fbpx
ProjectAdriatic Coast To Coast

Adriatic Coast To Coast

-

spot_img

Adriatic Coast to Coast è un progetto di lettura dei territori litoranei che si affacciano sul mare Adriatico. Il workshop commissionato a Max Pam, così come il precedente condotto da Guido Guidi e proseguito da Gerry Johansson s’inserisce nel contesto più ampio di un progetto europeo che coinvolge realtà territoriali straniere (Slovenia, Croazia, Bosnia-Herzegovina, Albania, Grecia) e alcune regioni italiane che si affacciano sull’Adriatico (Veneto, Emilia-Romagna, Marche, Puglia). Nello spirito di un naturale confronto tra luoghi il progetto mira a coinvolgere tutte le regioni italiane che delineano il profilo dell’Adriatico e a realizzare un archivio di immagini utile alla diffusione delle ricerche su ampia scala.

 

luckenwalde-2011

Obiettivo del progetto è favorire la conoscenza e il confronto tra realtà della costa orientale e occidentale, due sistemi lineari lambiti dal mare Adriatico che manifestano, lungo il loro sviluppo, paesaggi contrastanti e identità plurali. Se analizzata unitamente al sistema politico in atto, ai parametri economici, al carattere degli insediamenti umani assunti nell’insieme delle loro specificità locali e alle radici culturali, la conformazione fisica del territorio di ogni singolo stato o regione ci spinge a indagare alcune categorie terminologiche, utili alla descrizione del paesaggio contemporaneo.

 

adriatic coast to coast
adriatic coast to coast

 

Dal dopoguerra il governo e le amministrazioni italiane hanno incoraggiato la costruzione di un “paesaggio turistico” costiero con la conseguente realizzazione di località destinate alla vacanza e al tempo libero; un processo d’inarrestabile edificazione ha fatto seguito a queste scelte provocando un’evidente “cementificazione” del sistema litoraneo. Riflettere sulla qualità di tali paesaggi e sul destino di alcune aree soggette a possibili trasformazioni sembra, oggi più che mai, un’operazione necessaria. Gli elementi positivi e negativi connessi ai processi di sviluppo possono ancora rappresentare un termine di confronto per nuove aree, sia italiane sia straniere, attualmente incontaminate ma soggette a previsioni di trasformazione nell’immediato futuro.

 

actc42

 

D’altra parte l’edificazione intensiva che ha contraddistinto l’esperienza italiana sembra oggi essere messa in discussione da molte cittadine turistiche costiere che, favorevoli ad un ripensamento della città balneare o ad una sua riqualificazione, si dimostrano pronte a riconsiderare gli squilibri strutturali a cui sono state sottoposte vaste aree del territorio costiero, vincolate unicamente al ritmo della stagionalità.

 

199517803_54_3627

 

Da queste criticità nasce l’esigenza di una mappatura, allo stato attuale, dei luoghi. L’indagine fotografica si configura allora come strumento per la documentazione dei territori che, nei differenti contesti geografici e culturali, necessitano di una immediata riqualificazione o di un’attenta e sensibile salvaguardia. Un mezzo attraverso il quale produrre immagini utili per comunicare il nostro presente così come per tracciare la nostra memoria collettiva.

 

The Mammoth's Reflexhttps://www.themammothreflex.com
Tutte le news sulla fotografia condivise dalla redazione. Contact: redazione@themammothreflex.com
spot_img

MARIO DE BIASI - TRE OCI VENEZIA

spot_img