fbpx

So rock… l’evoluzione dello star system per Mick Rock

-

REGGIO EMILIA. Da David Bowie a Lou Reed da Iggy Pop a Syd Barrett, dai Roxy Music ai Queen: Mick Rock non è soltanto il fotografo che ha contribuito in modo determinante alla costruzione dell’immagine di questi e di tanti altri artisti, ma è una figura di riferimento centrale di quarant’anni di storia musicale. La sua vita e la sua esperienza professionale sono lo specchio dell’evoluzione dello Star System dagli anni ’70 ai giorni nostri.

 

Lo Spazio Gerra (Reggio Emilia) dal 3 maggio presenterà una esposizione esclusiva di 50 scatti memorabili: immagini che hanno dato vita a copertine di album fondamentali, scatti rubati dietro le quinte, fotografie cruciali che segnano in modo indelebile l’estetica del rock e del pop.

 

 

iggy

 

 

MICK ROCK 
di Carlo Massarini, uno stralcio del testo inedito di Carlo Massarini su Mick Rock per il catalogo di Fotografia Europea

 

Nomen omen. Mick Rock. Se ti chiami così, buona parte del lavoro è già fatta. Con quel nome, puoi essere solo una rock star, o un fotografo rock. O, come nel suo caso, una singolare commistione di entrambe le attività esistenziali: cioè un fotografo-star del mondo del rock, un ‘collaterale’ che assurge allo status delle persone che ritrae per la sua capacità di esserci, totalmente embedded,  e di raccontare il dietro-e-davanti alle quinte di un mondo che nel giro di pochi anni è diventato leggenda, arte contemporanea, cultura popolare.

Di definizioni, Rock ne ha avute tante. Le definizioni certificano sempre qualcosa, e qualcosa al contempo levano. La più celebre, “L’uomo che ha fotografato gli anni 70”, gli ha tributato un alone imperituro di mito, ma inevitabilmente mette un po’ in ombra tutto il lavoro che Rock ha svolto negli ultimi 30 anni. Come a dire: ma dopo, hai fatto qualcos’altro? Ovviamente sì, un fotografo lo è per la vita. Ma quel periodo, che è poi al centro della sua Mostra al Festival Internazionale di Fotografia di Reggio Emilia del 2013, è stato un periodo così colorato, eccessivo, trasgressivo -per la musica e per l’immagine- che è rimasto negli occhi e nella memoria di tutti, grazie anche alle foto di Mick Rock.

 

 

rock-01

 

 

Mick Rock

Spazio Gerra (Piazza XXV Aprile, Reggio Emilia)

Orari Venerdì 3 maggio aperto dalle 18.30 alle 24.00; sabato 4 e domenica 5 maggio dalle 10.00 alle 24.00; dal 6 maggio al 16 giugno aperto da martedì a venerdì dalle 9.00 alle 13.00, giovedì e venerdì dalle 19.00 alle 23.00; sabato e domenica dalle 10.00 alle 23.00; chiuso il lunedì

Info www.spaziogerra.it

 

 

The Mammoth's Reflex
The Mammoth's Reflexhttps://www.themammothreflex.com
Tutte le news sulla fotografia condivise dalla redazione. Contact: redazione@themammothreflex.com

Ultimi articoli

Le foto di Luigi Ghirri in mostra a Parma ci immergono nel labirinto della (sua) visione

S'intitola Labirinti della visione la nuova esposizione dedicata a Luigi Ghirri in mostra a Parma, a Palazzo del Governatore....

Italia In Attesa: 12 racconti fotografici di un Paese sospeso

Italia In Attesa, 12 racconti fotografici è il titolo della mostra che, fino all’8 gennaio, sarà ospitata a Palazzo...

Festival della Fotografia Etica 2022 a Lodi: oltre 20 mostre da vedere

Dal 24 settembre al 23 ottobre, il Festival della Fotografia Etica 2022 torna a Lodi per raccontare il nostro...

You might also like
- potrebbero interessarti -