fbpx

La Dolce Vita di Rodrigo Pais. La mostra fotografica a Bologna

-

BOLOGNA. Una trentina di scatti di Rodrigo Pais per raccontare dall’interno i set dei più grandi film del periodo. E’ questa la nuova mostra che dal 5 febbraio al 1° marzo verrà ospitata alla galleria bolognese Ono arte contemporanea. L’esposizione, “La Dolce Vita di Pais” è patrocinata dal Comune di Bologna e nasce grazie alla collaborazione della galleria con Guido Gambetta e Salvatore Mirabella.

 

Sofia Loren sul set del film Matrimonio all'italiana, 1964. ©Archivio Fotografico Rodrigo Pais
Sofia Loren sul set del film Matrimonio all’italiana, 1964. ©Archivio Fotografico Rodrigo Pais

 

Quando Federico Fellini vince la Palma d’oro al festival di Cannes con La dolce vita e Michelangelo Antonioni il Premio della Giuria con L’avventura, si inaugura una stagione cinematografica di grande interesse per l’Italia che Rodrigo Pais (1930 – 2007), fotoreporter con all’attivo numerose collaborazioni illustri (il Corriere della Sera, il Corriere d’informazione, L’Unità e La Stampa), è riuscito a penetrare e svelare.

In mostra non solo un compendio dei film più importanti della cinematografia nazionale che Pais ha fotografato, ma anche e soprattutto le protagoniste al femminile di quel periodo così fecondo: Sophia Loren, Silvana Mangano, Virna Lisa, Claudia Cardinale, Anita Eckberg o Anna Magnani sono solo alcuni dei nomi che sono passati sotto all’obiettivo attento di Pais, che non si è lasciato sfuggire nemmeno dive del calibro di Brigitte Bardot (Il Disprezzo, 1963) o Bette Davis durante le riprese de La noia (1963). Dai ritratti alle foto di scena, Pais ci restituisce uno sguardo del tutto personale di una stagione così florida come quella della “dolce vita” romana, confermandosi come uno dei più grandi fotoreporter del secondo dopoguerra.

 

Marcello Mastroianni e Sofia Loren sul set del film Matrimonio all'italiana, 1964. ©Archivio Fotografico Rodrigo Pais
Marcello Mastroianni e Sofia Loren sul set del film Matrimonio all’italiana, 1964. ©Archivio Fotografico Rodrigo Pais

 

La Noia (D. Damiani, 1963), L’eclisse (M. Antonioni, 1961), Matrimonio all’Italiana (V. de Sica, 1964), sono alcuni dei film dai quali sono tratti gli scatti in mostra, che riprendono momenti di pausa e di backstage, e ci restituiscono in modo inedito i retroscena delle opere cinematografiche che hanno reso l’Italia famosa a livello internazionale.

 

Monica Vitti in camerino durante le riprese del film L'eclisse, 1961. ©Archivio Fotografico Rodrigo Pais
Monica Vitti in camerino durante le riprese del film L’eclisse, 1961. ©Archivio Fotografico Rodrigo Pais

 

Gli scatti in bianco e nero si alternano a quelli a colori, più posati e calibrati, e fanno parte di un archivio di quasi 400.000 fotografie fra stampe e negativi che Pais stesso ha catalogato secondo il doppio criterio cronologico e per argomenti. Fatti di cronaca, politica, costume e società che da soli bastano a raccontare e scandire la storia del nostro paese dalla metà degli anni Cinquanta fino alla fine degli anni Novanta, quando Pais conclude la sua attività di fotoreporter.

 

Info: Ono Arte 

The Mammoth's Reflex
The Mammoth's Reflexhttps://www.themammothreflex.com
Tutte le news sulla fotografia condivise dalla redazione. Contact: redazione@themammothreflex.com

Italia in attesa

spot_img

NUOVA FUJI X-H2s

spot_img

Ultimi articoli

Italia In-Attesa: 12 racconti fotografici di un Paese sospeso

Italia In-attesa, 12 racconti fotografici è il titolo della mostra che, fino all’8 gennaio, sarà ospitata a Palazzo da...

Festival della Fotografia Etica 2022 a Lodi: oltre 20 mostre da vedere

Dal 24 settembre al 23 ottobre, il Festival della Fotografia Etica 2022 torna a Lodi per raccontare il nostro...

Gianni Berengo Gardin: l’occhio come mestiere e la mostra a Roma

Con oltre 200 fotografie, la mostra fotografica "L’occhio come mestiere" al MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo...

You might also like
- potrebbero interessarti -