifico e cyberpunk, la sua forma architettonica modulare e la struttura a rete, dove la mescolanza di razze, linguaggi e tipologie di esseri raccontano il potere della tecnologia e dell’informazione, la globalizzazione e il passaggio dalla nozione di post-umano a quella di post-mutante. Per la realizzazione di Blue Unnatural Bolognesi ha tratto ispirazione anche dal maestro di genere Antonio Margheriti.

Accompagnerà la mostra un volume NFC edizioni con intervista di Valerio Dehò a Marco Bolognesi e interventi di Massimo Sgroi, Roberto Terrosi, Pierluigi Molteni e Nicola Dusi.

 

Marco Bolognesi. Brainregenrate Alien sysyem Cod.K‐785 Progetto: Cyborg Faces.
Marco Bolognesi. Brainregenrate
Alien sysyem
Cod.K‐785 Progetto: Cyborg Faces.

 

 

Classe 1974, Marco Bolognesi nasce a Bologna, dove fin da ragazzo entra in contatto con personaggi del mondo dell’arte come Elvio Mainardi, Alberto Sughi, Guido Crepax e Roberto Roversi. Bolognesi si dedica al disegno, poi al cinema, realizzando opere video per la RAI che presenterà al Giffoni Film festival e alla Biennale di Venezia nel 1994 e nel 1996. Il 2002 è l’anno del cambiamento, si trasferisce a Londra, realizza la sua prima personale, Woodland (2005), alla Cyntia Corbett Gallery. E’ un periodo intenso quello di Londra, in cui Bolognesi si ritrova a lavorare ai 3 Mills Studio. Lavora con il collage, il disegno, la fotografia di moda, ma capisce che dove diventare “il migliore in qualche segmento”. Nel 2003 conosce Carlo Lucarelli, al quale dice “ho un mondo da proporti”. Nel 2009 Einaudi pubblica Protocollo, capitoli di un universo a cui Bolognesi inizia a pensare, e su cui Lucarelli scrive un racconto, un mondo cyber-punk in cui “vedi una realtà che non c’è”, una visione che nasce da elementi autobiografici “essendo monocolo vedo in modo diverso dal tuo”. Nel 2011 partecipa alla collettiva londinese What made us famous a fianco di artisti quali Damien Hirst, Helmut Newton, Sarah Lucas. Nel maggio 2012 il Festival di Fotografia Europea di Reggio Emilia presenta il suo ultimo lavoro Humanescape, in cui si avvale della collaborazione di artisti internazionali come Bruce Sterling e Jasmina Tešanovic. La sua ultima mostra è L’Orlando Furioso: Incantamenti, passioni e follie a cura di Sandro Parmiggiani, presso Palazzo Magnani, ‪a Reggio Emilia‬.

 

Quando: dal 17 gennaio al 15 febbraio 2015

Dove: ABC, Via Alessandrini 11 – Bologna

Orari: dal martedì al sabato dalle 17.30 alle 19.30.Domenica e lunedì chiuso

Info: cel. 320. 918 83 04; www.abcbo.it

Ingresso: gratuito