fbpx

Cosa vedere alla Biennale Internazionale della Fotografia Femminile di Mantova

-

La seconda edizione della Biennale Internazionale della Fotografia Femminile torna a Mantova dal 3 al 27 marzo.

Il festival, ideato e promosso dall’associazione la Papessa, vede la direzione artistica di Alessia Locatelli. E la riflessione di questa speciale edizione ruota intorno a Legacy, un termine che riassume diversi concetti. La parola significa Lascito, Eredità e tutto ciò che creiamo da trasmettere alle generazioni future. Proprio la prima, dolorosa, esperienza della Biennale 2020 – modificata a causa della pandemia – ha suggerito il tema di questa edizione.

Nell’epoca attuale, così carica di cambiamenti, il collettivo umano deve misurarsi con quello che gli è stato lasciato, agire con questo lascito nel presente per creare un futuro che sia forte ed equilibrato.

Solmaz Daryani, The Eyes of Earth (Death and revival of Iran's Lake Urmia) 2014 - ongoin
Solmaz Daryani, The Eyes of Earth (Death and revival of Iran’s Lake Urmia) 2014 – ongoin

Mostre e iniziative: cosa aspettarsi dalla Biennale Internazionale della Fotografia Femminile

La Biennale Internazionale della Fotografia Femminile (BFF 2022) propone grandi mostre di fotografe italiane e internazionali e numerose altre iniziative a corollario, tra cui letture portfolio, workshop, presentazioni di libri, conferenze e proiezioni.

In una società in cui ancora non esiste una piena parità di genere e la cui storia è raccontata principalmente da uno sguardo maschile, occidentale ed eteronormato, anche la fotografia femminile e non binaria è quasi sempre sottorappresentata e troppo spesso stereotipata. Per questo la BFF ambisce a diventare un solido punto di riferimento, in Italia e a livello internazionale, con lo scopo di sensibilizzare il più possibile riguardo le tematiche di parità, uguaglianza e libertà di espressione e, al contempo, offrire un’opportunità per le suddette categorie, professioniste e non, di partecipare al mondo dell’arte contemporanea.

Molte delle fotografe presenti a Mantova espongono per la prima volta in una mostra personale in Italia: questo aspetto sottolinea l’importantissimo lavoro culturale e di ricerca – anche a livello internazionale – portato avanti da BFF.

Ilvy Njiokiktjien, Born Free, 2007-2019
Ilvy Njiokiktjien, Born Free, 2007-2019

Le mostre da vedere in questa edizione

Sono diverse le mostre da vedere in questa edizione 2022 della Biennale Internazionale della Fotografia Femminile di Mantova. Tutte esposizioni che suddividono in diverse sedi disposte per tutta la città.

Cosa vedere a Palazzo Te e alla Galleria Disegno

Da vedere a Palazzo Te c’è Signs of Your Identity di Daniella Zalcman. Un progetto sui traumi subiti dai bambini indigeni che hanno vissuto nei collegi ad assimilazione forzata.

The Eyes of Earth (The Death of Lake Urmia) di Solmaz Daryani, alla Galleria Disegno, racconta il tracollo turistico che si è verificato a causa dell’inaridimento Lago di Urmia, in Iran, considerato a lungo il lago più grande del Medio Oriente e il secondo più grande del mondo.

Da vedere qui ci sono anche i ritratti del progetto Highness di Delphine Diallo. Tutte donne ritratte in un contesto di libertà e apertura che esula da ogni forma di giudizio. 

Sarah Blesener, Toy Soldiers, 2016
Sarah Blesener, Toy Soldiers, 2016

I progetti esposti alla Casa del Pittore e Casa del Rigoletto

The War is Still Alive è un progetto a cui Fatemeh Behboudi sta ancora lavorando e che si può vedere alla Casa del Pittore. La sua è una narrazione che affronta il dolore delle madri che da oltre tre decadi attendono il ritorno del feretro dei figli perduti nel conflitto tra Iran e Iraq.

The Dog’s in the Car di Tami Aftab è una storia personale che parla della relazione padre e figlia e di come una famiglia affronti la malattia e l’identità. In mostra alla Casa del Rigoletto.

Le fotografe esposte alla Casa del Mantegna

Anche Beckon Us from Home è un progetto di Sarah Blesener tutt’ora in corso che racconta il percorso degli adolescenti nelle Accademie militari e scuole russe e tra i Camp che insegnano – sin dai sei anni – i valori americani, la fede ed il militarismo negli Stati Uniti. L’esposizione si trova nella Casa del Mantegna.

