Un mondo di ricordi e visioni: 100 fotografie di Emanuele Scorcelletti in mostra a Jesi

-

spot_img

Elegia Fantastica. Le Marche tra ricordo e visione” è il titolo della mostra che presenta 100 fotografie di Emanuele Scorcelletti a Jesi, a Palazzo Pianetti.

Le fotografie esposte raccontano il rapporto che il fotografo, noto a livello internazionale per le fotografie dedicate alle star del cinema e della moda, ha sempre mantenuto con l’Italia e le Marche.

Un progetto, a cura di Cyril Drouhet, direttore della fotografia di “Le Figaro Magazine”, che segna il passaggio a un nuovo linguaggio artistico per Scorcelletti, premiato nel 2003 dal World Press Photo Contest.

Emanuele Scorcelletti, Spiaggia di Porto San Giorgio, 2018
Emanuele Scorcelletti, Spiaggia di Porto San Giorgio, 2018

Elegia fantastica: le Marche nelle foto di Emanuele Scorcelletti

Marchigiano di origine ma vissuto sin da bambino tra Lussemburgo e Francia, Emanuele Scorcelletti ritorna alle emozioni e ai sentimenti che permeano e scaturiscono dai territori originari della sua infanzia, dalle sue radici, attraverso immagini in bianco e nero.

Lo sguardo del fotografo, in questo nuovo lavoro si è evoluto. Come in un viaggio evanescente, in una nostalgica a-temporalità, forme spettrali e leggere si evolvono in città cristallizzate dagli anni, in luoghi sacri preservati da una fede millenaria, in un mondo rurale risparmiato dalla frenesia del modernismo. Immagini in movimento che svelano un lavoro onirico come un’ode all’Italia eterna, come una poesia sussurrata alle ferite della vita in cui galleggia un certo profumo di innocenza.

Formato dagli insegnamenti dei grandi maestri Henri Cartier-Bresson e Mario Giacomelli, che lo hanno portato alla ricerca di rigore e perfezione geometrica, Scorcelletti giunge a una nuova espressione fotografica che, libera dagli schemi, lascia spazio alla poesia, attraverso luci, ombre, natura e paesaggio, per comporre immagini quasi astratte che, senza nessun tipo di intervento successivo, mantengono intatta l’emozione dell’istante.

Emanuele Scorcelletti, Pas des deux
Emanuele Scorcelletti, Pas des deux

Un viaggio tra immagini e memoria in mostra a Jesi

Una narrazione lirica di un viaggio introspettivo nei luoghi del passato, ripercorsi per mesi tra boschi, spiagge, piccoli paesi e ritrovati emotivamente nelle case, insieme alle persone che li abitano: il ritratto di una terra attraverso lo sguardo personale del fotografo e della sua memoria.

Luoghi come ricordi sono raccolti in un componimento poetico, una elegia, che affianca, all’interno degli spazi espositivi di Palazzo Pianetti, due sezioni: Ricordi e Visioni.

  • La prima espone una serie di scatti realizzati nelle Marche nel corso degli anni che restituiscono una immagine pittorica ed evocativa, che riesce a trasferire il senso di appartenenza di Scorcelletti a queste terre, un ricordo vivo e intimo, a tratti nostalgico.
  • Nella seconda il territorio diventa teatro di apparizioni sognanti, quasi sublimate, che portano ad un cambio di registro, verso l’onirico.
Emanuele Scorcelletti, Petritoli, 2014
Emanuele Scorcelletti, Petritoli, 2014

Un percorso a più livelli

La mostra si sviluppa all’interno degli spazi di Palazzo Pianetti dove, partendo dal cortile, un grande tableaux vivant, di 7×4 metri che ritrae gli abitanti di Jesi, accoglie i visitatori e introduce al piano terra dove sono esposte le fotografie della sezione Visioni.

Una successione di sale tematiche dedicate alla foresta, al mare e alla campagna, completate da un percorso olfattivo realizzato con fragranze create ad hoc per il progetto dalla Bottega Malatini di Mauro Malatini, per rievocare i profumi dei luoghi e le sensazioni che trasmettono.

Una video-installazione, alla base della grande scala che porta al primo piano, guida verso la seconda parte della esposizione che continua nella Galleria degli Stucchi, dove le immagini della sezione Ricordi sono incorniciate dalle meraviglie delle decorazioni settecentesche, uno dei più straordinari esempi di Rococò italiano.

Un progetto di sound design realizzato da Stefano Sasso, docente all’Accademia di Belle Arti di Macerata e all’Università degli Studi di Macerata, arricchisce il progetto espositivo con una traccia sonora studiata per accompagnare i visitatori attraverso i diversi ambienti.

Elegia Fantastica, il libro che raccoglie la ricerca di Emanuele Scorcelletti

Il libro Elegia Fantastica, edito da Hemeria, raccoglie testi di Cyril Drouhet, Denis Curti, critico della fotografia e Simona Cardinali, storica dell’arte dei Musei Civici di Palazzo Pianetti di Jesi, che compongono un’analisi della ricerca di Emanuele Scorcelletti sia nell’ambito della storia della fotografia contemporanea, con specifico riferimento alla tematica della rappresentazione dei luoghi, sia come percorso artistico nel panorama internazionale. Il libro Elegia Fantastica è disponibile per l’acquisto sul sito www.elegia-fantastica.it.

Emanuele Scorcelletti, Elegia Fantastica
DovePalazzo Pianetti
Quandofino al 4 settembre 2022
Orarida martedì a domenica e festivi: 10.00 – 13.00 | 16.00 – 19.00 dal 18 giugno: 10.00 – 19.00
Ingresso5 euro intero; 3 euro ridotto
Infowww.elegia-fantastica.it
The Mammoth's Reflex
The Mammoth's Reflexhttps://www.themammothreflex.com
Tutte le news sulla fotografia condivise dalla redazione. Contact: redazione@themammothreflex.com

Fotografia Europea 2024

spot_img

Ultimi articoli

Cosa vedere alla Biennale della Fotografia Femminile di Mantova?

Giunta alla terza edizione, la Biennale della Fotografia Femminile di Mantova per il 2024 si trasformerà per un mese...

Eve Arnold, 170 fotografie da vedere a Forlì

Le sale del Museo Civico San Domenico di Forlì si aprono a una leggenda della fotografia del XX secolo:...

700 immagini per scoprire il mondo: a Lodi torna il Festival Fotografia Etica 2023

Tutto pronto a Lodi, per il Festival della Fotografia Etica edizione 2023. Come da tradizione, l'evento si svolgerà nella città lombarda...

You might also like
- potrebbero interessarti -