La storia dell’industria al Mast di Bologna

-

spot_img

BOLOGNA. In occasione di ArteFiera, Mast apre il 23 gennaio con la mostra “Mondi Industriali 014” a cura di Urs Stahel.

 

Inventory Number 5787 Erich Lessing, From Europe Post World War II, Shipbuilding at the Schlieker-shipyard, Hamburg, 1958 Photo: Erich Lessing © Courtesy: Erich Lessing Culture & Fine Arts Archive, Vienna
Inventory Number 5787
Erich Lessing, From Europe Post World War II, Shipbuilding at the Schlieker-shipyard, Hamburg, 1958
Photo: Erich Lessing © Courtesy: Erich Lessing Culture & Fine Arts Archive, Vienna

 

In esposizione immagini inedite di Margaret Bourke-White, Bill Brant, Robert Doisneau, Walker Evans, Harry Gruyaert, Lewis Wickes Hine, W. Eugene Smith, Andreas Gursky, Stéphane Couturier, Doug Menuez, Toni Schneiders, Toshio Shibata, Albert Renger-Patzsch, Simon Norfolk, Lee Friedlander, Peter Keetman, Timm Rautert e Walter Vogel oltre ad un opera composta da 53 fotografie di Lewis Baltz e Naoya Hatakeyama, uno degli artisti leader dell’arte contemporanea giapponese, con le Maquette/Lights (foto retroilluminate) esposte per la prima volta in Italia.

 

 

Cinque le sezioni tematiche.

 

1. LAVORO E LAVORATORI: il ritratto del lavoratore e l’immagine del paesaggio industriale sono presentati nel mutare con il corso del tempo, dall’inizio del XX secolo ai giorni nostri.

2. AREE E IMPIANTI INDUSTRIALI: il teatro della produzione industriale è discusso attraverso coppie d’immagini contrapposte: “Un tempo e oggi”.

3. LA LUCE E IL BUIO: la fabbrica nera, infuocata, buia e straripante di operai del passato e i padiglioni bianchi, asettici, luminosi e vuoti dei giorni nostri.

4. VISIBILE, INVISIBILE: il contrasto tra i macchinari imponenti, pesanti, con processi visivamente leggibili degli inizi e i muti, enigmatici, asettici strumenti di produzione moderni.

5. FLUSSI DI ENERGIA, DI MERCE, DI DATI: qualunque processo di produzione industriale non può mai fare a meno di: energia, trasporti, movimentazioni di materie prime, semilavorati e merci, ed ora di flussi di dati e di comunicazioni tra uomini, macchine e apparati.

 

Inventory Number 5877 Timm Rautert, Siemens AG, München, 1989 Photo: Timm Rautert © Courtesy: Parrotta Contemporary Art Stuttgart, Berlin
Inventory Number 5877
Timm Rautert, Siemens AG, München, 1989
Photo: Timm Rautert © Courtesy: Parrotta Contemporary Art Stuttgart, Berlin

 

 

Con questi cinque capitoli la Fondazione MAST ha iniziato la scrittura di una storia dell’industria e del lavoro attraverso le immagini di importanti fotografi, che ne documentano la nascita e la sua evoluzione fino ad oggi. La mostra rimarrà aperta fino a domenica 30 marzo (martedì – sabato 10-19). Nei giorni di Arte Fiera, invece, l’esposizione è inserita nel circuito Art City con i seguenti orari:
giovedì 23 gennaio 10-19 / venerdì 24 gennaio 10-18 (ultimo ingresso 17,30) / sabato 25 gennaio 10-22 / domenica 26 Gennaio 10-20

The Mammoth's Reflex
The Mammoth's Reflexhttps://www.themammothreflex.com
Tutte le news sulla fotografia condivise dalla redazione. Contact: redazione@themammothreflex.com

Fotografia Europea 2024

spot_img

Ultimi articoli

Mostre ed eventi: tutta la bellezza di Fotografia Europea 2024

È ormai tutto pronto per la nuova edizione di Fotografia Europea 2024 a Reggio Emilia. Il festival fotografico, ormai...

Cosa vedere alla Biennale della Fotografia Femminile di Mantova?

Giunta alla terza edizione, la Biennale della Fotografia Femminile di Mantova per il 2024 si trasformerà per un mese...

Eve Arnold, 170 fotografie da vedere a Forlì

Le sale del Museo Civico San Domenico di Forlì si aprono a una leggenda della fotografia del XX secolo:...

You might also like
- potrebbero interessarti -