fbpx
MostreItaliaIl dark di Ignani alla Pomo Galerie

Il dark di Ignani alla Pomo Galerie

-

spot_img

MILANO. Pomo Galerie, in occasione della Settimana della Moda, ospiterà Dark Portraits. Rome 1982–1985. La mostra, nata in collaborazione con s.t. foto libreria galleria, ripercorre la ricerca condotta dal fotografo romano Dino Ignani nei primi anni Ottanta sui giovani che animavano la nuova vita notturna della capitale e, in particolare, i locali e gli appuntamenti legati all’universo dark.

 

Dark Portraits, Dino Ignani, POMO PiperClub
Dark Portraits, Dino Ignani, POMO PiperClub

 

In Italia il termine dark è stato utilizzato per identificare uno stile riconducibile a varie tendenze musicali e della moda di quegli anni: dal post-punk, al new romantic, al gothic vero proprio. Nei video-bar, nelle discoteche e in altri spazi che all’epoca proponevano serate dark (Olimpo, Supersonic, Angelo Azzurro, Blue Bar, X-Club, Venice, Black Out, Uonna Club, Piper, Cinema Espero), Ignani invitava i presenti a farsi ritrarre, predisponendo un set ad hoc: cavalletto, ombrello da studio, lampada da 1000 watt e un fondale il più possibile neutro. Lo shooting prevedeva che a ciascun soggetto fosse dedicato un unico scatto, ma ad alcuni habitué di quelle serate capitò di essere ritratti in più occasioni.

 

Dark Portraits, Dino Ignani, POMO PiperClub
Dark Portraits, Dino Ignani, POMO PiperClub

 

Dietro una rappresentazione standardizzata e apparentemente distaccata di quel mondo si nasconde infatti l’esigenza del fotografo di cogliere le specificità individuali e la trama creativa dei nuovi stili di vita. Ignani si dedica a registrare e a valorizzare i minimi dettagli e i segni distintivi del popolo dark: il trucco, gli accessori e le acconciature sono i grandi protagonisti delle immagini e sono gli stessi elementi che successivamente, come spesso accade con le avanguardie, saranno riassorbiti dal mondo della moda.

 

Dark Portraits, Dino Ignani, POMO PiperClub
Dark Portraits, Dino Ignani, POMO PiperClub

 

Pur utilizzando occasionalmente anche la pellicola a colori, Ignani ha scelto poi il bianco e nero come forma compiuta del suo progetto. Il risultato è un corpus di circa cinquecento immagini, una parte delle quali venne pubblicata su Rockstar e altre riviste specializzate, ed esposta per la prima volta nel 1986. Roberto D’Agostino, presentandole in quell’occasione, scriveva: “I ritratti di Dino Ignani sono la materializzazione di una ricerca inquieta di identità immediata, di seduzione, di comunicazione. Queste facce ci guardano e dicono: Vedi! Ho un’immagine, dunque sono, esisto”.

 

Dark Portraits, Dino Ignani, POMO PiperClub
Dark Portraits, Dino Ignani, POMO PiperClub

 

In occasione della mostra (dove sarà esposta una selezione dei ritratti) verrà presentato a Pomo Galerie anche il nuovo libro dedicato a questi scatti, intitolato Dark Portraits. Rome 1982–1985: un volume di 560 pagine, edito da Yard Press, che si propone non solo di valorizzare l’originaria vocazione seriale del lavoro di Ignani, ma di offrirne una nuova chiave di lettura, nel contesto di un progetto editoriale di impronta tutta contemporanea. Con un testo: quello scritto nel 1986 da Roberto D’Agostino.

Dino Ignani è nato e vive a Roma. Ha iniziato a occuparsi di fotografia a metà degli anni Settanta, privilegiando progetti seriali, sviluppati spesso nel corso di più anni. Fra questi, la serie dedicata ai poeti italiani, Intimi ritratti, presentata nel 1987 da Enzo Siciliano e Diego Mormorio, entrata nelle collezioni del Museo di Fotografia Contemporanea di Cinisello Balsamo.

 

Per info: galerie.thepomo.com

The Mammoth's Reflexhttps://www.themammothreflex.com
Tutte le news sulla fotografia condivise dalla redazione. Contact: redazione@themammothreflex.com

MARIO DE BIASI - TRE OCI VENEZIA

spot_img

FOTOGRAFIA ETICA LODI 2021

spot_img