Il mondo di Ugo Mulas in mostra a Venezia

-

spot_img

In occasione dei 50 anni dalla scomparsa dell’autore, avvenuta il 2 marzo 1973, il nuovo spazio espositivo Le Stanze della Fotografia di Venezia ospita la mostra Ugo Mulas. L’operazione fotografica.

Ugo Mulas Russia 1960 © Eredi Ugo Mulas Tutti i diritti riservati Courtesy Archivio Ugo Mulas Milano Galleria Lia Rumma Milano Napoli
Ugo Mulas Russia 1960 © Eredi Ugo Mulas Tutti i diritti riservati Courtesy Archivio Ugo Mulas Milano Galleria Lia Rumma Milano Napoli

Gli occhi: l’incontro fra noi e il mondo

L’esposizione, curata dal direttore artistico del nuovo spazio Denis Curti e da Alberto Salvadori (direttore dell’Archivio Mulas), è una tra le più complete fino ad oggi sull’autore.

In mostra 296 opere tra cui documenti, libri, pubblicazioni, filmati e 30 fotografie mai esposte prima al pubblico.

Celebrato autore nella storia della fotografia italiana, Ugo Mulas ha saputo restituire alle arti visive i molteplici generi fotografici, che oggi costituiscono il suo importante archivio. La panoramica delle immagini selezionate si estendono dal campo teatrale alla moda, dalle effigi provenienti dalla sfera delle sue amicizie e letterati, alle fotografie di nudo e ai gioielli.

Si va dalla Biennale d’Arte di Venezia ai protagonisti della Pop Art tra cui Alexander Calder, Christo, Carla Fracci, Dacia Maraini e Alberto Moravia, Pier Paolo Pasolini, Arnaldo Pomodoro, George Segal.

Indubbiamente le famose fotografie che Mulas che ha realizzato nel campo artistico sono pietre miliari che ad oggi viaggiano e ri-viaggiano in rete e lo hanno reso un fotografo immortale.

Ugo Mulas. Le opere degli artisti pop trasportate in laguna, XXXII Esposizione Biennale Internazionale d’Arte, Venezia, 1964 © Eredi Ugo Mulas. Tutti i diritti riservati. Courtesy Archivio Ugo Mulas, Milano Galleria Lia Rumma, Milano / Napoli
Ugo Mulas. Le opere degli artisti pop trasportate in laguna, XXXII Esposizione Biennale Internazionale d’Arte, Venezia, 1964 © Eredi Ugo Mulas. Tutti i diritti riservati. Courtesy Archivio Ugo Mulas, Milano Galleria Lia Rumma, Milano / Napoli

Il percorso e i capitoli di mostra

La mostra apre con Verifiche (1968-1972), un rimando a una serie di esperimenti fotografici realizzati da Mulas. Sono tredici fotografie da cui l’autore elaborò la sua riflessione teorica dell’apparecchio fotografico. Un vero e proprio testamento del visibile.

In particolare, il titolo di mostra è riconducibile alla seconda Verifica, dal nome L’operazione fotografica. Autoritratto per Lee Friedlander dove Mulas si focalizzò sull’inquadratura mettendo in relazione l’ideale all’origine di tutte le arti visive: autoritratto, specchio, ombra.

Il percorso espositivo si snoda poi lungo 14 sezioni che ripercorrono tutti i campi d’interesse del fotografo.

Dopo Verifiche, quindi, Mulas si concentra su due artisti che per lui furono essenziali, perno nei rimandi della sua opera artistica: Marcel Duchamp e Lucio Fontana. Se da una parte l’inventore del readymade incorniciò oggetti di uso comune, ribaltando il concetto stesso di arte, dall’altra vi è l’eccellente serie dal titolo L’Attesa. Qui l’autore celebra Fontana, unico fotografo che è riuscito a documentare l’intuizione mentale del taglio della tela.

Dai luoghi ai ritratti

Un’altra sezione importante per la sua ricerca visiva sono i luoghi.

