fbpx
MostreItaliaLa Guerra Totale. Le più belle e iconiche fotografie...

La Guerra Totale. Le più belle e iconiche fotografie degli archivi di Stato americani

-

spot_img

Prorogata fino al 19 dicembre 2020, a La Casa di Vetro di Milano, “La Guerra Totale. Il Secondo Conflitto Mondiale” con le più belle e iconiche fotografie degli Archivi di Stato americani. Una raccolta di immagini provenienti da importanti archivi statunitensi tra cui National Archives and Records Administration, Library of Congress, United States Holocaust Memorial Museum.

L’esposizione fa parte del ambizioso progetto History & Photography, un piano rivolto al grande pubblico, alle scuole e alle università. Un modo per utilizzare la fotografia d’archivio come mezzo di fruizione culturale visivo, sia dal vivo che via web attraverso un sito dedicato.

la guerra totale mostra milano little girl evacuee of japanese
“Una bambina evacuata di origine giapponese osserva le cerimonie del Memorial Day (Giorno della Memoria). Gli Evacuee Boy Scouts (i Boy Scouts degli Evacuati) hanno preso parte alla cerimonia tenutasi presso questo centro della War Relocation Authority (Autorità per la Ricollocazione di Guerra).” 30 maggio 1942 Manzanar Relocation Center, Manzanar, California Autore Francis Stewart, fotografo della War Relocation Authority © courtesy U.S. National Archives and Records Administration

La Guerra Totale: cosa c’è da vedere alla mostra di Milano

La mostra, a cura di Alessandro Luigi Perna, porta a Milano oltre 60 fotografie corredate ognuna con testi di approfondimento. Il taglio è giornalistico e documentaristico per ripercorrere i più importanti eventi del Secondo Conflitto Mondiale. Il più devastante e oscuro conflitto che l’uomo abbia mai vissuto e provato sulla propria pelle dai fronti europei, nord africani a quelli del Pacifico.

Un focus sul clima politico

La parte introduttiva della mostra, racconta il clima politico che ha portato all’apertura verso il nazifascismo da parte delle democrazie occidentali in funzione antisovietica. L’allestimento esorta l’osservatore ad una riflessione sul motivo per cui è fondamentale richiamare alla memoria i tristi eventi della Seconda Guerra Mondiale. Invita alla memoria soprattutto per le questioni etiche sollevate dal Conflitto: domande a cui non sono state trovate risposte definitive e univoche a partire dalla discutibile ascesa di Hitler attraverso libere elezioni.

Il susseguirsi delle immagini sono concomitanti agli eventi storici che vanno dalla politica espansionistica nazista e il feroce attacco giapponese alla Cina, all’invasione tedesca della Francia e i bombardamenti sulla Gran Bretagna; dal bombardamento giapponese a sorpresa di Pearl Harbor e l’invasione della Russia, alla guerra in Nord Africa e la riconquista degli Alleati isola per isola nell’Oceano Pacifico; dalla tragicità dei campi di sterminio e la riduzione in schiavitù di milioni di Europei per sostituire nelle fabbriche i tedeschi al fronte, alla guerra in Italia e il D-Day; dai movimenti partigiani e le punizioni ai collaborazionisti, alla sconfitta dei tedeschi e le bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki, fino alla caccia ai gerarchi nazisti e la resa del Giappone.

la guerra totale mostra milano_top_women Indiana_Works_NARA
“Queste “top women” lavorano nelle acciaierie statunitensi di Gary Works, Indiana, come fossero ragazze venute da Marte. Il loro compito è quello di pulire a intervalli regolari attorno alle cime di dodici altiforni. Come precauzione di sicurezza, le ragazze indossano maschere di ossigeno. ” 1940 – 1945 Indiana, Stati Uniti Autore sconosciuto o non fornito © courtesy Department of Labor – Women’s Bureau / U.S. National Archives and Records Administration

History & Photography. L’innovativa offerta web fruibile a chiunque

History & Photography è l’innovativa offerta messa a punto da questa mostra. Partendo dall’idea che la fotografia ritrae e documenta la realtà da oltre due secoli, il progetto si è posto tre obiettivi principali.

Il primo è quello di creare e promuovere esposizioni che raccontino la storia contemporanea della fotografia. Il secondo è quello di riscoprire e rendere fruibili al grande pubblico e ai più giovani i molteplici archivi fotografici storici – italiani e stranieri, pubblici e privati – valorizzando sia la funzione narrativa e documentale delle immagini che il loro senso estetico.

Il terzo è quello di sensibilizzare scuole e università proponendo attraverso la divulgazione digitale, la fotografia come valore culturale con foto-proiezioni di immagini storiche strutturate in percorsi di circa 50-70 immagini. Offerte sia in modalità dal vivo che online al sito. In questo modo le fotografie potranno essere utilizzate anche a scuola, come lezioni autonome, con approfondimenti messi a disposizione sia per docenti che per studenti, che spaziano dal fotoreportage alla storia delle società attuali.

La mostra, è inoltre, visitabile anche da casa via web – pagando un piccolo contributo. È infatti possibile, per chi non può raggiungere la Casa di Vetro di Milano, vedere la selezione di immagini sugli schermi di casa propria (smart tv, computer, etc.) in forma di fotogallery in slideshow manuale.
A tal proposito, per i suoi contenuti ed i suoi aspetti contemporanei in campo educational Rai Scuola ha definito il progetto History & Photography “un unicum in Italia (e forse nel mondo)”.

La Guerra Totale
DoveLa Casa di Vetro, via Luisa Sanfelice 3, Milano
Quando15 febbraio – 19 dicembre 2020
OrariLunedì, mercoledì, venerdì, sabato dalle 15,30 alle 19,30. Martedì dalle 15,30 alle 22. Giovedì e domenica chiuso.
Ingresso5 euro intero; 10 euro visite guidate; 12,50 euro visite online
Infowww.lacasadivetro.com