fbpx
ProjectLibano: dopo un anno dall’esplosione del porto di Beirut

Libano: dopo un anno dall’esplosione del porto di Beirut

La pandemia e l’esplosione hanno aggravato la situazione del Paese, che ospita sul suo territorio 1,5 milioni di rifugiati siriani. A un anno dall’esplosione il video-racconto di Francesca Volpi per WeWorld racconta una popolazione stremata da una situazione critica che si protrae da anni.

-

spot_img

Il 4 agosto 2020 l’esplosione del porto di Beirut, in Libano, causò 207 morti, 6.500 feriti e 300mila sfollati.

A un anno di distanza, WeWorld vuole riportare l’attenzione sul Paese del Medio Oriente. E lo fa con un fotoreportage della fotografa internazionale Francesca Volpi.

Del resto, l’organizzazione (che da 50 anni difende i diritti di donne, bambini e bambine) è qui presente con progetti di sostegno alla popolazione e ai rifugiati. E non vuole stare a guardare.

beirut anniversario 4 agosto volpi
Francesca Volpi for Bloomberg

Francesca Volpi: il reportage dopo un anno

La fotografa Francesca Volpi ha ritratto per WeWorld le condizioni della popolazione libanese stremata a un anno dall’accaduto.

L’esplosione del porto di Beirut, infatti, ha solo messo in luce ancora di più la situazione critica delle persone. Persone che subiscono gli effetti di una crisi economica e sociale devastante.

Un fattore in costante peggioramento da anni e che si è amplificata a causa della pandemia e dell’esplosione a Beirut.

Dopo un anno, il Libano affronta uno dei momenti più difficili della sua storia” commenta Vincenzo Paladino, ECHO Program Manager di WeWorld. “Questa tragedia si è sommata agli effetti della crisi siriana del 2011 per cui il Paese conta sul suo territorio circa 1,5 milioni di rifugiati contro una popolazione stimata di 4,2 milioni di libanesi, e alla crisi socio-economica aggravatasi con la pandemia”.

La situazione è peggiorata a causa della svalutazione della moneta locale rispetto al dollaro. “Il settore bancario libanese è sull’orlo del collasso; il tasso di disoccupazione è aumentato del 50% nei settori commerciali, e il tasso di povertà ha ormai superato il 50%. Sia i rifugiati siriani che la popolazione libanese sono a rischio sicurezza alimentare e hanno urgente bisogno di vedere garantiti la propria sicurezza alimentare, l’accesso ai servizi e la copertura delle spese di base”.

Dopo il 4 agosto 2020 WeWorld si è attivata anche per sostenere le famiglie colpite dall’esplosione a Beirut.

Come? Rendendo disponibili 174 appartamenti di famiglie vulnerabili, mettendo a posto una libreria e un parco pubblico danneggiati dall’esplosione. E fornendo assistenza economica a 319 famiglie.

Se non arriveranno aiuti esterni, sottolinea WeWorld, lo Stato libanese presto non sarà in grado di rispondere ai bisogni primari della popolazione e a fornire servizi essenziali come acqua ed energia.

Ora più che mai serve intervenire in modo ampio, non solo sulle conseguenze dell’esplosione ma su tutte le criticità che da anni rendono difficile la vita delle comunità in Libano. Criticità che l’esplosione ha reso più aspre ed evidenti, insieme agli effetti della pandemia che stanno devastando il Paese” conclude Stefania Piccinelli, responsabile dei programmi internazionali di WeWorld.

beirut anniversario 4 agosto volpi
Francesca Volpi for Bloomberg

Cosa fa WeWorld in Libano

In Libano l’organizzazione italiana porta assistenza di base nelle emergenze. Tra questo sostegno alla comunità attraverso il miglioramento della gestione dell’acqua a livello nazionale e il ripristino delle infrastrutture pubbliche. Per quanto riguarda i gruppi vulnerabili, WeWorld opera in supporto dei rifugiati siriani, della comunità ospitante. Ma anche dei giovani, delle donne, delle istituzioni e delle ONG locali, attraverso azioni di capacity building.

Infine, per migliorare l’accesso a servizi educativi di qualità, uno dei progetti mira a potenziare le attività scolastiche e ad aumentare il tasso di iscrizione attraverso il miglioramento delle capacità di accoglienza e di integrazione delle scuole, promuovendo l’inclusione scolastica dei bambini con esigenze particolari.

Sul fronte dell’approvvigionamento idrico (programma WASH), i progetti di WeWorld nella Valle della Bekaa e ad Akkar promuovono la gestione efficiente delle risorse idriche e una diminuzione dei costi di mantenimento del settore, per garantire il miglioramento del servizio e la sostenibilità dell’approvvigionamento idrico.

Per quanto riguarda la lunga crisi umanitaria, che ha aumentato la vulnerabilità delle persone con disabilità e dei loro familiari (sia libanesi che siriani) WeWorld realizza programmi di protezione e prevenzione pensati specificatamente per le esigenze dei disabili.

beirut anniversario 4 agosto volpi
Francesca Volpi for Bloomberg

La crisi siriana

Per sostenere le categorie più vulnerabili, WeWorld agisce per attenuare le conseguenze negative, sociali ed economiche, della crisi siriana, favorendo l‘accesso al reddito e all’occupazione.

Questo, in particolare, per le donne, i giovani e le persone con disabilità. Come? Attraverso il rafforzamento delle loro capacità tecniche, l’accesso alle opportunità di lavoro disponibili sul mercato locale e il sostegno dell’autoimprenditorialità. Contribuisce a creare occasioni di impiego sia per i libanesi che per i rifugiati siriani, rafforzando una convivenza pacifica.

Raccolta fondi

Dopo l’esplosione WeWorld si è subito attivata per supportare i più vulnerabili distribuendo kit per l’acqua pulita e per l’igiene personale. Materiali fondamentali insieme ai kit di prevenzione da Covid-19 e di primo soccorso.

The Mammoth's Reflexhttps://www.themammothreflex.com
Tutte le news sulla fotografia condivise dalla redazione. Contact: redazione@themammothreflex.com

CASTELNUOVO FOTOGRAFIA 2021

spot_img

FESTIVAL RIAPERTURE 2021

spot_img