fbpx
AppuntamentiIncontriI fotografi Magnum Photos si raccontano, al via le...

I fotografi Magnum Photos si raccontano, al via le Quarantine Conversations

-

spot_img

Se amate i fotografi Magnum Photos questa è l’occasione per trarre ispirazione dal lavoro lavoro. Sul canale Instagram della nota agenzia fotografica, infatti, ha preso il via un’interessante rubrica: Quarantine Conversations. Tutte interviste che si possono trovare anche sul canale Facebook dell’agenzia e sul sito ufficiale, nella sezione newsroom.

La situazione di lockdown da COVID-19 ha messo buona parte dei fotografi dell’agenzia nella condizione di limitare i loro movimenti professionali. Per questo ha realizzato una nuova serie che offre l’opportunità di saperne di più su alcuni dei propri membri noti per importanti reportage. Una doppia intervista decisa ad estrazione, della durata di mezz’ora, in un dialogo sincero e inedito. Tre domande poste da uno dei due interlocutori all’altro.

Quarantine Conversation, com’è la nuova rubrica Magnum Photos

La prima puntata pubblicata sui canali Magnum Photos è tra Newsha Tavakolian e Rafal Milach. Una conversazione in cui i due autori si confrontano su errori, sogni, specchiarsi o meno nell’altro e su nuovi progetti.

Newsha Tavakolian è autrice di importanti progetti fotografici sulle guerre in Iraq, tra i quali le donne combattenti in guerriglia nel Kurdistan iracheno e poi per le tematiche sociali che ha affrontato nella sua terra nativa, l’Iran. Inviata a soli 16 anni per il quotidiano femminile iraniano Zan, è stata una coraggiosa narratrice internazionale della guerra in Iraq. E’ associata Magnum dal 2017.

Rafal Milach, nasce nel 1978 cresce insieme all’ostilità della guerra fredda. Quest’ombra diventa parte del suo destino fotografico: indaga su storia e trasformazione. Nello specifico le sue immagini, insieme all’arte concettuale, ai libri e a video sono il racconto fotografico dell’ex blocco sovietico. Entra come candidato in agenzia nel 2018.

Stuart Franklin e Mark Power

La seconda puntata è quella tra Stuart Franklin e Mark Power. I due dialogano di irrequietezza, lo stare da soli, la condivisone, la lettura, cosa significa essere marito di una moglie medico, avere una figlia con una proclamazione di laurea annullata e di libri in uscita.

Stuart Franklin è noto per aver documentato importanti eventi del nostro secolo, conosciuto per molti progetti che hanno guadagnato l’attenzione dei media tra cui le fotografie di Piazza Tienamen a Pechino del 1989. Franklin è membro della Magnum dal 1985 e ha prestato servizio da presidente eletto in agenzia dal 2006 al 2009. Dal 2016 è docente di una cattedra di fotografia documentaria.

Mark Power è un fotografo dalle realizzazioni dettagliate e complesse con fotocamera di grande formato. Good Morning America, un progetto fotografico iniziato nel 2012 e ancora in elaborazione è l’indagine sociologica e personale sugli Stati Uniti d’America, divenuto anche libro in più volumi, in Italia edito Micamera (NON SONO SICURA!). I suoi lavori sono esposti e apprezzati in molte gallerie e musei del mondo. E’ diventato membro Magnum nel 2007.