Groenlandia e Siberia: a Lecco le foto di Nissen e Folgoso Sueiro

-

spot_img

Nell’ambito del festival “Immagimondo”, organizzato dall’associazione Les Cultures OdV, Lecco ospita una doppia mostra dedicata alla Groelandia e alla Siberia.

All’interno della Torre Viscontea, in particolare, si possono ammirare le fotografie di Mads Nissen. Qui sono esposti, dal 12 settembre al 3 ottobre, alcuni scatti realizzati in Groelandia dal vincitore del World Press Photo – Foto dell’anno 2021. In Piazza Garibaldi, invece, dal 17 settembre al 3 ottobre, c’è la Siberia di Carlos Folgoso Sueiro con 20 scatti a firma del fotografo spagnolo.

Due sguardi diversi su terre innevate e ugualmente al centro di interessi geopolitici ed economici per riflettere sulla bellezza e le fragilità del Grande Nord.

Mad Nissen
East-Greeland. Daneborg. Sebastian ”Seb” Kolind, 24 years old, member of the military unit Sirius Patruljen. © Mad Nissen

La Groelandia di Mads Nissen

La mostra Arctic Outposts è il risultato di un viaggio intrapreso da Mads Nissen attraverso l’innevata e ghiacciata Groenlandia, da avamposti e basi militari danesi a un’ex stazione metereologica e di telecomunicazioni, fino a una base dell’esercito statunitense a Thule. Un artista, Nissen, per tre volte Fotografo dell’anno nel suo paese e da sempre interessato sia alla comprensione quasi intima dei suoi soggetti che a questioni sociali contemporanee, dalle violazioni dei diritti umani al difficile rapporto uomo-natura.

Quest’anno Mads vince per la seconda volta Photo of the Year al World Press Photo – commenta Samuele Pellecchia dell’Agenzia Prospekt di Milano, co-organizzatrice della mostra – e in entrambi i casi le foto raccontano un gesto intimo: due ragazzi nudi nella penombra di un letto e un abbraccio di cellophane in un ospedale Covid. Due gesti piccoli, privati, per raccontare storie che segnano la nostra contemporaneità. Immagini che sembrano trattenere anziché dire ed è proprio questa cura, in un tempo in cui tutto si urla, a renderle straordinarie. Il saper vedere le persone, nelle loro fragilità, oltre le immagini e al di là delle notizie, è la cifra di Mads e ciò che lo rende un grandissimo fotografo“.

Mad Nissen
East-Greenland. Mestersvig. A house covered by snow. © Mad Nissen

E in Arctic Outposts paesaggi e volti raccontano una terra dall’antico legame con la Danimarca e da più di duecento anni parte, pur con autonomia politica, del Regno danese. Un’isola dove ogni ottobre, quando il mare inizia a ghiacciare, 14 ufficiali della pattuglia Sirius della Marina danese si preparano per la perlustrazione su slitta di 16mila chilometri di costa.

Creata nel ’41 per contrastare eventuali incursioni naziste, questa pattuglia è ancora oggi presente. Lo scopo è sottolineare la sovranità danese su una terra che, proprio per le risorse che possiede e per la sua posizione, sta accrescendo l’interesse da parte di potenze straniere.

Nissen ha incontrato alcuni membri della pattuglia Sirius. E restituisce, in questa mostra per la prima volta in Italia, uno spaccato di un territorio immenso e da preservare.

Carlos Folgoso Sueiro
© Carlos Folgoso Sueiro

La Siberia di Carlos Folgoso Sueiro

Allestita nello spazio antistante Palazzo Falck (in Piazza Garibaldi), The Shining Land di Carlos Folgoso Sueiro è un progetto che parte da un’area della Siberia che deve la sua esistenza alla scoperta di depositi di diamanti.

Un territorio dal futuro incerto, legato alle decisioni di una società – Alrosa – controllata dal governo russo e per cui lavora oltre il 50% degli abitanti. Durante il socialismo Alrosa è impegnata nella costruzione di ospedali, teatri e alloggi economici per i lavoratori. Dal 2011 è entrata nel mercato azionario, decisione che probabilmente spingerà gli investitori privati alla riduzione dei costi.

Gli investimenti di Alrosa nei servizi sociali locali, in passato molto onerosi, stanno diminuendo, contribuendo a un sempre più difficile stile di vita per gli abitanti, costretti a fare i conti con isolamento, dure condizioni climatiche, imprevedibilità del commercio dei diamanti e desiderio di trasferirsi.

A dare loro voce è, attraverso un percorso che raccoglie venti scatti, il fotografo galiziano. Tra i premi vinti il Moscow International Photo Awards, l’Estacao Imagen Mora e il Prix de la Photographie Paris.

The Mammoth's Reflex
The Mammoth's Reflexhttps://www.themammothreflex.com
Tutte le news sulla fotografia condivise dalla redazione. Contact: redazione@themammothreflex.com

Fujifilm promozioni attive

spot_img

Fotografia Europea 2024

spot_img

Ultimi articoli

Cosa vedere alla Biennale della Fotografia Femminile di Mantova?

Giunta alla terza edizione, la Biennale della Fotografia Femminile di Mantova per il 2024 si trasformerà per un mese...

Eve Arnold, 170 fotografie da vedere a Forlì

Le sale del Museo Civico San Domenico di Forlì si aprono a una leggenda della fotografia del XX secolo:...

700 immagini per scoprire il mondo: a Lodi torna il Festival Fotografia Etica 2023

Tutto pronto a Lodi, per il Festival della Fotografia Etica edizione 2023. Come da tradizione, l'evento si svolgerà nella città lombarda...

You might also like
- potrebbero interessarti -