Kate Moss, The Icon

-

spot_img

BOLOGNA. Ha compiuto 40 anni lo scorso 16 gennaio e Ono Arte Contemporanea gli dedica una mostra, unica in Italia, presentando 50 scatti che ritraggono in tutte le sue sfaccettature. Stiamo parlando di Kate Moss e della mostra omaggio, “Kate Moss: The Icon”, con alcune delle più belle immagini, ritratti di fotografi celebri come Albert Watson, Chris Levine, Ellen von Unwerth, David Ross, Jurgen Ostarhild, Roxanne Lowit e Satoshi Saikusa, che hanno documentato la carriera e la vita privata della top model.

 

©Satoshi Saikusa, Kate I, W Magazine, 1995
©Satoshi Saikusa, Kate I, W Magazine, 1995

 

Kate Moss sin dal suo primo shooting è diventata un fenomeno culturale, sociale e artistico. Dalle passerelle alle gallerie d’arte, è lei la protagonista indiscussa. Modella, cantante, designer e musa ispiratrice: Kate è stato tutto questo e molto altro, in primis un’icona di stile.

 

©Jurgen Ostarhild, Kate Moss, Camber Sands, South England, 1991
©Jurgen Ostarhild, Kate Moss, Camber Sands, South England, 1991

 

Alla fine degli anni Ottanta si percepì l’esaurirsi di quell’aura eterea che aveva caratterizzato le modelle dei decenni precedenti: non più vestiti eleganti e scenari sontuosi, ma al contrario aspetto trasandato, capelli arruffati e jeans rattoppati iniziano a essere i tratti distintivi dello stile grunge, che ha caratterizzato gli anni Novanta. Uno stile che non interessò solo il mondo della musica ma investì tutto il campo del sapere: Coupland in Generazione X racconta le gesta di una gioventù schiacciata dalla mancanza di ottimismo; Mark insieme all’amico Spud corrono con la mente offuscata dall’eroina sulle note di Lust for Life di Iggy Pop nel film Transpotting; Nevermind dei Nirvana diventa “l’emblema della cultura giovanile”. Una brusca caduta nella realtà più sudicia ma anche più autentica, quella dei ‘90, una sinergia culturale e creativa resa manifesta nel servizio fotografico di Kate Moss, che Corinne Day le dedica proprio in quell’anno.

 

©Satoshi Saikusa, Kate II, W Magazine, 1995
©Satoshi Saikusa, Kate II, W Magazine, 1995

 

A livello visivo e mediatico, Kate Moss inaugura un nuovo inizio e un nuovo stile caratterizzato dal dirty realism: fisico esile, occhiaie marcate e tratti imperfetti, sono tutti elementi che l’hanno portata a diventare la Queen of Cool, laddove il cool è da considerarsi ora imperfetto, reale, abbandonando i modelli di perfezione che l’avevano anticipata. Kate Moss è un’icona controversa e chiacchierata dalla personalità carismatica, che ha affascinato e ispirato i più grandi stilisti da Alexander McQueen a John Galliano, ma anche numerosi artisti di cui è divenuta musa: Lucian Freud, Marc Quinn, Tracy Emin e molti altri. Gli scatti presenti in mostra celebrano non solo la carriera, ma anche lo stile, le tendenze e il clima di un’epoca, la nostra, che essa ha concorso a creare.

 

Info:   Ono Arte Contemporanea

The Mammoth's Reflex
The Mammoth's Reflexhttps://www.themammothreflex.com
Tutte le news sulla fotografia condivise dalla redazione. Contact: redazione@themammothreflex.com

Fotografia Europea 2024

spot_img

Ultimi articoli

Cosa vedere alla Biennale della Fotografia Femminile di Mantova?

Giunta alla terza edizione, la Biennale della Fotografia Femminile di Mantova per il 2024 si trasformerà per un mese...

Eve Arnold, 170 fotografie da vedere a Forlì

Le sale del Museo Civico San Domenico di Forlì si aprono a una leggenda della fotografia del XX secolo:...

700 immagini per scoprire il mondo: a Lodi torna il Festival Fotografia Etica 2023

Tutto pronto a Lodi, per il Festival della Fotografia Etica edizione 2023. Come da tradizione, l'evento si svolgerà nella città lombarda...

You might also like
- potrebbero interessarti -