Home It happens A Rimini un nuovo spazio indipendente dedicato alla fotografia

A Rimini un nuovo spazio indipendente dedicato alla fotografia

Nasce a Rimini un luogo dedicato all’immagine di nuova generazione con l’occhio rivolto all’Europa, uno spazio indipendente dedicato alla fotografia. Il suo nome? Riu.

A Rimini un nuovo spazio indipendente dedicato alla fotografia

RIMINI. Hanno scelto il 1° aprile come data d’apertura ufficiale di Riu, uno spazio indipendente dedicato alla fotografia con l’ambizione di diventare presto sede di dibattito, attività didattica, eventi e mostre e l’obiettivo di affiancare alla produzione di giovani autori italiani quella di fotografi stranieri.

Un ambito fisico ed ideale di esplorazione e mappatura del complesso mondo dell’immagine fotografica contemporanea che sorge, non a caso, sull’argine sinistro del fiume Marecchia, dove è prossimo al suo sbocco in mare. RIU, in dialetto catalano “fiume”, nasce dal desiderio dei suoi quattro giovani fondatori, Federica Landi, Chiara Medici, Amos Lazzarini ed Elisa Brandi, da anni attivi nel mondo della cultura e della fotografia.

 

 

Riu

 

Sebbene con background e formazioni diverse, i quattro hanno unito le forze con l’intento di proporre percorsi culturali aggiornati, di alta qualità e respiro europeo, e che possano portare sul territorio una ricerca sull’immagine di nuova generazione. Cercando di allontanarsi dai cliché e partendo dalla domanda “come nascono e si costruiscono immagini che raccontino qualcosa di noi e del nostro tempo?” RIU si rivolge a tutti coloro, sia amanti che professionisti, che desiderano “scavare” dentro la fotografia, propria e autoriale, e cominciare un percorso di ricerca ragionata sul guardare e comunicare.

 

Riu

 

Collaborazione e partecipazione saranno gli elementi cardine del modo di operare dello spazio RIU che porrà tra le priorità quella di aprirsi anche a contributi esterni da parte di esperti del settore dell’arte visiva e realtà fotografiche di qualità già presenti sul territorio.

In occasione dell’inaugurazione RIU anche una mostra, Fractures, di cui abbiamo parlato qui.

 

Exit mobile version