fbpx
MostreItaliaFoscarini alla Biennale di Venezia

Foscarini alla Biennale di Venezia

-

spot_img

VENEZIAFoscarini conferma per il sesto anno consecutivo il suo ruolo di sponsor ufficiale della Biennale Arte e Architettura di Venezia e in occasione della 55. Mostra Internazionale d’Arte, l’azienda presenta al secondo piano del bookshop dell’Arsenale un’inedita mostra fotografica che reinterpreta alcune lampade della collezione.

 

13705151117884_z

 

Quattordici grandi tele riproducono le immagini commissionate da Foscarini a fotografi di fama internazionale per la rivista Inventario, progetto editoriale totalmente indipendente – promosso e sostenuto dall’azienda – che getta uno sguardo libero e appassionato sulla scena del design, dell’architettura e dell’arte. Massimo Gardone, Max Rommel, Moreno Gentili, Lena Amuat, Emmanuel Mathez, Gionata Xerra e Sanja Pupovac hanno immaginato ed allestito tanti set diversi, rendendo protagonista, ogni volta, una lampada della collezione Foscarini. Il risultato è una galleria di ritratti d’autore – pubblicati nei primi sette numeri di Inventario – in cui i modelli vivono una dimensione del tutto inedita, simbolica ed inaspettata. Lampade d’autore diventano modelle d’eccezione per artisti dell’obiettivo.

 

13705149797483_z

 

Così, i modelli Le Soleil e Twiggy si trasformano negli scatti di Max Gardone, mentre Caboche e Lumiere XXL trovano, nell’interpretazione di Max Rommel, un’audace collocazione nella cabina di un camion e tutta l’essenza archetipica di Aplomb e Gregg si esprime nelle ambientazioni naturalistiche di Moreno Gentili. Il mondo naturale, ma in una connotazione più domestica e familiare, è scelto da Lena Amuat per Havana e Binic, mentre Emmanuel Mathez propone una visione cinematografica per Chouchin e Magneto. Elaborazioni al limite dell’astrazione trasformano Anisha e Birdie nelle opere di Gionata Xerra, mentre Sanja Pupovic sceglie atmosfere e linguaggi artistici distinti per Uto e Solar. Il legame di Foscarini con il mondo dell’arte fa parte di una visione di ampio respiro, che si è concretizzata quest’anno anche nell’apertura di Foscarini Spazio Brera a Milano e Foscarini Spazio Soho a New York. Non solo showroom, ma luoghi aperti alla creatività, nati per raccontare storie e trasmettere emozioni, che ospiteranno ciclicamente installazioni site-specific firmate da artisti ed esponenti della creatività internazionale.

 

13705150695944_z