fbpx
grandi fotografiThe Metaflora Portfolio: un viaggio alla scoperta dell'aura ...

The Metaflora Portfolio: un viaggio alla scoperta dell’aura

-

spot_img

MODENA. “Per produrre queste immagini non c’è bisogno di una macchina fotografica: è sufficiente la fine sensibilità della mente umana”. Così Walter Chappell commentava il suo Metaflora Portfolio, un lavoro realizzato nei primi anni Settanta, quando, mosso da una vivace curiosità e da una spinta volta all’avanguardia, cominciò a sperimentare l’elettrofotografia.

 

Metaflora
Metaflora

 

Le 23 immagini – in mostra all’ex ospedale Sant’Agostino di Modena fino al 2 febbraio, nell’ambito della grande retrospettiva dedicata al fotografo americano – restituiscono, in un impeccabile bianco e nero, oggetti naturali brillanti di luce: rami di felce, ali di farfalla, grandi foglie cuoriformi e petali di fiori immortalati nel buio totale della camera oscura come creature surreali, provenienti dal profondo degli abissi o dallo spazio. A conferire il caratteristico bagliore a queste immagini è l’effetto Kirlian, scoperto nel 1939 da un tecnico di ospedale russo appassionato agli esperimenti di Tesla e ottenuto applicando una tensione elettrica di alto voltaggio a oggetti collocati su una pellicola fotografica.

 

 

walter chappell, hawaiian butterfly, 1978
walter chappell, hawaiian butterfly, 1978

 

Walter Chappell era affascinato dall’idea che la fotografia di Metaflora riuscisse a catturare la vita pulsante delle piante e a rivelarne l’aura, attraverso la rappresentazione visuale dell’energia vitale che fluisce in tutte le creature naturali. L’aspetto scientifico e quello spirituale connessi a questa tecnica possono apparire in contrasto fra loro, ma Chappell fu in grado di combinarli in un unico processo creativo, istituendo un mirabile parallelo tra fotosintesi e fotografia.

 

walter chappell, bleeding heart 1976
walter chappell, bleeding heart 1976

 

La mostra Walter Chappell. Eternal Impermanence , promossa da Fondazione Fotografia e Fondazione Cassa di risparmio di Modena , con il contributo di UniCredit, è a cura di Filippo Maggia e rimarrà allestita negli spazi dell’ex ospedale Sant’Agostino di Modena fino al 2 febbraio 2014. É accompagnata da un catalogo edito da Skira.

 

Per informazioni: www.fondazionefotografia.org  

The Mammoth's Reflexhttps://www.themammothreflex.com
Tutte le news sulla fotografia condivise dalla redazione. Contact: redazione@themammothreflex.com

MARIO DE BIASI - TRE OCI VENEZIA

spot_img