Efrem Raimondi si racconta ai ‘caffè dei maledetti fotografi’

Il fotografo Efrem Raimondi sarà il protagonista di un incontro a LaBottega, intervistato giornalista Enrico Ratto.

1255
Efrem Raimondi
Efrem Raimondi

MARINA DI PIETRASANTA (LU). Un fotografo talentuoso e eclettico, con un blog sulla fotografia (tra i migliori e più polemici,come da premessa dell’autore). Efrem Raimondi sarà il protagonista della prossima intervista pubblica curata dal giornalista Enrico Ratto in programma per domenica 4 settembre (ore 18.30) a LABottega.

Passione, dettaglio e Vasco (inteso come Rossi) possono essere tre segni per seguire il percorso professionale di Raimondi che comincia a fotografare nel 1980 con un reportage sull’Irpinia terremotata, ma è nel 1983 che inizia le prime collaborazioni. Ha lavorato con riviste italiane e internazionali (tra le quali: Stern, GQ America e Italia, Men’s Health Italia, Rolling Stone It, Vanity Fair It, Capital, Max, Interni, Abitare, Grazia, Domus, NOVA ) e realizzato monografie e campagne pubblicitarie per brand internazionali (per citarne alcuni: Cassina, IBM, Trussardi, Prada, EMI Records).

La passione e il dettaglio sono gli elementi che contraddistiungono i suoi lavori sia nel campo degli scatti dedicati ai ritratti che in quello del design. I ritratti dei tanti personaggi che ha incontrato e fotografato (da Monica Bellucci a Carlo Cracco, da Zlatan Ibrahimovic a Mario Draghi, da Francesca Piccinini a Philiph Starck, ecc.) sono sempre realizzati cercando di individuare dettagli che possano raccontare anche di più dell’intero viso. “Sono attratto dal marginale che dice, spesso, cosa c’è dietro “l’intero”. Una fotografia realizzata senza pregiudizi e senza velleità di cogliere l’anima delle persone. Semplicemente il suo punto di vista; il suo linguaggio. Anche nelle sue foto di design, il dettaglio è prepotentemente in primo piano, ma si tratta di un particolare che aggiunge e spiega.

Nel 2012, Efrem Raimondi ha pubblicato, con Toni Thorimbert, il libro TABULARASA per Mondadori: 27 anni di fotografia con Vasco Rossi. Gli scatti di Raimondi seguono quelli di Toni Thorimbert che avvia il progetto nel 1985.

Le sue opere sono state esposte in diverse Gallerie e Musei, quali: Galleria il Diaframma, La Triennale di Milano, Accademia Carrara Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea, Museo di Arte Contemporanea Pecci di Prato, Museo Internazionale e Biblioteca della Musica di Bologna. Alcune delle sue opere fanno parte di collezioni pubbliche e private. É stato membro, unico italiano, dell’Hasselblad Mas. Famosi i suoi ritratti a personaggi della cultura, dell’arte, della politica e dello spettacolo. Al ritratto affianca un lavoro di ricerca artistica sul paesaggio.

 

Ingresso libero.