fbpx
MostreItaliaStand Stille e Carnage per la stagione autunnale dello...

Stand Stille e Carnage per la stagione autunnale dello spazio fotografia La Bottega

-

MARINA DI PIETRASANTA. Due mostre per LABottega – Spazio per la Fotografia che il 14 settembre inaugurerà lo spazio espositivo con “Stand Still” di Costanza Mansueti a cui seguirà, l’11 ottobre, l’inaugurazione di “Carnage” di Nicola Gnesi. Entrambe le mostre sono curate Serena Del Soldato.

 

Costanza Mansueti
Costanza Mansueti

 

“Stand Still” è un progetto maturato nel corso degli ultimi viaggi di Costanza Mansueti negli Stati Uniti e Canada e si compone di 25 fotografie che rappresentano per lo più luoghi abitati e disabitati immersi nell’inverno americano, momenti bui e tetri ma anche attimi di luce in cui il sole arriva a sciogliere la neve, anche se per un solo momento. Le immagini di campagne si accostano a quelle di città affollate come New York seguendo un elemento comune, l’assenza di persone, rotto in un’unica fotografia in cui si intravedono delle sagome dietro una finestra di Philadelphia, in un ricordo vagamente hopperiano.

Costanza Mansueti inizia a lavorare negli inizi degli anni novanta come assistente free lance in vari studi fotografici di Firenze. Dopo aver lasciato per molti anni la fotografia, ritorna a scattare per la casa editrice Maria Pacini Fazzi di Lucca, lavorando alle seguenti edizioni: Il Palazzo Orsetti di Lucca; Il Palazzo Santini e Tesori di Giacomo Puccini a Celle”. Dal novembre del 2011 collabora con LABottega di Marina di Pietrasanta, tenendo corsi di camera oscura e lezioni individuali di fotografia base analogica e digitale, seguendo gli eventi legati alla galleria, alla sala di posa e i servizi fotografici associati. Nell’ottobre del 2011 la Repubblica on line pubblica un suo reportage e nello stesso anno inizia a collaborare con la testata giornalistica Loschermo.it. Nel 2014 si sposta per qualche mese negli Stati Uniti, dove tiene un’esposizione alla Alternatives Federal Credit Union di Ithaca (NY) e una mostra alla Pressbay Alley, mentre scatta i servizi fotografici per il gruppo musicale di Philadelphia Sunshine Superman e per l’architetto di Ithaca (NY) Daniel Hirtler.

 

Nicola Gnesi
Nicola Gnesi

 

“Carnage”, invece, si compone di circa 20 still life in uno splendido bianco e nero che riflette un marcato stile personale. Relativamente al nuovo progetto l’autore racconta: “Dalla carne si riscoprono interiormente dei frammenti scomposti, rappresentati in un contesto che purifica ed esorcizza la vita contrapponendola tra il viscerale ed il sensuale. Infine dall’oscurità emerge una forma, rappresentata da una carneficina di suggestioni.”

Nicola Gnesi nasce a Pietrasanta in provincia di Lucca nel Marzo del 1983. Proprio negli anni del liceo inizia a fotografare dopo che suo padre gli regala la sua Canon F1. La carriera professionale inizia quasi subito facendo gavetta come corrispondente della Versilia per alcune testate e agenzie nazionali. In questi anni e in quelli a venire inizia a formarsi frequentando fotografi del calibro di Maurizio Galimberti, Alex Majoli, Samuele Pellecchia, Stanley Greene, Janice Mehlman e Veronica Gaido. Nel 2009 espone due fotografie panoramiche del Muro di Berlino in una mostra collettiva organizzata dalla Agenzia Contrasto dal nome “Prima e dopo il muro” accanto a fotografi del calibro di Gianni Berengo Gardin, Renè Burri e Ian Freed. Dal 2011 inizia una duratura collaborazione con la scultrice romana MOG per la quale scatta le foto di gran parte del suo lavoro. Dal 2012, decide di passare svariati mesi dell’anno a New York. Nel 2013 inizia un importante progetto personale nel Carcere di Lucca dove fa scattare le foto ai detenuti. Inoltre sue sono le foto del nuovo disco e della campagna promozionale del cantante Bobo Rondelli. Nel 2014 scatta tutte le foto del catalogo della mostra newyorkese del famoso scultore Kan Yasuda presso la Eykyn Mclean Gallery.

 

Per info: www.labottegalab.com