Nella stessa location anche Born Free di Ilvy Njiokiktjien, un intero mondo in cui esplora cosa vuol dire “convivere con l’eredità della disuguaglianza” nel paese dell’apartheid, il Sudafrica. Inoltre, è esposto il lavoro di Flavia Rossi, Nuovo Patrimonio, una documentazione sui beni culturali e le architetture vittime del terremoto che ha colpito il centro Italia nel 2016.

Anche La Riparazione di Betty Colombo trova spazio alla Casa del Mantegna. In mostra quattro serie diverse che dimostrano come l’uomo e il pianeta si feriscono a vicenda per poi aggiustarsi.  

Infine, qui trova spazio anche il collettivo Lumina, composto da individui che si identificano come donna o non binari che aprono la strada alla narrazione visiva e alla sua diffusione. Con Echoes l’obiettivo è porsi domande sull’idea di identità attraverso esplorazioni nella storia delle famiglie, nel trauma e la perdita, la migrazione, nozioni di casa e la formazione di identità australiane in contesti sociali e culturali. 

Fatemeh Behboudi The War is Still Alive, 2014-ongoing
Fatemeh Behboudi The War is Still Alive, 2014-ongoing

Trenta donne si raccontano: la mostra pensata da Gastel

Trenta fotografe italiane si raccontano e vengono raccontate in una video intervista esclusiva e attraverso un percorso espositivo innovativo.

La mostra, ideata da Giovanni Gastel, percorre oltre un secolo di storia della fotografia italiana vista con gli occhi delle donne. Prende come spunto il libro scritto da Giovanna Chiti e Lucia Covi, edito da Danilo Montanari, per un’iniziativa promossa da AFIP International e CNA Profession.

Le fotografe coinvolte sono: Paola Agosti, Silvia Amodio, Martina Bacigalupo, Maria Vittoria Backhaus, Isabella Balena, Marirosa Ballo, Giovanna Borgese, Francesca Brambilla e Serena Serrani, Monika Bulaj, Silvia Camporesi, Marianna Cappelli, Lisetta Carmi, Carla Cerati, Isabella Colonnello, Patrizia Della Porta, Paola Di Bello, Cristina Ghergo, Bruna Ginammi, Silvia Lelli, Antonella Monzoni, Francesca Moscheni, Giulia Niccolai, Cristina Omenetto, Donata Pizzi, Susanna Pozzoli, Leonilda Prato, Giada Ripa, Paola Salvioni, Lori Sammartino, Daniela Tartaglia.

Aletheia Casey, Which way is north, 2018
Aletheia Casey, Which way is north, 2018

Le mostre allo Spazio Arrivabene e all’Ex Chiesa della Madonna della Vittoria

Allo Spazio Arrivabene c’è invece Myriam Meloni con Insane Security. Un lavoro che indaga la tensione costante tra la protezione del diritto dell’inviolabilità dell’integrità fisica dei cittadini garantita dalle società democratiche moderne e  l’uso effettivo della forza da parte degli organismi di sicurezza. Qui trova spazio anche la mostra con le vincitrici del Premio Musa, dedicato alla produzione di portfolio e lavori progettuali di fotografe italiane.

This Time We Are Young di Esther Ruth Mbabazi indaga sugli effetti dei cambiamenti demografici nel continente africano, dal Sud Sudan all’Uganda, con un focus sulla vita dei giovani del mondo LGBTQ+. La mostra si può vedere all’Ex Chiesa della Madonna della Vittoria.

Tutte le informazioni su www.bffmantova.com

Frank Gozzi
Frank Gozzihttps://www.themammothreflex.com
Frank Gozzi, Reggio Emilia. Mail: f.gozzi@themammothreflex.com

Italia in attesa

spot_img

NUOVA FUJI X-H2s

spot_img

Ultimi articoli

Italia In-Attesa: 12 racconti fotografici di un Paese sospeso

Italia In-attesa, 12 racconti fotografici è il titolo della mostra che, fino all’8 gennaio, sarà ospitata a Palazzo da...

Festival della Fotografia Etica 2022 a Lodi: oltre 20 mostre da vedere

Dal 24 settembre al 23 ottobre, il Festival della Fotografia Etica 2022 torna a Lodi per raccontare il nostro...

Gianni Berengo Gardin: l’occhio come mestiere e la mostra a Roma

Con oltre 200 fotografie, la mostra fotografica "L’occhio come mestiere" al MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo...

You might also like
- potrebbero interessarti -