fbpx

Le nuove frontiere digitali per Thierry Cohen

-

REGGIO EMILIA. Con Darkened cities, Thierry Cohen ha incontrato già un grande successo a Parigi e a New York. Dal 3 maggio sarà presentato per la prima volta in Italia nell’ambito di Fotografia Europea 2013 insieme alle foto del progetto di Binary Kids per un’esposizione unica con sede ai Chiostri di San Domenico (via Dante Alighieri, 11).

 

Thierry Cohen Binary-Kid ©-Photo-Thierry-Cohen
Thierry Cohen Binary-Kid ©-Photo-Thierry-Cohen

 

Thierry Cohen è stato uno dei primi fotografi francesi ad interessarsi alle nuove tecnologie, già alla fine degli anni Ottanta, adottando rapidamente la pratica digitale ed esplorandone le capacità. Ma soprattutto interrogandosi sull’impatto della rivoluzione tecnologica sulla società, dalla sfera privata a quella pubblica.

Il suo primo lavoro in questa direzione, Binary kids, traduce visivamente l’irruzione dei nuovi sistemi di pensiero e di comunicazione nelle nostre strutture mentali. Una serie di ritratti di bambini e adolescenti, rappresentanti emblematici della “generazione internet”, diventa il supporto di proiezioni di circuiti informatici e di componenti elettroniche.

La plasticità dei ritratti, allusione alla pittura classica, contrasta con la freddezza dei disegni sovrapposti in filigrana, come dei misteriosi tatuaggi o dei merletti esoterici. Una sorta di allegoria della possessione dell’attività cerebrale che esprime le inquietudini e gli interrogativi sul potere dell’intelligenza artificiale.

 

Con la serie Darkened cities, realizzata a partire dal 2011, Cohen affronta, sempre con la stessa originalità e il ricorso alle nuove tecnologie, la questione dell’inquinamento luminoso nelle città e della sua influenza sulla percezione. Attraverso un procedimento, ancora una volta di sovrapposizione di due realtà, Cohen mostra la volta stellare, al di sopra delle megalopoli, come realmente é, pur essendo invisibile.

 

©-Photo-Thierry-Cohen
©-Photo-Thierry-Cohen

 

 

Viste panoramiche di grande respiro o close up vertiginosi nel cuore di città sprofondate nel buio, le sue immagini sono di una potente bellezza e di una grande magia. Con un procedimento estremamente complesso, dopo aver spento ogni luce artificiale e operato la trasposizione, al di sopra di New York, Rio, Shanghai, Hong Kong o Parigi, di cieli fotografati alla stessa latitudine ma in spazi aperti e deserti, Cohen crea un black out e un effetto di spaesamento assoluto. Poi dal buio, sotto cieli disseminati di stelle, emergono profili di città riconoscibili da una geografia o da building inconfondibili. Visioni anacronistiche, che ricordano la relazione con il cielo persa e ormai impossibile nelle nostre città illuminate giorno e notte.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

The Mammoth's Reflex
The Mammoth's Reflexhttps://www.themammothreflex.com
Tutte le news sulla fotografia condivise dalla redazione. Contact: redazione@themammothreflex.com

Ultimi articoli

Le foto di Luigi Ghirri in mostra a Parma ci immergono nel labirinto della (sua) visione

S'intitola Labirinti della visione la nuova esposizione dedicata a Luigi Ghirri in mostra a Parma, a Palazzo del Governatore....

Italia In Attesa: 12 racconti fotografici di un Paese sospeso

Italia In Attesa, 12 racconti fotografici è il titolo della mostra che, fino all’8 gennaio, sarà ospitata a Palazzo...

Festival della Fotografia Etica 2022 a Lodi: oltre 20 mostre da vedere

Dal 24 settembre al 23 ottobre, il Festival della Fotografia Etica 2022 torna a Lodi per raccontare il nostro...

You might also like
- potrebbero interessarti -