In primis Milano, città in cui esordì con i reportage che narrano periferie, dormitori, la stazione centrale o l’atmosfera artistica del Bar Jamaica del 1953-1954. Altro luogo è Venezia, con fotografie del 1961 di Piazza San Marco vista dall’alto, calli e passanti. Ci sono poi Parigi, Vienna, Copenaghen, la Germania, la Sicilia, la Calabria e la Russia.

Un posto speciale è riservato a Ossi di seppia di Eugenio Montale realizzato nel 1962. Immagini che provengono dalle pendici del Mesco, a Monterosso (La Spezia), residenza del poeta, unite in poesia da raccolte come I Limoni, La casa dei doganieri, Punta del Mesco.

Come anticipato, non mancano i ritratti inediti di personalità quali Maria Callas, Giorgio De Chirico, Oriana Fallaci, Joan Mirò e l’atmosfera artistica che Mulas seppe immortalare con eccezionale capacità visiva. Qui si trovano anche le serie sulle Biennali di Venezia; una sequenza con al centro Alberto Giacometti; Vitalità del negativo mostra curata da Achille Bonito Oliva nel 1970; una sezione di New York e la pop art che rimanda al suo catalogo New York: arte e persone pubblicato nel 1967 con ritratti del noto gallerista Leo Castelli, gli artisti Jasper Johns, Roy Lichtenstein, Robert Rauschenberg, Frank Stella, Andy Warhol.

Ugo Mulas. Joan Miró, Museo Poldi Pezzoli, Milano, 1963 © Eredi Ugo Mulas. Tutti i diritti riservati. Courtesy Archivio Ugo Mulas, Milano Galleria Lia Rumma, Milano / Napoli
Ugo Mulas. Joan Miró, Museo Poldi Pezzoli, Milano, 1963 © Eredi Ugo Mulas. Tutti i diritti riservati. Courtesy Archivio Ugo Mulas, Milano Galleria Lia Rumma, Milano / Napoli

Artisti in atelier, teatri e moda

La sezione Interno/Esterno vede effigi di artisti dentro e fuori i loro atelier. Qui troviamo Marino Marini, David Smith, Pietro Consagra, Alberto Burri… a cui si aggiunge un’intera e dovuta sezione su Calder, personalità eclettica cui era legato da una lunga amicizia artistica e affettiva.

La mostra prosegue, poi, con contributi dedicati al campo teatrale. Un esempio? Il reportage delle scenografie per Vita di Galileo di Bertol Brecht, realizzata da Giorgio Strehler, Giro di vite di Benjamin Britten realizzato da Virginio Puecher, e Wozzeck di Alban Berg.

In chiusura le sequenze di moda, nudo e gioielli. Progetti spesso bistrattati nell’opera artistica del fotografo ma utili a comprendere la sua opere.

Ugo Mulas. L’operazione fotografica
DoveLe Stanze della Fotografia Fondazione Giorgio Cini, Isola di San Giorgio (Fermata San Giorgio, linea 2) Venezia
QuandoFino 6 agosto
OrariAperto tutti i giorni dalle 11 alle 19. Chiuso il mercoledì
Ingresso14 euro intero; 12 euro ridotto. Previste altre riduzioni
Infowww.lestanzedellafotografia.it
Terry Peterle
Terry Peterle
Nell’ambito della fotografia il suo interesse e i suoi studi si sono rivolti prevalentemente nella cultura e linguaggio fotografico, e con particolare interesse segue lo sviluppo e le diramazioni dello stesso nella fotografia attuale.

Fotografia Europea 2024

spot_img

Ultimi articoli

Mostre ed eventi: tutta la bellezza di Fotografia Europea 2024

È ormai tutto pronto per la nuova edizione di Fotografia Europea 2024 a Reggio Emilia. Il festival fotografico, ormai...

Cosa vedere alla Biennale della Fotografia Femminile di Mantova?

Giunta alla terza edizione, la Biennale della Fotografia Femminile di Mantova per il 2024 si trasformerà per un mese...

Eve Arnold, 170 fotografie da vedere a Forlì

Le sale del Museo Civico San Domenico di Forlì si aprono a una leggenda della fotografia del XX secolo:...

You might also like
- potrebbero interessarti -