fbpx
MostreItaliaCom'è cambiato il fiume Gange: ecco le foto Giulio...

Com’è cambiato il fiume Gange: ecco le foto Giulio Di Sturco

-

spot_img

10 anni di ricerca fotografica sul fiume Gange. Le fotografie di Ganga Ma (Madre Gange) di Giulio Di Sturco sono esposte a Milano al BAG-Bocconi Art Gallery, lo spazio di Mia Fair nell’Università Bocconi a Milano.

La personale, nata in partnership con la Podbielski Contemporary gallery, presenta il risultato di una ricerca fotografica durata dieci anni sul fiume Gange, nel quale Giulio Di Sturco ha documentato gli effetti dell’inquinamento, dell’industrializzazione e dei cambiamenti climatici.

Le riflessioni di Giulio Di Sturco sul Gange

Il progetto di Di Sturco accompagna il Gange per 2.500 miglia, dalla fonte nell’Himalaya in India al delta nella Baia di Bengal in Bangladesh, raccontando come si trovi sospeso tra la crisi umanitaria e il disastro ecologico.

Il Gange è un esempio emblematico della contraddizione irrisolta tra uomo e ambiente, poiché è un fiume intimamente connesso con ogni aspetto – fisico e spirituale – della vita indiana. Tutt’oggi costituisce una fonte di sussistenza per milioni di persone che vivono lungo le sue rive, fornendo cibo a oltre un terzo della popolazione indiana. Il suo ecosistema include una vasta eterogeneità di specie animali e vegetali, che stanno però scomparendo a causa dei rifiuti tossici smaltiti ogni giorno nelle sue acque.

Le fotografie di Ganga Ma spaziano dalla banalità del quotidiano a una condizione quasi surreale. Quasi a evidenziare l’infermità causata dall’uomo al corpo del fiume, Di Sturco ha adottato una strategia estetica singolare, presentando immagini che a una prima occhiata appaiono piacevoli e poetiche, ma che poi rivelano la loro vera natura.