Parole e immagini, creare un portfolio da una storia

-

spot_img

ROMA. Si chiama “Fotografia e parole” il nuovo workshop di Officine Fotografiche dedicato alla realizzazione, di un breve portfolio di immagini che riproduca il ritmo e la trama di una storia. Il workshop si svolgerà nella sede romana l’8 marzo, dalle 10 alle 18, e l’obiettivo sarà quello di creare un portfolio partendo da un ispirazione letteraria.

Il rapporto fra fotografia e letteratura è vasto e articolato. Esistono libri che hanno influenzato immagini e viceversa. Partendo dalla suggestione di un testo letterario, questo workshop analizza i termini della relazione fra immagini e parole. In particolare, è richiesto ai partecipanti di utilizzare il linguaggio fotografico per rivelare il contenuto di un testo e tradurlo in forma visuale. Gli scatti fotografici dovranno essere realizzati da ciascun partecipante in base al testo che verrà loro assegnato. Il workshop sarà poi incentrato sulle operazioni di selezione e sulla costruzione della narrazione che consenta di rievocare il testo di partenza attraverso la fotografia.

 

1911703_727331003978281_20266848_n

 

Sara Munari nasce a Milano nel 72. Vive e lavora a Lecco. Apre, nel 2001, La stazione fotografica, dove svolge la sua attività di fotografa. Docente di Storia della fotografia e di Comunicazione Visiva presso l’istituto italiano di fotografia di Milano. Dal 2005 al 2008 è direttore artistico di LeccoImmagifestival per il quale organizza mostre di grandi autori della fotografia italiana e giovani autori di tutta Europa. Espone in Italia ed Europa presso gallerie e musei d’arte contemporanea. Fa parte dell’Archivio Nazionale di fotografia di Castellanza e di quello dell’Università Tor Vergata a Roma. Nel 2009 esce il suo primo libro “Oceano India”, nel 2011 il secondo, “Non solo badanti”. Nel 2013 in formato digitale esce “Di treni, di sassi e di vento” con EMUSE. Fa da giurata e lettrice portfolio in Premi e Festival. Ottiene premi e riconoscimenti a livello nazionale e internazionale. Vince nel 2010 il Premio Roberto del Carlo, Luccadigitalphotofest. Dal 2011 collabora con Obiettivo Reporter dove insegna Reportage ed Editing. Nel 2013 entra nel collettivo Synap(see). Nel 2013 “I delfini dormono con gli occhi aperti” viene selezionato come Miglior portfolio al Festival di Fotografia Europea nel 2013Lo stesso lavoro entra nella shortlist della Magnum Fundation per fotografi emergenti. Nel 2013 vince nuovamente il premio Roberto del Carlo, premio internazionale, indetto da Photolux, con Place Planner Project. Si diverte con la fotografia, la ama e la rispetta.

 

Info: http://officinefotografiche.org

The Mammoth's Reflex
The Mammoth's Reflexhttps://www.themammothreflex.com
Tutte le news sulla fotografia condivise dalla redazione. Contact: redazione@themammothreflex.com

Fotografia Europea 2024

spot_img

Ultimi articoli

Mostre ed eventi: tutta la bellezza di Fotografia Europea 2024

È ormai tutto pronto per la nuova edizione di Fotografia Europea 2024 a Reggio Emilia. Il festival fotografico, ormai...

Cosa vedere alla Biennale della Fotografia Femminile di Mantova?

Giunta alla terza edizione, la Biennale della Fotografia Femminile di Mantova per il 2024 si trasformerà per un mese...

Eve Arnold, 170 fotografie da vedere a Forlì

Le sale del Museo Civico San Domenico di Forlì si aprono a una leggenda della fotografia del XX secolo:...

You might also like
- potrebbero interessarti -