L’omaggio a Canova nelle fotografie di Alessandra Chemollo

-

spot_img

La Fondazione Querini Stampalia di Venezia ospita fino al 27 marzo l’esposizione fotografica di Alessandra Chemollo dal titolo “In Luce”.

La mostra fotografica, a cura di Maddalena Scimemi e allestita nell’Area Carlo Scarpa, è un omaggio alla straordinaria eredità artistica lasciata dallo scultore del neoclassico Antonio Canova, nel bicentenario della sua morte.

in luce Alessandra Chemollo mostra venezia
Alessandra Chemollo

L’omaggio di Alessandra Chemollo a Canova

La narrazione per immagini parte dal bozzetto in creta di Canova custodito dalla casa museo veneziana e realizzato per una statua di Letizia Ramolino Bonaparte. Il bozzetto è stato donato dal fratellastro dell’artista nel 1857 (vescovo Giovanni Battista Sartori) al fondatore (il conte Giovanni Querini).

Tre sono le personalità che, in un unica combinazione artistica, si concatenano l’uno con l’altra nella narrazione espositiva. Sullo sfondo veneto ci sono lo scultore di corpi Antonio Canova, l’architetto ideatore di storici allestimenti museali Carlo Scarpa e la fotografa specializzata in fotografia d’architettura Alessandra Chemollo. Tre vertici per un’idea di curatela di Scimemi.

L’esposizione è il risultato di un reportage composto da circa 50 fotografie realizzate nell’estate del 2016 a Possagno, alla Gypsotheca di Canova. Un reportage concepito per una pubblicazione del libro “Carlo Scarpa. La Gipsoteca Canoviana di Possagno” di Mondadori Electa.

La mostra, promossa con Museo Gypsotheca Antonio Canova in collaborazione con Bugno Art Gallery, è la rappresentazione percettiva della fotografa che completa una ricerca trentennale dedicata all’intero catalogo di Carlo Scarpa e confluita in diversi volumi ed esposizioni, provvedendo a trasmettere strumenti di conoscenza irrinunciabili per gli studiosi.

in luce Alessandra Chemollo mostra venezia
Alessandra Chemollo

La Gypsotheca di Canova

La parola greca gypsotheca significa raccolta di gessi. Infatti, quella sita a Possagno, in provincia di Treviso, è la più ampia e autorevole Gypsotheca monografica d’Europa.
L’edificazione di questo luogo a partire dal 1834, a cura dell’architetto Francesco Lazzari di Venezia e sotto la direzione di Giovanno Zardo, fu voluta dal vescovo Giovanni Battista Sartori con l’intenzione di dare degna ospitalità ed esposizione a tutte le opere presenti, in origine, nello Studio romano in Via delle Colonnette. A partire dal 1829 si effettuò il trasferimento da Roma, con tutte le implicazioni tecniche dell’epoca, fino a Possagno su carri.
I lavori iniziarono nel 1834 e l’allestimento fu terminato nel 1844 dopo il restauro delle opere a cura dello scultore Pasino Tonin, primo conservatore della Gypsotheca. L’ampliamento del 1957 realizzato Carlo Scarpa fu eseguito dopo alcune gravi disavventure vissute dal museo nella Prima e nella Seconda Guerra Mondiale. Infatti, l’allestimento attuale è quello di Scarpa realizzato nel pieno rispetto e concetto museologico di Giovanni Battista Sartori.
Il Museo Antonio Canova di Possagno che comprende la Gypsotheca, la Casa Natale, il Giardino, Brolo e Parco sono tutti ambienti che fanno parte di un percorso necessario per apprendere e comprendere i capolavori realizzati dal divino scultore, modelli da cui sono stati compiuti i marmi commissionati e ora presenti nei più grandi Musei del Mondo.

“in Luce”. Fotografie di Alessandra Chemollo nella Gypsotheca di Possagno
DoveFondazione Querini Stampalia Campo Santa Maria Formosa, 5252, Venezia
QuandoFino al 27 marzo 2022
Orari da martedì a domenica dalle 10 alle 18. Chiuso il lunedì
IngressoIntero 14 euro; ridotto 10 euro.
Infowww.querinistampalia.org
The Mammoth's Reflex
The Mammoth's Reflexhttps://www.themammothreflex.com
Tutte le news sulla fotografia condivise dalla redazione. Contact: redazione@themammothreflex.com

Fotografia Europea 2024

spot_img

Ultimi articoli

Mostre ed eventi: tutta la bellezza di Fotografia Europea 2024

È ormai tutto pronto per la nuova edizione di Fotografia Europea 2024 a Reggio Emilia. Il festival fotografico, ormai...

Cosa vedere alla Biennale della Fotografia Femminile di Mantova?

Giunta alla terza edizione, la Biennale della Fotografia Femminile di Mantova per il 2024 si trasformerà per un mese...

Eve Arnold, 170 fotografie da vedere a Forlì

Le sale del Museo Civico San Domenico di Forlì si aprono a una leggenda della fotografia del XX secolo:...

You might also like
- potrebbero interessarti -