Saranno gli animali i protagonisti della mostra ‘Animals‘ aperta al pubblico fino al 30 marzo 2019 al Mudec di Milano. Una grande mostra fotografica con scatti di Steve McCurry che approda a Milano con 60 scatti iconici.

Immagini note e meno note del fotografo che racconteranno al visitatore le mille storie di vita quotidiana che legano indissolubilmente l’animale all’uomo e viceversa.

steve mccurry animali milano
Steve McCurry Chennai, India Anno: 1996 Credito fotografico: © Steve McCurry

Un progetto che nasce nel ’92

Il progetto nasce nel 1992 quando il fotografo Steve McCurry svolge una missione nei territori di guerra nell’area del Golfo per documentare il disastroso impatto ambientale e faunistico nei luoghi del conflitto.

Il fotografo tornerà dal Golfo con alcune delle sue più celebri immagini “icone”, come i cammelli che attraversano i pozzi di petrolio in fiamme e gli uccelli migratori interamente cosparsi di petrolio. Con questo reportage vincerà nello stesso anno il prestigioso Word Press Photo. Il premio fu assegnato da una giuria molto speciale, la Children Jury, composta da bambini di tutte le nazioni.

steve mccurry animali milano
Steve McCurry Al Ahmadi, Kuwait Anno: 1991 Credito fotografico: © Steve McCurry

Sguardo empatico verso gli animali


Da sempre, nei suoi progetti Steve McCurry pone al centro dell’obiettivo le storie legate alle categorie più fragili. Ha esplorato, con una particolare attenzione ai bambini, la condizione dei civili nelle aree di conflitto; ha documentato le etnie in via di estinzione e le conseguenze dei cataclismi naturali.

A partire da quel servizio del ’92 ha infine aggiunto, ai suoi innumerevoli sguardi, quello empatico verso gli animali.

steve mccurry animali milano
Steve McCurry Chiang Mai, Thailandia Anno: 2010 Credito fotografico: © Steve McCurry

Una mostra con più registri emotivi

Per creare la mostra autore e curatrice si sono addentrati nell’immenso archivio del fotografo per selezionare una collezione di immagini che raccontassero in un unico affresco le diverse condizioni degli animali.

Il percorso della mostra lascia al visitatore la massima libertà, pur fissando un’invisibile mappa articolata su diversi registri emotivi, in grado di alternare le immagini più impegnative ad altre di grande leggerezza e positività.

steve mccurry animali milano
Steve McCurry Valle del fiume Omo, Etiopia Anno: 2013 Credito fotografico: © Steve McCurry


Immagini dure, dove la natura, quando si scatena, segna e cambia definitivamente la morfologia del territorio; immagini di animali che ci raccontano in realtà storie di sopravvivenza umana; ma anche racconti più soavi, poetici o ironici, come i ritratti di animali, fieri protagonisti in simbiotica posa con i loro padroni (ora un cane fashionista tinto di rosa a Hollywood, ora un serpente a guisa di collana in un supermercato americano), e ancora una capra, una scimmia, un’iguana o due topolini bianchi scelti come “testimonial” di questa mostra. Un’arca di Noè che entra nel mirino di McCurry per raccontare la straordinaria identità di legami sentimentali a tutte le latitudini.

steve mccurry animali milano
Steve McCurry Kabul, Afghanistan Anno: 2002 Credito fotografico: © Steve McCurry

Un viaggio nel pianeta animale


Come esploratore del genere umano, McCurry ci offre dunque un viaggio nella contiguità del pianeta animale, ci parla di relazioni e di conseguenze; le sue immagini indelebili sono prive di tempo; e, come accade a chi viaggia instancabilmente per raccontare storie, sembra mostrare nostalgia per un mondo in continua e pericolosa trasformazione che lui può solo documentare.

steve mccurry animali milano
Steve McCurry Porbandar, India Anno: 1983 Credito fotografico: © Steve McCurry Located along the Arabian Sea in the western Indian state of Gujarat, Porbandar is famous as being the birthplace of Mahatma Gandhi. The monsoons enter the area in July, and generally persist until September. “A wry humour underpins this bittersweet depiction of man’s best friend. This situation rings true for all of us, not only for dogs. One can imagine the at the dog was barking to go outside – but once out there saw there was nowhere to go. ‘It is clear that the dog’s predicament is that he’s trapped,’ recollects McCurry. ‘The street is flooded, the door is shut and his stuck on that tiny piece of concrete, waiting to be let back in. Of course, who knows what that dog is thinking…'”.- Phaidon 55 With the arrival of the monsoon, this dog clearly wants to be let in. With his four paws placed squarely on a small concrete step and his head cocked towards the door, he listens intently for any movement inside that may indicate his sudden release from this perilous situation. Magnum Photos, NYC5961, MCS1983003 K002 Phaidon, 55, South Southeast, Iconic Images, final book_iconic, final print_milan, drum scan, iconic photographs South Southeast_Book Monsoon_Book Steve Mccurry_Book Iconic_Book Untold_book final print_MACRO final print_Sao Paulo final print_Birmingham final print_Perugia retouched_Sonny Fabbri

Un’esposizione che ci invita a riflettere sul fatto che non siamo soli in questo mondo” spiega la curatrice della mostra Biba Giacchetti che prosegue “in mezzo a tutte le creature viventi attorno a noi. Ma soprattutto lascia ai visitatori un messaggio: ossia che, sebbene esseri umani e animali condividano la medesima terra, solo noi umani abbiamo il potere necessario per difendere e salvare il pianeta.”

steve mccurry animali milano
Steve McCurry Los Angeles, Stati Uniti Anno: 1991 Credito fotografico: © Steve McCurry

Animals Steve McCurry

Dove: MUDEC – Museo delle Culture di Milano, via Tortona 56, Milano

Quando: fino al 31 gennaio 2019

Ingresso: Intero € 10 | Ridotto € 8

Info: mudec.itwww.ticket24ore.it


Comments

comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here