In viaggio tra le botteghe di Bologna

-

spot_img

BOLOGNA. Gesti, ambienti, persone e consuetudini dei luoghi della tradizione. E’ “Di bottega in bottega, viaggio nel cuore storico di Bologna” la mostra a cura di Giulio Di Meo, realizzata in collaborazione con IT.A.CÀ Migranti e Viaggiatori – Festival del Turismo Responsabile, che dal 1° novembre al 31 dicembre sarà visibile alla sede Carisbo di Piazza Maggiore.

 

 

Via Drapperie 6 - Paolo Atti
Via Drapperie 6 – Paolo Atti

 

Negli scatti si ritrovano le antiche botteghe, i laboratori artigiani e i nuovi negozi del biologico e del design, oggetto di un’indagine condotta dalla Provincia di Bologna, insieme al Comune di Bologna, nelle aree del Quadrilatero e del Ghetto ebraico e dintorni. Il Quadrilatero è l’area d’antica tradizione artigianale, mercantile e commerciale, che ha avuto il massimo sviluppo nel Medioevo e ha mantenuto invariata nel tempo la sua vocazione. Qui avevano sede le principali corporazioni di mestiere della città e ancora oggi vi è un’altissima densità commerciale. Il Ghetto ebraico di Bologna conserva intatta la sua struttura urbanistica originaria e rappresenta la parte nascosta e misteriosa della città, dove hanno trovato la loro sede eccellenti botteghe artigianali, che coniugano tradizione e innovazione, e nuove attività legate al design.

La mostra “Di bottega in bottega”, quindi, si può dire che è una rappresentazione visiva del censimento delle botteghe di tradizione e pregio del centro storico cittadino. Artigiani, designer, salumieri, vinai, osti e commercianti raccontano la loro vita di bottega.

 

 

Via Oberdan 3 - Bruno e Franco
Via Oberdan 3 – Bruno e Franco

 

Giulio Di Meo, nato a Capua (Ce) nel 1976, è un fotografo indipendente impegnato nel reportage sociale. Crede nella fotografia come strumento per informare e denunciare e come mezzo di cambiamento personale, sociale e politico e promuove, attraverso incontri e workshop in Italia e all’estero, un modo di intendere la fotografia di reportage che non si limiti a informare ma che agisca concretamente e attivamente nelle realtà che documenta. A partire dal 2003 lavora a numerosi progetti fotografici; nel 2007 realizza il libro Cinquant’anni di sguardi, in occasione del cinquantesimo dell’Arci, nel gennaio 2013 pubblica il libro Pig Iron, le cui immagini raccontano le gravi ingiustizie sociali e ambientali commesse dalla multinazionale Vale in Brasile.

www.giuliodimeo.it

The Mammoth's Reflex
The Mammoth's Reflexhttps://www.themammothreflex.com
Tutte le news sulla fotografia condivise dalla redazione. Contact: redazione@themammothreflex.com

Fotografia Europea 2024

spot_img

Ultimi articoli

Cosa vedere alla Biennale della Fotografia Femminile di Mantova?

Giunta alla terza edizione, la Biennale della Fotografia Femminile di Mantova per il 2024 si trasformerà per un mese...

Eve Arnold, 170 fotografie da vedere a Forlì

Le sale del Museo Civico San Domenico di Forlì si aprono a una leggenda della fotografia del XX secolo:...

700 immagini per scoprire il mondo: a Lodi torna il Festival Fotografia Etica 2023

Tutto pronto a Lodi, per il Festival della Fotografia Etica edizione 2023. Come da tradizione, l'evento si svolgerà nella città lombarda...

You might also like
- potrebbero interessarti -