Dai sapeurs alla moda di Dakar: le foto di Daniele Tamagni a Milano

-

spot_img

Style Is Life è il titolo dell’esposizione con fotografie di Daniele Tamagni in mostra a Palazzo Morando Costume Moda Immagine a Milano.

Curata da Aïda Muluneh e Chiara Bardelli Nonino, promossa e organizzata dalla Daniele Tamagni Foundation in collaborazione con il Comune di Milano, questa è la prima grande retrospettiva del fotografo milanese, prematuramente scomparso nel 2017 a 42 anni.

L’esposizione, che presenta un’ampia selezione di reportage, resterà aperta fino al 1° aprile 2024.

The Playboys of Bacongo, da Gentlemen of Bacongo, 2008 © 1. Willy Covary, da Gentlemen of Bacongo, 2008 © Daniele Tamagni / Courtesy Giordano Tamagni
The Playboys of Bacongo, da Gentlemen of Bacongo, 2008 © 1. Willy Covary, da Gentlemen of Bacongo, 2008 © Daniele Tamagni / Courtesy Giordano Tamagni

I reportage di Daniele Tamagni: quali vedere a Milano?

Daniele Tamagni è stato un fotografo di rilievo internazionale. Il suo sguardo innovativo ha amalgamato fotogiornalismo, fotografia di strada e moda in uno stile diventato la sua cifra caratteristica. Documentando gli stili e le tendenze della moda di strada, ne ha testimoniato il valore politico, talvolta sovversivo.

In mostra a Milano 90 fotografie, tra cui alcune del tutto inedite, che offrono una panoramica dei suoi lavori più importanti. Vediamone alcuni.

I sapeurs congolesi

Nei suoi lavori Tamagni ha spesso immortalato l’orgoglio e la gioia di comunità urbane per le quali “lo stile è vita” e dove l’abbigliamento diventa una forma di identità. Ne è un esempio il lavoro sui sapeurs congolesi della Sape (Società degli Animatori e delle Persone Eleganti), anche conosciuti come i dandy di Bacongo, quartiere di Brazzaville nella Repubblica del Congo.

Sin dalle origini del movimento, all’inizio del Novecento, i sapeurs avevano reinterpretato lo stile dei colonizzatori francesi, esibendosi all’interno delle loro comunità in performance in cui ostentazione, lusso e raffinatezza diventavano strumenti di resistenza culturale. Tamagni è riuscito a far emergere lo stile e i colori degli abiti indossati, i dettagli degli accessori – occhiali da sole, orologi, cappelli – ma anche il gusto e la gioia di vivere.

Tant’è che l’affermato stilista inglese Paul Smith, per disegnare la sua collezione primavera-estate del 2010, si ispirò proprio alle fotografie del libro Gentlemen of Bacongo (pubblicato nel 2009 da Trolley Books e nel 2024 da Kehrer Verlag Heidelberg), ormai divenuto un best seller della fotografia, e che contribuì al riconoscimento dell’International Center of Photography di New York.

Untitled, from Afrometals, 2012 © Daniele Tamagni / Courtesy Giordano Tamagni
Untitled, from Afrometals, 2012 © Daniele Tamagni / Courtesy Giordano Tamagni

I metallari del Botswana

Il percorso a Palazzo Morando presenta poi i metallari del Botswana, un progetto del 2012, nel momento in cui il movimento afrometal era al suo culmine. Ospite di un gruppo heavy metal, creato dai nipoti di uno psicologo italiano che aveva realizzato il principale ospedale per malattie mentali del paese, Tamagni immortala anche la vita quotidiana degli artisti. Attraverso il suo sguardo ne risalta lo stile, gli accessori e gli strumenti, con un sapiente gioco di luci e contrasti.

Le cholitas boliviane

Ritroviamo la sinfonia di tessuti variopinti nei costumi tradizionali delle lottatrici di wrestling boliviane, progetto premiato dal World Press Photo. Le cholitas boliviane indossano una gonna particolare molto colorata (la pollera) e si sfidano così vestite per portare avanti, anche attraverso il wrestling, forme concrete e positive di emancipazione femminile a livello sociale e politico.

Smarteez #2, da Joburg Style Battles, 2012 © Daniele Tamagni / Courtesy Giordano Tamagni
Smarteez #2, da Joburg Style Battles, 2012 © Daniele Tamagni / Courtesy Giordano Tamagni

Le crew di Johannesburg e la settimana della moda di Dakar

In mostra anche la fotografia di strada con le giovani crew urbane di Johannesburg nate in un contesto politico fortemente repressivo, laddove la moda, ancora una volta, offre una forma di riposizionamento identitario, di appartenenza in una società re-immaginata e libera.

Con le fotografie di Joburg Style Battles del 2012 Tamagni avvia delle conversazioni fotografiche, degli esercizi d’arte collaborativa, in cui rappresenta una scena variegata e vitale tra stile e performance, popolata da dance crews come i Vintage, e sottoculture come gli Smarteez. Il fotografo è riuscito a documentare questo mosaico di storie, stili e persone in cui la moda è strumento per esprimere e rappresentare una libertà duramente conquistata.

Esposta a Milano anche una sezione dedicata alla settimana della moda di Dakar, in cui Tamagni catturò l’intimità e la spontaneità nei backstage delle sfilate e nei laboratori in Senegal. Nel 2012 erano ancora pochi i fotografi internazionali presenti per documentare quello che oggi è l’evento di punta della moda africana.

Esposti i lavori dei vincitori del Daniele Tamagni Grant

Completa l’esposizione una sezione in cui sono esposti i lavori dei primi tre vincitori del Daniele Tamagni Grant. Il premio è stato istituto dalla fondazione che, oltre a valorizzare l’eredità artistica di Daniele, si propone di testimoniare il suo legame con l’Africa, sostenendo la formazione di fotografi emergenti, in partnership con il Market Photo Workshop di Johannesburg (Sud Africa).

Fondata da David Goldblatt nel 1989, prima della fine dell’apartheid, la scuola rappresenta la principale istituzione formativa africana nel campo della fotografia.

Style Is Life, Daniele Tamagni
DovePalazzo Morando Costume Moda Immagine, via Sant’Andrea, 6, Milano
Quandofino al 1° aprile 2024
OrariDa martedì a domenica dalle 11 alle 19
Ingressolibero
Infowww.costumemodaimmagine.mi.it

Frank Gozzi
Frank Gozzihttps://www.themammothreflex.com
Frank Gozzi, Reggio Emilia. Mail: f.gozzi@themammothreflex.com

Fotografia Europea 2024

spot_img

Ultimi articoli

Cosa vedere alla Biennale della Fotografia Femminile di Mantova?

Giunta alla terza edizione, la Biennale della Fotografia Femminile di Mantova per il 2024 si trasformerà per un mese...

Eve Arnold, 170 fotografie da vedere a Forlì

Le sale del Museo Civico San Domenico di Forlì si aprono a una leggenda della fotografia del XX secolo:...

700 immagini per scoprire il mondo: a Lodi torna il Festival Fotografia Etica 2023

Tutto pronto a Lodi, per il Festival della Fotografia Etica edizione 2023. Come da tradizione, l'evento si svolgerà nella città lombarda...

You might also like
- potrebbero interessarti -