Mostre Italia Ad Arte Fiera una selezione di opere di Antonio...

Ad Arte Fiera una selezione di opere di Antonio Biasiucci

-

BOLOGNA. Dal 29 gennaio al 1° febbraio, nell’ambito di Arte Fiera, al PADIGLIONE 32 / STAND C 41 la Galleria del Cembalo presenterà una selezione significativa dell’opera di Antonio Biasiucci, autore che da oltre trent’anni, con rigore e determinazione, esplora il desiderio, se non la necessità, di rappresentare la vita attraverso i suoi elementi simbolici e costitutivi. Un lavoro, quello di Biasiucci, radicalmente all’origine, che non cerca facili seduzioni, ma che costringe ognuno di noi a misurarsi con le questioni ultime dell’esistenza.

 

Antonio Biasiucci Il filo di Arianna #3 Gelatin silver print, 1986/7 cm 60 x 50
Antonio Biasiucci
Il filo di Arianna #3
Gelatin silver print, 1986/7
cm 60 x 50

 

Il filo di Arianna, 1983/85
L’inizio, a 18 anni, senza una identità e il privilegio di possedere un apparecchio fotografico e farlo diventare uno strumento per delle risposte adolescenziali complesse. Il filo di Arianna è il tentativo di riprendersi il filo della vita rivisitando con la fotografia quei segni, quei luoghi di un vissuto proprio rifiutato. È l’inizio della ricostruzione della mia persona alla ricerca di qualche verità alla quale ancorarsi. Ma è prima di tutto la consapevolezza del ‘Dono’ della fotografia da proteggere e custodire perché mi è chiaro che è lì il mio stare al mondo.

Impasto, 1989/91
“Il laboratorio di Neiwiller è lo stimolo a solleticare le corde interne del pensiero e dell’emozione, affinché diventino epifanie pure e scarnificate” (Leo De Berardinis)
Impasto è l’applicazione metodica e sostanziale del laboratorio del regista teatrale Antonio Neiwiller.
La tinozza dell’impasto è in ciò che da mia madre ho ereditato, lei, che il pane lo faceva, e diventa luogo nudo e aperto all’altro con la fotografia. È anche il momento della consapevolezza di una memoria ritrovata e l’ambizione di voler conoscere quella dell’Uomo, facendo ‘laboratorio’, quei soggetti essenziali che ad esso appartengono.
Antonio Biasiucci

 

Antonio Biasucci, Impasto
Antonio Biasucci, Impasto

Antonio Biasiucci nasce a Dragoni (Caserta) nel 1961. Nel 1980 si trasferisce a Napoli, dove comincia un lavoro sugli spazi delle periferie urbane e contemporaneamente una ricerca sulla memoria personale, fotografando riti, ambienti e persone del paese nativo. Nel 1984 inizia una collaborazione con l’Osservatorio vesuviano, svolgendo un ampio lavoro sui vulcani attivi in Italia. Nel 1987 conosce Antonio Neiwiller, attore e regista di teatro: con lui nasce un rapporto di collaborazione che durerà fino al 1993, anno della sua scomparsa. Fin dagli inizi la sua ricerca si radica nei temi della cultura del Sud e si trasforma, in anni recenti, in un viaggio dentro gli elementi primari dell’esistenza. Ha ottenuto importanti riconoscimenti, tra cui, nel 1992, ad Arles, il premio “European Kodak Panorama”; nel 2005 il “Kraszna/Krausz Photography Book Awards”, per la pubblicazione del volume Res. Lo stato delle cose (2004) e, nello stesso anno, il “Premio Bastianelli”. Numerosissime le mostre personali e le partecipazioni a mostre collettive, a festival e rassegne nazionali e internazionali. Ha collaborato inoltre a diversi progetti editoriali, e ha partecipato a importanti iniziative culturali di carattere sociale. Biasiucci è stato invitato fra gli artisti del Padiglione Italia alla Biennale di Venezia del 2015.
Molte sue opere fanno parte della collezione permanente di musei e istituzioni, in Italia e all’estero, tra cui: Istituto nazionale per la grafica, Roma; MAXXI, Roma; PAN Palazzo delle Arti, Napoli; MADRE-Museo d’Arte Contemporanea Donna Regina, Napoli; Metropolitana di Napoli; Galleria Civica di Modena; Museo di fotografia contemporanea Villa Ghirlanda, Cinisello Balsamo (Milano); Fondazione Sandretto Re Rebaudengo per l’Arte Contemporanea, Guarene (Cuneo); Fondazione Banco di Napoli; Collezione Banca Unicredit, Bologna; Bibliothèque nationale de France, Parigi; Maison Européenne de la Photographie, Parigi; Château d’Eau, Tolosa; Musée de l’Elysée, Losanna; Centre de la Photographie, Ginevra; Fondazione Banca del Gottardo, Lugano; Centre Méditerranéen de la Photographie, Bastia; Galerie Freihausgasse, Villach (Austria); Departamento de investigación y documentación de la Cultura Audiovisual, Puebla (Messico), Mart, Rovereto.

The Mammoth's Reflex
The Mammoth's Reflexhttps://www.themammothreflex.com
Tutte le news sulla fotografia condivise dalla redazione. Contact: redazione@themammothreflex.com

NUOVE DATE RIAPERTURE FESTIVAL FERRARA 2020

Ultimi articoli

Letizia Battaglia, storie di strada in mostra ad Ancona

Letizia Battaglia arriva ad Ancona, con la mostra "Storie di strada" alla Mole Vanvitelliana. Si tratta di...

Mario Cattaneo, una mostra a cielo aperto

Cinisello Balsamo diventa scena di una grande mostra a cielo aperto dedicata a Mario Cattaneo.

Ren Hang, immagini che rompono i tabù

Il Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato presenta per la prima volta in Italia un...

Appuntamenti da non perdere

World Photography Day, celebralo con Canon

Il 19 agosto si festeggia il World Photography Day, ovvero la giornata mondiale dedicata alla fotografia.

TOward2030. What are you doing?

Fino al 17 gennaio 2021 il pubblico dei Musei Reali di Torino potrà visitare l’esposizione dedicata al...

Premio Musa, un premio per donne fotografe

Torna il Premio Musa 2020 per donne fotografe. Il premio fotografico, già alla sua seconda edizione, è...

You might also likeRELATED
Recommended to you