grandi fotografi A Roma la grande fotografia di Dennis Hopper

A Roma la grande fotografia di Dennis Hopper

-

ROMA. Fino all’8 novembre la Gagosian Gallery (via Francesco Crispi 16) ospiterà la grande mostra fotografica di Dennis Hopper. Hopper, noto come regista ed attore del film “cult” Easy Rider (1969), ha recitato anche in altri “colossal” quali L’amico americano (1977), Apocalypse Now (1979), Velluto Blu (1986), Colpo Vincente (1986), interpretando coraggiose performance; verso la fine degli anni ‘80 ha firmato la regia di Colors—Colori di guerra (1988).

 

© Dennis Hopper
© Dennis Hopper

 

In mostra fotografie degli anni Sessanta e scatti dei primi anni Settanta, appartenenti alla serie Drugstore Camera, accompagnati dalla proiezione di interviste e segmenti di alcuni dei suoi celebri film. É durante l’ascesa verso la popolarità hollywoodiana che Hopper comincia attraverso la fotografia a cogliere lo spirito ribelle degli anni Sessanta grazie a scatti ormai iconici che spaziano da Los Angeles a Harlem, a Tijuana in Messico, ai grandi personaggi dell’epoca tra cui Jane Fonda, Andy Warhol e John Wayne. Saranno in mostra un centinaio di “vintage prints” firmate degli anni Sessanta, tra cui i ritratti di artisti, attori e musicisti ormai leggendari e ripresi da Hopper con grande immediatezza: Claes Oldenburg appare ad una festa nuziale circondato da fette di torta impiattate, realizzate in gesso dall’artista per gli invitati; Andy Warhol, con indosso scuri occhiali da sole e una cravatta sottile, sorride birichino nascondendosi dietro a un piccolo fiore, mentre Ed Ruscha è ritratto davanti all’insegna al neon di un negozio di elettrodomestici; in equilibrio su una scala, Robert Irwin indica il fotografo tenendo tra i denti una lampadina; membri della band Grateful Dead mandano baci alla macchina fotografica.

 

Dennis Hopper Andy Warhol with Flower, 1963 Stampa in gelatina d’argento 23.7 x 18 inches; 60.10 x 45.7 cm
Dennis Hopper Andy Warhol with Flower, 1963 Stampa in gelatina d’argento 23.7 x 18 inches; 60.10 x 45.7 cm

 

Le fotografie appartenenti alla serie Drugstore Camera sono state scattate a Taos, New Mexico, dove Hopper decise di stabilirsi dopo la produzione di Easy Rider rimanendovi fino agli anni Ottanta, e luogo in cui ha scelto di essere sepolto. Realizzate con semplici macchine fotografiche e sviluppate nei laboratori estemporanei tipici dei “drugstore” americani, gli scatti raccontano gli amici e i familiari di Hopper ambientati tra le rovine e i paesaggi del deserto sconfinato; i nudi femminili in interni indefiniti; i viaggi “on the road” verso il natio Kansas; e le nature morte improvvisate con oggetti abbandonati. Queste fotografie e le tante altre di festival culturali, personaggi leggendari e momenti intimi e quotidiani che catturarono l’attenzione di Hopper, restituiscono un’immagine fortemente affascinante degli anni Sessanta e Settanta ritraendo l’idealismo politico e l’ottimismo tipici della California dell’epoca.

 

Dennis Hopper Wallace Berman Stampa in gelatina d’argento 11 x 14 inches; 28 x 35.5 cm
Dennis Hopper Wallace Berman Stampa in gelatina d’argento 11 x 14 inches; 28 x 35.5 cm

 

Dennis Hopper (1936 Dodge City, Kansas–2010 Venice, California). Le sue opere sono parte integrante delle collezioni permanenti del Metropolitan Museum of Art, New York; del Museum of Modern Art, New York; del Los Angeles County Museum of Art; del Museum of Contemporary Art, Los Angeles; e del Carnegie Museum of Art, Pittsburgh. Tra le personali più importanti si annoverano: “Dennis Hopper: Black and White Photographs,” Fort Worth Art Center Museum, Texas (1970) e Corcoran Gallery of Art, Washington, D.C. (1970); “Dennis Hopper: A Keen Eye; Artist, Photographer, Filmmaker,” Stedelijk Museum, Amsterdam (2001); “Dennis Hopper: A System of Moments,” Museum für angewandte Kunst, Vienna (2001); “Dennis Hopper: Double Standard,” Museum of Contemporary Art, Los Angeles (2010); “The Lost Album,” Martin Gropius Bau, Berlin (2012); “Dennis Hopper: En el camino,” Museo Picasso, Málaga (2013); “The Lost Album,” Gagosian New York (2013).

 

Dennis Hopper Sally Hansen at Billboard Factory 1964 Silver Gelatin Print 24 x 16 inches / 61 x 40.6 cm Edition: 6/15
Dennis Hopper Sally Hansen at Billboard Factory 1964 Silver Gelatin Print 24 x 16 inches / 61 x 40.6 cm Edition: 6/15

 

La mostra è stata realizzata in collaborazione con The Hopper Art Trust, dedito alla salvaguardia dell’eredità dell’opera e della memoria di Dennis Hopper. The Hopper Art Trust é stato fondato dal Dennis Hopper Estate nel 2010 e ha sede a Los Angeles, California. 

InfoWWW.GAGOSIAN.COM

The Mammoth's Reflex
The Mammoth's Reflexhttps://www.themammothreflex.com
Tutte le news sulla fotografia condivise dalla redazione. Contact: redazione@themammothreflex.com

NUOVE DATE RIAPERTURE FESTIVAL FERRARA 2020

Ultimi articoli

Letizia Battaglia, storie di strada in mostra ad Ancona

Letizia Battaglia arriva ad Ancona, con la mostra "Storie di strada" alla Mole Vanvitelliana. Si tratta di...

Mario Cattaneo, una mostra a cielo aperto

Cinisello Balsamo diventa scena di una grande mostra a cielo aperto dedicata a Mario Cattaneo.

Ren Hang, immagini che rompono i tabù

Il Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato presenta per la prima volta in Italia un...

Appuntamenti da non perdere

Premio Musa, un premio per donne fotografe

Torna il Premio Musa 2020 per donne fotografe. Il premio fotografico, già alla sua seconda edizione, è...

Ragusa Foto Festival 2020, tra desideri e passioni

Il Ragusa Foto festival 2020 si divide, tra eventi ed esposizioni, in due anni. L'emergenza sanitaria che...

Borse di studio per i master di Spazio Labò

Fino al 29 giugno 2020 è possibile far richiesta di una borsa di studio per partecipare ad...

You might also likeRELATED
Recommended to you