fbpx
AppuntamentiFestivalFotoleggendo 2015, a giugno l'undicesima edizione

Fotoleggendo 2015, a giugno l’undicesima edizione

-

spot_img

ROMA. Dal 4 giugno al 2 luglio a Roma torna FotoLeggendo, la rassegna di fotografia e lettura delle immagini che dal 2005 coinvolge appassionati e professionisti del mondo dell’immagine e dell’arte contemporanea prodotta e organizzata (dal 2008) da Officine Fotografiche.

Gemellata dal 2006 con Boutographies – Rencontres photographiques de Montpellier, con la quale avviene uno scambio di mostre e di ospitalità, Fotoleggendo 2015 ha in programma tantissime mostre, incontri, letture portfolio e workshop.

 

Colonia di Shvut Rachel, West Bank, 2013. Uno delle decine di cani posti a guardia del perimetro esterno della colonia. Il sistema che lega gli animali uno all'altro a staffetta impedisce qualsiasi passaggio inosservato. La maggior parte delle colonie sono circondante da barriere fisiche di diverso tipo (mura, barriere elettrificate, telecamere) il cui scopo è prevenire l'ingresso dei palestinesi alle colonie così come alle terre limitrofe.
Colonia di Shvut Rachel, West Bank, 2013.
Uno delle decine di cani posti a guardia del perimetro esterno della colonia. Il sistema che lega gli animali uno all’altro a staffetta impedisce qualsiasi passaggio inosservato. La maggior parte delle colonie sono circondante da barriere fisiche di diverso tipo (mura, barriere elettrificate, telecamere) il cui scopo è prevenire l’ingresso dei palestinesi alle colonie così come alle terre limitrofe.

 

MOSTRE. Si inizia con Paolo Verzone (Agence VU), vincitore del 3° premio Portraits, Stories del World Press Photo 2015, che esporrà nella sede di Officine Fotografiche il reportage Cadetti, realizzato nelle più importanti accademie militari europee. All’ISA sarà invece presente l’installazione Mare Nostrum di Massimo Sestini, altro vincitore del World Press Photo 2015 (2° premio General news). Entrambe le mostre sono curate da Tiziana Faraoni.

Non solo. In mostra anche gli scatti di Pietro Masturzo che nel 2010 ricevette il prestigioso premio World Press Photo picture of the year e che per Fotoleggendo presenta un complesso lavoro di documentazione Fact on the ground, curato da Annalisa D’Angelo, sulle colonie israeliane.

L’Esodo è una mostra curata da Emilio D’Itri che nasce dalla volontà della commissione scientifica di FotoLeggendo di creare un momento di riflessione sulla tragedia degli sbarchi e dell’immigrazione in Europa. Una raccolta di immagini iconiche di fotografi come Francesco Zizola, Davide Monteleone, Stefano De Luigi, Alessandro Penso, che raccontano appunto “l’esodo” dai tempi dei primi barconi che arrivavano in Italia dall’Albania con il loro carico di disperazione e speranza, alle ultime drammatiche immagini. La mostra sarà allestita “en plain air” lungo Via del Commercio (attigua all’ISA).

Il paese dei curdi” fotografie di Lorenzo Meloni e Metrography. Un progetto a cura di Zona, una mostra fotografica prodotta dalla collaborazione di tre festival (Lupus in Fabula, Umbria World Fest e Fotoleggendo) e dedicata al Kurdistan, siriano e iracheno, oggi sotto l’attenzione costante dei media internazionali. Un doppio sguardo : da un lato la visione di Lorenzo Meloni, giovane fotografo italiano, con Rojava, lavoro che ci racconta i tre cantoni laboratorio di autogoverno curdo nati dall’arretramento del regime di Assad; dall’altro lo sguardo locale di Metrography, agenzia irachena fondata nel 2009 con l’obiettivo di creare una fotografia documentaria indipendente in Iraq.

