Mustafa Sabbagh per Piermau. La presentazione a Milano

1796
Mustafa Sabbagh per Piermau. La presentazione a Milano

MILANO. Domenica 17 gennaio, dalle 17 alle 20, in via Pietro Colletta 22 Pierfrancesco Gigliotti e Maurizio Modica festeggeranno il lancio della loro nuova linea Piermau con l’artista italo-palestinese Mustafa Sabbagh che ha realizzato 7 video per la collezione zero del brand.

 

0 = punto di partenza | è necessaria una tabula rasa di ciò che è stato, per poter di nuovo essere. Il valore di uno Zero è nell’infinito di un innesco mentale.

0 = forma espressiva | come Bruce Mau e i suoi spazi bianchi, come Laurence Sterne e le sue pagine nere, come John Cage e il suo immaginifico silenzio, uno è uno, centomila è centomila, ma nessuno è tutto ciò che ognuno è libero di immaginare.

0 = grado di fusione | l’acqua, elemento plastico per antonomasia, ha bisogno di uno 0° per divenire da immobile a metamorfica.

 

Al grado Zero, il chimico è Mustafa Sabbagh, la fusione è PIERMAU: Pierfrancesco Gigliotti e Maurizio Modica ripartono da Zero, e scelgono Sabbagh – alchimista dell’arte contemporanea, che ha trasformato lo #000 nello spettro cromatico più ricco di valore – per avvalorare, attraverso l’arte, una nuova partenza.

 

sabbagh_piermau_001

 

 

Una collezione pulita, asciutta, lineare, completa e di sostanza che, come l’arte concettuale, esprime in pochi tratti contenuti profondi parlando alla sensibilità di chi la fruisce. Arte contemporanea che è protagonista, durante la presentazione, attraverso una vera e propria mostra in cui l’artista formalizza il sodalizio con PIERMAU attraverso una videoinstallazione multimediale, che trasformerà lo spazio accendendone l’oscurità con immagini e suoni studiati per trasportare lo spettatore nel bel mezzo di una sinfonia distorta, con accenti che spaziano dalla classicità al fiammingo, dal ritratto barocco-fetish dei designers al non-colore tipico di Sabbagh, per chiudersi con i video in streaming di performers che indosseranno i capi iconici della collezione Zero.

 

La fotografia è verità; il cinema è verità 24 fotogrammi al secondo.

Jean-Luc Godard

 

Dallo 0 fps del frame statico (fotografia) al +24 fps di quello dinamico (video), Mustafa Sabbagh concepisce e dirige una serie di video inediti – ritratti in movimento + loop di nere onde cicliche + mapping come morphing, dalla materia all’etere – pensati appositamente per una partenza Zero, e per una fusione Zero. Storie in movimento, come in gemmazione, generate dal ritratto video dei due designers: rarefatti/sospesi, separati/sublimati. Pronti alla Partenza, all’Espressione, alla Fusione. Attraverso l’arte, pronti allo Zero.