fbpx
MostreItaliaCogliere l'attimo... con l'Iphone

Cogliere l’attimo… con l’Iphone

-

spot_img

MILANO. Sarà una mostra dedicata interamente a scatti realizzati con l’Iphone per unire, in un unico corpo, progettualità ed estemporaneità e catturare un attimo inafferrabile. E’ questo “One Shotprogetto della fotografa romana (ormai trapiantata a Milano) Virginia Bettoja che sarà esposto dal 13 al 19 marzo all’Area35 Art Factory.

 

One Shot, Virginia Bettoja
One Shot, Virginia Bettoja

 

La fotografia consapevole e matura prende forma attraverso dei progetti. Questo concetto, interiorizzato grazie a studi ed esperienza, ha permesso di ampliare e strutturare la visione dell’autrice. Un principio che stride con uno degli aspetti più affascinanti e misteriosi della fotografia: catturare l’attimo. Quell’attimo che solo quel One Shot riesce a carpire, perchè quasi inafferrabile.

 

Virginia masce nel 1985 a Roma, dove si laurea in Lettere e Filosofia. Già alimentata negli anni, dà poi spazio alla sua forte passione per la Fotografia migliorando le sue conoscenze tecniche alla Scuola Romana di Fotografia. Inizia il suo percorso di avvicinamento alla professione come assistente fotografa e come freelance per eventi su Roma e Londra. Perfeziona al meglio la sua formazione diplomandosi al Corso Superiore, professionale biennale, dell’Istituto italiano di Fotografia di Milano, città dove attualmente vive e lavora. Nell’ambito artistico ha presentato suoi lavori di ricerca in spazi espositivi ad Orvieto, Milano e Roma.

 

One Shot, Virginia Bettoja
One Shot, Virginia Bettoja

 

Cogliere l’attimo, come se fosse un frutto. Come se fosse quella parte più colorata ed utile di un albero maestoso che ci ripara la testa dal caldo e dalla pioggia. Le radici, quelle, non possiamo vederle… possiamo solo immaginare quanto si snodino sotto terra, quanto siano aggrovigliate e di quanta acqua abbiano bisogno. Le percepiamo solo quando, affiorando in alcuni punti, rendono accidentato il terreno su cui camminiamo. Il tempo, eterno, non si può conoscere e non si può spiegare e non si può capire. Così non ci resta che stare seduti sotto l’albero aspettando che gli attimi, uno dopo l’altro, maturando, ci cadano sulla testa. Oppure possiamo arrampicarci e cogliere i frutti con le nostre mani. Perché ognuno affronta il tempo come crede, ognuno morde i momenti come può, ognuno assapora come sa sentire. Erica Mou

 

One Shot

Dove : AREA35 Art Factory Galleria Contemporane, Via Vigevano 35, Milano

Quando: dal 13 marzo al 19 marzo 2015

Orari: Mart / Ven 15.30-19.30; Sab / Dom 17-20.30

Info: www.area35artfactory.com