Workshop di ritratto al collodio umido a Venezia

756
workshop collodio umido venezia

Lo studio Xframe, in collaborazione con la Bottega Fotografica di Dennis Ziliotto, organizza due giornate di workshop interamente dedicate al collodio umido, un antico e affascinante procedimento fotografico inventato da Frederick Scott Archer nel 1852.

Il corso

Si terrà sabato 29 e domenica 30 settembre 2018
dalle ore 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 18.00.

6 ore al giorno, per un totale complessivo di 12 ore.

Durante le due giornate del corso verranno spiegati i concetti generali di questa antica tecnica fotografica, partendo dalla storia, passando attraverso la chimica, per arrivare alla realizzazione di due immagini su lastra in vetro o alluminio di formato 13x18cm, create sia in studio che in esterno (meteo permettendo).

Come funziona

La prima parte del workshop sarà completamente teorica, si andrà a scoprire la nascita di questa tecnica fotografica con alcuni cenni storici, si passerà poi a conoscere i materiali, le chimiche e tutto ciò che si utilizza per creare fotografie al collodio umido.
La seconda parte sarà totalmente pratica, si andrà a realizzare il ritratto al collodio umido su lastra di alluminio che verrà eseguito con un banco ottico ed un’ottica del 1867.
Ogni partecipante avrà così l’opportunità di poter realizzare e portarsi a casa due ritratti realizzati con questa antica tecnica fotografica.

Il docente

Dennis Ziliotto nasce a Noventa Vicentina in provincia di Vicenza nel 1970. Si appassiona fin da molto giovane alla fotografia e dopo qualche anno questa passione diventa professione. Apre da prima lo studio fotografico “Photostudio” sito in Noventa Vicentina provincia di Vicenza dove risiede e lavora per 15 anni. Si trasferisce a Monselice in provincia di Padova dove apre lo studio fotografico “Bottega Fotografica”. Predilige il ritratto ambientato, dove la costruzione della scena e del personaggio sono l’attrattiva maggiore. Sperimenta fin da subito la fotografia in tutte le sue forme partendo dalla pellicola sino ad arrivare alle antiche tecniche quali il collodio umido e la stampa all’albumina. Le sue opere sono un insieme di fantasia e personaggi bizzarri, dove si possono intravvedere influenze cinematografiche e pittoriche ispirate dai suoi registi preferiti (Burton, Lynch e Wenders) e pittori (Goya, Bosch, e Caravaggio).

Costi

La quota di partecipazione è di € 180,00.
Nel prezzo sono incluse le spese dei materiali per la realizzazione di due ritratti per ogni partecipante, non sono invece incluse le spese di vitto ed alloggio.

Solo 10 posti disponibili

Comments

comments