Pulitzer 2019. Tra i vincitori anche il fotografo Lorenzo Tugnoli

697
tugnoli yemen premio pulitzer 2019
Mohammed Salim al-Buhar, left, commander of the Shabwani Elite Forces, walks outside a grocery store in the village of Azzan. The village was under the control of al-Qaeda until Buhar’s militia liberated the area in December 2017. His militia is aligned with a coalition led by Saudi Arabia and the UAE and is operating in the area in the fight against Al-Qaeda. (December 31, 2018) Photo by Lorenzo Tugnoli/ The Washington Post/ Contrasto

C’è anche un fotografo italiano, Lorenzo Tugnoli, tra i vincitori dei premi Pulitzer 2019, importanti riconoscimenti assegnati per il giornalismo, la letteratura e la musica.

Il reporter, che lavora con il Washington Post, ha vinto nella categoria Feature Photography per “il racconto fotografico della tragica carestia nello Yemen, mostrato attraverso immagini in cui bellezza e compostezza si intrecciano con la devastazione“.

ADEN, YEMEN – MAY 21st, 2018: Taif Fares gasps for air in the Intensive Care Unit of the al-Sadaqa Hospital. She was born with a heart disorder requiring constant care. There are no doctors in the hospital and availability of oxygen and medicines has been discontinuous. Taif died few days after this photo was taken. A violent confrontation between a member of the militia that control al-Sadaqa hospital and a doctor on May 14th led to a strike of all the doctors in the hospital. They demand the militia to leave the hospital. The strike created a dangerous situation for many of the patients. Children in the Intensive Care Unit and in the malnutrition wards couldn’t see a doctor for days. Photo by Lorenzo Tugnoli/ The Washington Post/ Contrasto

Il suo lavoro nello Yemen

Dopo quasi quattro anni di conflitto nello Yemen, secondo le Nazioni Unite, almeno 8,4 milioni di persone sono a rischio di fame e 22 milioni di persone – il 75% della popolazione – hanno bisogno di assistenza umanitaria.

Nel 2014, i ribelli musulmani di Houthi Shia hanno conquistato le aree settentrionali del paese, costringendo il presidente, Abdrabbuh Mansour Hadi, all’esilio. Il conflitto si diffuse e si intensificò quando l’Arabia Saudita, in coalizione con altri otto stati arabi prevalentemente sunniti, iniziò attacchi aerei contro gli Houthi.

Nel 2018, la guerra aveva portato a ciò che l’Onu definì il peggior disastro umanitario creato dall’uomo. L’Arabia Saudita ha detto che l’Iran – uno stato a maggioranza sciita e il loro potere regionale rivale – stava sostenendo gli Houthi con armi e rifornimenti, un’accusa che l’Iran ha negato. La coalizione guidata dai sauditi ha attuato un blocco sullo Yemen, imponendo restrizioni all’importazione di cibo, medicinali e carburante.

Le carenze risultanti hanno esacerbato la crisi umanitaria. In molti casi, le condizioni di quasi carestia sono state causate non tanto dall’indisponibilità del cibo, ma dal momento che sono diventate inaccessibili, fuori dalla portata della maggior parte degli yemeniti a causa delle restrizioni all’importazione, dell’aumento dei costi di trasporto a causa della scarsità di combustibile, di una valuta in calo e di altri interruzioni di fornitura causate dall’uomo.

Con questo progetto Tugnoli ha vinto anche il 1° premio per la categoria General News Story ai World Press Photo Award2019 assegnati solo pochi giorni fa.

lorenzo tugnoli
lorenzo tugnoli (ph: fb)

Chi è

Lorenzo Tugnoli, nato e cresciuto a Lugo, in Italia, è un fotoreporter e giornalista al Washington Post. I suoi lavori sono stati pubblicati da diverse riviste internazionali. È rappresentato dall’agenzia Contrasto e risiede a Beirut.

Tugnoli ha coperto ampiamente il Medio Oriente e nel 2014, in collaborazione con la scrittrice Francesca Recchia, ha pubblicato “Il piccolo libro di Kabul”, un ritratto della capitale dell’Afghanistan attraverso la vita quotidiana degli artisti della città.

Comments

comments