fbpx
MostreItaliaTra quaderni di viaggio e scarabocchi

Tra quaderni di viaggio e scarabocchi

-

spot_img

FIRENZE. “Finding the Middle East in Florence” di Nasser Alzayani sarà una delle mostre proposte al festival Middle East Now che si svolgerà a Firenze dall’8 al 13 aprile. Nel progetto di Alzayani una mappatura della Firenze mediorientale vista attraverso disegni e sketchbooks e con lo sguardo curioso e la creatività di un giovane artista dal Bahrein. La mostra rimarrà in esposizione alla galleria Etra (Studio Tommasi) dall’11 aprile e fino al 10 maggio.

 

Nasser Alzayani_MENow_Sketchbook_019_Museo Galileo Galilei
Nasser Alzayani_MENow_Sketchbook_019_Museo Galileo Galilei

 

Nasser Alzayani è un artista nato in Bahrein ed è stato selezionato nel 2014 tra i giovani creativi mediorientali più interessanti dalla Crossway Foundation di Londra, l’istituzione che promuove la creatività emergente dal mondo Arabo. Nasser si cimenta nella pratica artistica dell’urban drawing, che consiste nel registrare e rappresentare “esperienze, tracce e ricordi di spazio e di tempo”, che traduce poi visivamente nei quaderni di viaggio che realizza, gli sketchbook in cui – con metodo rigoroso e un tratto originalissimo – lascia un segno di queste memorie.

Su invito del festival Nasser ha svolto una residenza a Firenze, ospite di NYU Florence a Villa la Pietra nel mese di febbraio, durante la quale ha realizzato uno speciale sketchbook: un quaderno in cui ha registrato i riferimenti al Medio Oriente che ha trovato a Firenze, nelle strade, nei musei e nei luoghi che ha visitato, e nella gente che ha incontrato. Il risultato è Finding the Middle East in Florence, un’originalissima mappatura della “Firenze mediorientale” che diventerà anche un libro.

 

Nasser Alzayani_MENow_Sketchbook_004_Battistero Piazza Duomo
Nasser Alzayani_MENow_Sketchbook_004_Battistero Piazza Duomo

 

Finding the Middle East in Florence si compone di circa 40 sketches con diversi soggetti: dalla sinagoga di Firenze alla moschea, passando per il mercato di San Lorenzo e i suoi tanti venditori mediorientali, le armature della collezione del Museo Stibbert, i tappeti custoditi al Bargello, i globi terrestri di origini arabe al Museo Galileo Galilei, ma anche i tanti e curiosi riferimenti alla cultura araba e persiana trovati nei menù dei ristoranti, nei caffè fiorentini, nei luoghi, nei volti nei caratteri della città. Il tutto per una mappatura di Firenze in salsa Middle East, che “includerà disegni, osservazioni, collages, aneddoti e oggetti trovati per le strade di Firenze – come dice lo stesso Nasser – nel tentativo di esplorare le influenze del Medio Oriente in città. Un processo di scoperta, alla ricerca di persone, cibo, arte, e dell’architettura che rappresenta il rimando a un mondo che sembra così lontano, ma che è poi più vicino di quanto non sembri”.

Il progetto della mostra Finding the Middle East in Florence è curato da Federica Cirri, con uno speciale allestimento realizzato da Archivio Personale.

Nasser Alzayani. Nato in Bahrein, attualmente studente di architettura presso la American University of Sharjah, Nasser sta sviluppando uno suo originalissimo stile come artista e illustratore che cattura momenti e situazioni della vita reale, riproducendone sia l’ambiente fisico che le sue costruzioni mentali. Lavora principalmente con inchiostro e grafite, e con introduzioni occasionali di colore e tecniche miste. La storia dell’arte e il viaggio sono alcune delle principali fonti di ispirazione di Nasser. I tanti sketchbook che ha accumulato fino a oggi, riflettono questa infaticabile passione per l’esplorazione di nuovi luoghi, persone e per l’arte in generale.