Al Visconti di Milano la mostra di Marco Schifano

1848

MILANO. Dal 1° ottobre 2014 al 16 gennaio 2015, lo Studio Giangaleazzo Visconti  (Corso Monforte, 23) ospiterà la mostra di Marco Schifano. In esposizione 35 fotografie del giovane artista romano, caratterizzate da un’elevata precisione formale e da un notevole gusto compositivo.

 

Marco Schifano, Ligre, 2012, stampa su carta baritata montata su alluminio, 140x104 cm, Ed. 1/3 +2 P.A
Marco Schifano, Ligre, 2012, stampa su carta baritata montata su alluminio, 140×104 cm, Ed. 1/3 +2 P.A

 

Pur lavorando con gli strumenti fotografici – apparecchi che lo accompagnano fin dalla sua infanzia -, Schifano si muove seguendo una manualità antica, come un maestro rinascimentale o come un pittore fiammingo, ricostruendo con maniacale accuratezza le scene che saranno oggetto delle sue attenzioni.
 In bilico tra fotografia, montaggio filmico e pittura, queste immagini si accostano però anche al meccanismo della drammatizzazione teatrale e rappresentano sia la soggettività propria dell’artista, sia l’aspirazione all’oggettività dei singoli particolari.

 

Marco Schifano, Cigno, 2012, stampa su carta baritata montata su alluminio, 140x104 cm, Ed. 1/3 +2 P.A
Marco Schifano, Cigno, 2012, stampa su carta baritata montata su alluminio, 140×104 cm, Ed. 1/3 +2 P.A

 

Come afferma il critico Gianluca Ranzi, nel suo testo in catalogo, “C’è un profondo senso dell’avventura che anima le opere di Marco Schifano. L’avventura consiste anche nella creazione di immagini che contrappongono la rapidità istantanea dello scatto al tempo lungo richiesto dalla complessa preparazione di ogni set, delle luci, delle piante rare, degli animali vivi che vi compaiono, anche amplificata dall’assenza pressoché totale di interventi di post-produzione digitale sugli scatti realizzati”.

 

Marco Schifano, Leone, 2012, stampa su carta baritata montata su alluminio, 104x140 cm, Ed. 2/3 +2 P.A
Marco Schifano, Leone, 2012, stampa su carta baritata montata su alluminio, 104×140 cm, Ed. 2/3 +2 P.A

 

I soggetti comprendono animali, siano essi comuni (capre, oche, rane), o rari e feroci (leoni, armadilli, coccodrilli, avvoltoi) e vegetali (piante, fiori, frutta) che Schifano combina con oggetti inanimati come suppellettili, bicchieri in cristallo, argenterie, strumenti musicali, scranni neo-gotici, e molto altro, in una sorta di dialogo continuo che porta a interagire sullo stesso piano cose inanimate e soggetti viventi, in un sottile gioco tra realtà e finzione.

 

Marco Schifano, Galli Vietnamiti, 2012, stampa su carta baritata montata su alluminio, 140x104cm, Ed. 1/3 +2 P.A
Marco Schifano, Galli Vietnamiti, 2012, stampa su carta baritata montata su alluminio, 140x104cm, Ed. 1/3 +2 P.A

 

Schifano – sottolinea ancora Gianluca Ranzi – coinvolge lo spettatore in un’avventura estetica e conoscitiva che riguarda da una parte il manifestarsi inaspettato di una relazione tra i soggetti (di qualsiasi natura essi siano) e dall’altra la magia della prodigiosa resa fotografica delle textures, dei materiali e dei riflessi”.

 

Marco Schifano, Savages III, 2014, stampa su carta baritata montata su alluminio, 160x120 cm
Marco Schifano, Savages III, 2014, stampa su carta baritata montata su alluminio, 160×120 cm

 

Con questo suo modo di operare, Marco Schifano si pone al di fuori del comune sentire artistico. Laddove si predilige la provocazione o l’elemento spettacolare e concettuale, lui risponde con immagini colte, costruite con un profondo senso della bellezza e della composizione.

 

Marco Schifano, Savages I, 2014, stampa su carta baritata montata su alluminio, 120x160 cm
Marco Schifano, Savages I, 2014, stampa su carta baritata montata su alluminio, 120×160 cm

 

Marco Schifano (1985) vive e lavora a Roma.
Sin dall`infanzia i suoi “giocattoli” sono cineprese e macchine fotografiche, con le quali cresce sperimentando la propria capacità comunicativa. Si esercita nel “montaggio in macchina” per ottenere filmati dove fonde le sue ricerche sul senso e sul ritmo: tante ore di girato e un gran numero di scatti per arrivare a una propria rappresentazione estetica del mondo.
La sua opera fotografica più recente si basa su una processualità complessa che prevede una lunga ricerca preliminare di elementi coordinati, assemblati e quindi ripresi per dare vita a iconografie altamente formalizzate. Lo still life è usato per rileggere la tradizione pittorica della natura morta, attraverso immagini che si collocano sulla soglia tra realtà e finzione.

 

Info: www.studiovisconti.net

 

 

Comments

comments