fbpx
Appuntamenti Festival Garbatella Images 2020, un progetto di fotografia diffusa

Garbatella Images 2020, un progetto di fotografia diffusa

-

Garbatella Images 2020 è un progetto di fotografia diffusa che coinvolge lo storico quartiere romano. Qui, fino al 18 ottobre, si può entrare negli spazi di 10b Photography e negli storici lotti della zona.

Organizzato da 10b Photography, ideato e curato dal fotografo Francesco Zizola con la direzione di Oriana Rizzuto, questo evento è ormai già alla sua terza edizione. Propone, tra gli altri, le mostre di Bénédicte Kurzen e Claudia Corrent.

Garbatella Images 2020 Benedicte Kurzen
© Benedicte Kurzen courtesy l’artista

Garbatella Images 2020, le mostre

Garbatella Images è una combinazione tra l’indagine e la riscoperta di fotografie provenienti dagli archivi privati dei residenti del quartiere che si associa alla proposta di nuove opere fotografiche di artisti conosciuti sia a livello nazionale che internazionale.

Parallelamente a queste mostre, è organizzata una sezione cinema con la proiezione di un cortometraggio prodotto da Gherardo Gossi e Francesco Zizola, primo episodio di una trilogia.

Come per le rassegne precedenti, in virtù della ricerca del team di curatori, al visitatore viene messo a disposizione materiale audiovisivo. Un modo per riscoprire aneddoti, storie collettive e racconti del quartiere che quest’anno compie 100 anni.
Tra distinte architetture e fiorente natura, Garbatella è un quartiere storico sviluppatosi nei primi anni del Novecento. Una sorta di città nella città, paradigma di architettura e urbanistica.

Il 2020 rappresenta anche il centenario della borgata. Un’importante celebrazione che, in questa cornice, porta i residenti alla riscoperta del proprio paesaggio e gli eventi privati e collettivi che lo hanno reso noto. L’edizione ha, al centro del suo racconto, il tempo. Nel tema narrativo di questa edizione è stato chiesto agli artisti di rileggere – a loro modo – “Le città invisibili” di Italo Calvino.

L’intento è di essere stimolo d’ispirazione artistica per creare opere che possano trasmettere e comunicare le riflessioni più autentiche sul quartiere de la Garbatella, pregno di storia.

Per Calvino: “l’arte è una delle migliori bussole per intravedere nelle città, quelle che continuano attraverso gli anni e le mutazioni a dare la loro forma ai desideri e quelle in cui i desideri o riescono a cancellare la città o ne sono cancellati”.

Garbatella Images 2020 Claudia Corrent
© Claudia Corrent

Il lavoro degli artisti, i laboratori

Il lavoro di Claudia Corrent è una rievocazione sulla ricerca di storie e di ritratti assommati alle fotografie raccolte dagli album di famiglia. Corrent è una giovane autrice che da tempo elabora riflessioni sulla stratificazione delle immagini nella memoria. Lo fa mettendo in correlazione foto degli album di famiglia riportati in vita, lasciati in vecchie scatole di scarpe archiviate in soffitta o dentro i ripostigli, con la presenza dei corpi e dei posti immortalati nell’oggi e sovrapposti alle fotografie del passato.

Bénédicte Kurzen, invece, indaga il quartiere della Garbatella facendo una ricerca socio-antropologica, oltre che visuale. Questo l’ha portata all’individuazione della toponomastica e della storia legata ai nomi delle vie del quartiere. Il suo progetto è un atlante del processo d’Italia nel periodo della colonizzazione e decolonizzazione, di come alcuni nomi sono rimasti scolpiti nelle vie e quanto la memoria di quel momento storico sia stata cancellata.

Infine, Gherardo Gossi, autorevole direttore della fotografia, nella sua trilogia prodotta insieme al curatore Francesco Zizola, propone il video. Nel formato del film breve esprime tre concetti di Passato, Presente e Futuro prendendo ispirazione dalle Città Invisibili di Calvino. È forte la consapevolezza dell’illusione che la “città giardino” ancora può esprimere.

Il primo cortometraggio “passato” viene proiettato nella stessa galleria e all’interno di un lotto di Garbatella. Il materiale frutto della ricerca d’archivio, invece, è proiettato in contemporanea alla mostra in galleria.

Terry Peterle
Terry Peterle
Nell’ambito della fotografia il suo interesse e i suoi studi si sono rivolti prevalentemente nella cultura e linguaggio fotografico, e con particolare interesse segue lo sviluppo e le diramazioni dello stesso nella fotografia attuale.

FESTIVAL DELLA FOTOGRAFIA ETICA 2020, LODI-CODOGNO