 

Mathis Gaup wades into the herd of pounding reindeer to separate the pregnant cows—the ones that still have antlers—from the rest, briefly grasping one reindeer by her leg to guide her outside the stockade. In 2011 only 50 percent of the females bore calves in the Gaup family's herds in Norway, down from the usual 80 percent. But herders take bad years in stride. "Nature controls the size of the herd," says Mathis's brother, Nils Peder.
Mathis Gaup wades into the herd of pounding reindeer to separate the pregnant cows—the ones that still have antlers—from the rest, briefly grasping one reindeer by her leg to guide her outside the stockade. In 2011 only 50 percent of the females bore calves in the Gaup family’s herds in Norway, down from the usual 80 percent. But herders take bad years in stride. “Nature controls the size of the herd,” says Mathis’s brother, Nils Peder.

 

LETTURE PORTFOLIO. Le letture sono uno degli appuntamenti più attesi per cui sono state pensate due giornate dedicate alla lettura delle immagini e in cui i partecipanti avranno l’opportunità di ricevere una critica costruttiva sui propri lavori da parte di una commissione di riconosciuti photo editor, critici, curatori, giornalisti ed esperti del settore come Laura Serani, Mario Peliti, Alberto Prina, Maurizio Garofalo, Chiara Oggioni Tiepolo, Daria Scolamacchia, Diego Orlando, Manoocher Deghati, Emanuela Mirabelli, Giuliana Prucca e Milo Montelli.

INCONTRI. Oltre alle letture del portfolio, FotoLeggendo presenta un ampio programma di proiezioni, incontri, presentazioni editoriali, workshop, che si succedono per un mese nelle sedi principali della manifestazione e cioè Officine Fotografiche Roma, l’ISA-Istituto Superiore Antincendi di Roma e presso il “circuito” cioè la rete di gallerie che si riunisce ogni anno intorno a FotoLeggendo. Un insolito percorso di spazi culturalmente molto attivi, alcuni centrali, altri in quartieri più periferici della Capitale come : Interzone Galleria, Microprisma e Antropomorpha Fotografia al Pigneto; Associazione Culturale 001 a Tor Pignattara; Another Studio al Mandrione; b>gallery a Trastevere; 10b Photography e Teatro Ambra alla Garbatella e WSP Photography sempre alla Garbatella.

OSPITI. Tra gli ospiti internazionali si può citare la presenza di Jan Rosseel che sarà ospite alla 10b Photography, con la sua densa ricostruzione dei fatti di sangue del Belgian Autumn del 1985; Erika Larsen con il suo lavoro antropologico/naturalistico sulla popolazione Sàmi , il popolo delle renne, curato da Marco Pinna all’ISA e Katrien De Blauwer con I do not want to disappear silently into the night quasi un diario intimo, un recupero delle immagini dalla loro distruzione curata da Lina Pallotta sempre all’ISA.

 

Maysa holds her newborn baby boy and 4th child in her arms as she recovers in a bed at the Maternity ward in Gaza city while a relative looks out the window onto the hospital morgue where corpses are prepared for funeral during Operation Protective Edge in the Gaza strip.
Maysa holds her newborn baby boy and 4th child in her arms as she recovers in a bed at the Maternity ward in Gaza city while a relative looks out the window onto the hospital morgue where corpses are prepared for funeral during Operation Protective Edge in the Gaza strip.

 

EDITORIA. Nell’ambito editoriale, torna a Roma la tappa italiana del prestigioso International Photobook Dummy Award che premia i migliori prototipi di libri fotografici pronti per la stampa (Dummy) selezionati da una giuria internazionale di esperti del settore, e li porta nei maggiori spazi dedicati alla fotografia di tutto il mondo.

RASSEGNE. Per le rassegne video e documentario anche quest’anno il Teatro Ambra alla Garbatella aprirà le porte a FotoLeggendo per tre serate dedicate al video e al documentario, curate da Emiliano Mancuso: un’immersione nella migliore produzione italiana dell’anno, animata da dibattiti con autori e giornalisti. Tra i tanti appuntamenti il documentario Terra di Transito di Paolo Martino e Triangle di Costanza Quatriglio, vincitore del Nastro d’Argento 2015 come miglior documentario italiano.

 

FL2015_ADV

 

Infowww.fotoleggendo.it

Segui, partecipa al festival. Twitta, posta foto, commenti usando l’ #  – #fotoleggendo2015 –