fbpx
SPECIALE FESTIVALFotografia Europea 2013Journey into the Future. Stop # 1, gli scatti...

Journey into the Future. Stop # 1, gli scatti di Shestakov

-

spot_img

REGGIO EMILIA. Chernobyl, un nome che nel corso degli anni è divenuto il simbolo di un’immane tragedia umana. Ma, con il passare del tempo, la memoria tende a offuscare i dettagli, le reazioni si smorzano e gli eventi si fanno via via più indistinti, come se qualcuno d’invisibile attenuasse la messa a fuoco dell’obiettivo attraverso il quale guardiamo la storia. Il caso di Chernobyl, che ha scioccato il mondo intero, non fa eccezione. È trascorso un quarto di secolo dalla notte dell’incidente alla centrale nucleare, quella tra il 25 e il 26 aprile del 1986, e abbiamo pensato che si sia trattato di un evento irripetibile, causato da un’improbabile coincidenza di molti fattori. Sì, ci siamo detti, è stato terribile, ma non succederà di nuovo.

Il 14 marzo 2011 tutto è cambiato. Un’onda immensa, alta 10 metri, causata da un fortissimo terremoto vicino alle coste del Giappone ha danneggiato la centrale nucleare di Fukushima-1.

Le foto di Sergey Shestakov per la mostra Journey into the Future. Stop # 1 (alla Sinagoga, via dell’Aquila 3/a) raccolgono scatti suggestivi tra la Chernobyl di oggi.

 

sergey-shestakov-1

 

Quando, nell’ottobre del 2010, ho organizzato la mia prima visita alla zona di interdizione di Chernobyl non pensavo di realizzare fotografie che sarebbero poi confluite in una mostra e in un libro. Il servizio fotografico doveva solo essere la prima fase di un progetto più vasto, una sorta di meditazione sul destino della razza umana. È per puro caso che ho scelto Pripyat come prima meta. Tutto quello che ho visto mi ha profondamente colpito. Io e la mia guida abbiamo camminato in una città completamente disabitata. Ad ogni passo mi aspettavo di sentire il rumore di un’automobile, le risate dei bambini intenti a giocare in cortile o di vedere una giovane mamma spingere il passeggino… E, invece, intorno a noi regnava un perfetto silenzio, mai interrotto neppure dal canto degli uccelli. Mentre passeggiavamo per le strade, entrando negli edifici, cresceva in me la sensazione che tutto fosse irreale. Ma non perché sia impossibile che le cose stiano così, bensì perché NON DOVREBBERO essere così!

Non dovrebbero esistere città e villaggi deserti, la natura intorno a noi non dovrebbe essere distrutta e gli esseri umani non dovrebbero giocare ad autodistruggersi!

Un mese dopo sono tornato a Chernobyl e ho deciso di restare, per comprendere meglio il dolore di quanti vivevano lì e hanno dovuto abbandonare la propria casa. Credo che questa esperienza abbia caricato le fotografie di una grande intensità emotiva. Dopo l’incidente alla centrale nucleare giapponese, che ha sollevato tanti paragoni e confronti con Chernobyl, ho deciso di esporre comunque gli scatti in una mostra a sé e di pubblicare un libro. In questo momento storico, in cui tutto il mondo è testimone della tragedia che ha colpito il Giappone, mi piacerebbe che si riflettesse su dove stiamo andando.

L’idea per il titolo mi è venuta quando ho visto, in un asilo di Pripyat, una copia semidistrutta del libro di Zoja Voznesenskaja Journey to the Future. Mi sono limitato ad aggiungere il sottotitolo Stop No 1, perché Chernobyl non è l’ultima stazione di questo viaggio. Oggi, che siamo già alla seconda fermata, le persone devono decidere che direzione prendere, su quale linea vogliono proseguire il proprio viaggio.

 

 

sergey-shestakov-3

 

 

Sergey Shestakov è nato nel 1968 a Mosca dove attualmente vive e lavora. Oceanografo di formazione, nel 1991 si laurea all’Istituto di Fisica Applicata di Mosca. Attualmente si occupa di fotografia alla quale si è avvicinato durante gli anni scolastici. I suoi scatti appaiono regolarmente in periodici e magazine. Ha partecipato a numerose mostre personali e collettive:  Journey into the future. Stop #2. Gudym, 9th International Month of Photography, Moscow Photobiennale 2012, Mosca; Additional poles with Alexander Ponomarev, Gallery Na Mosfilme, Mosca;  Journey into the future. Stop #1, Lianzhou Foto 2011 (Cina); Ultima Thule, Antarctic Biennale International Art Exhibition, Università Ca’ Foscari, Venezia.

 

L’INCONTRO. Sabato 4 maggio, ore 10.30 / incontro con l’artista all’interno della conferenza

SORPRESA: CAMBIARE IL MONDO | SARAJEVO: CHI HA GUADAGNATO, CHI HA PERSO

Dževad Karahasan scrittore dialoga con Piero del Giudice giornalista.

Alle 12.00 Incontro con gli artisti Thierry Cohen, Sergey Shestakov, Viktoria

Sorochinski, Tim Parchikov, Alessandro Rizzi, Lucia Ganieva, la curatrice Laura

Serani e Olga Sviblova direttrice del MAMM. Coordina Elio Grazioli.

Previous articleLe foto di Ghirri a Roma
Next articleThe Afronauts
The Mammoth's Reflexhttps://www.themammothreflex.com
Tutte le news sulla fotografia condivise dalla redazione. Contact: redazione@themammothreflex.com

MARIO DE BIASI - TRE OCI VENEZIA

spot_img

FOTOGRAFIA ETICA LODI 2021

spot_img