Home Appuntamenti Memories. Come cambia la funzione sociale della fotografia

Memories. Come cambia la funzione sociale della fotografia

Memories è un progetto fotografico che si interroga come cambia la funzione sociale della fotografia. La presentazione a Firenze.

Nathalie Depose

FIRENZE. Sabato 28 maggio alle 18,30 a Le Murate / Caffè Letterario Firenze (Piazza delle Murate) si terrà la presentazione del progetto “Memories / No Memories – Fotografia fra flusso e ricordo” un work in progress che si interroga sul cambiamento di funzione sociale della fotografia introdotto dalla rivoluzione digitale e in particolare sul suo rapporto con la nostra memoria. Saranno presenti i curatori Sandro Bini e Giulia Sgherri e alcuni dei fotografi partecipanti al progetto. Nel corso dell’incontro saranno introdotti e proiettati i lavori e sarà promossa una iniziativa di autofinanziamento di una mostra fotografica.

 

 

 


“Memories / No Memories”

Il cambiamento di funzione sociale della fotografia introdotto dalla rivoluzione digitale con l’avvento degli smartphone  dotati di fotocamera e l’esplosione dei social, rischia di far perdere alla fotografia la tradizionale funzione di “specchio della memoria” e conservazione del ricordo. La fotografia oggi negli usi sociali, familiari e quotidiani, si va velocemente trasformando da memoria/monumento a comunicazione/intrattenimento. L’assenza nel digitale di una matrice fisica delle immagini sembra favorire questa volatilità visuale e  velocità di funzione e di utilizzo che diventa strumento di relazione in tempo reale. La testimonianza “in diretta” favorisce da un lato la democratizzazione dei soggetti e delle situazioni fotografiche dall’altro l’accumulo e la dispersione: una pratica compulsiva che rischia di debordare e farci addirittura perdere, secondo recenti studi scientifici, la capacità stessa di ricordare, nonché creare forme di vera e propria dipendenza da condivisione immediata. Questo progetto vuole indagare, attraverso la pubblicazione di lavori fotografici in tema, da un lato le passate o le attuali capacità di memoria del fotografico: il suo farsi oggetto, feticcio, reliquia, testimonianza, strumento di sollecitazione della narrazione e del ricordo e di conservazione dell’esperienza. Dall’altro la sua sempre più forte e invadente  capacità di divenire “schermo” visivo: antimemoria, oblio, flusso indistinto (onnipresente e atemporale), potenzialmente in grado di accecarci. Sandro Bini

 

Gli autori. Andrea Buzzichelli – Nino Cannizzaro – Maria Cardamone – Enrico Doria- Alex Liverani – Francesca Loprieno – Giulia Madiai – Luca Moretti – Simone Padelli – Luca Prestia- Arianna Sanesi – Eva Tomei – Zoe Be – Daniele Brescia – Sofia Bucci – Nathalie Depose – Giulia Francini – Adina Ionescu Muscel – Gabriella Martino – Sara Menegatti – Novella Oliana – Sara Palmieri – Duccio Ricciardelli – Michele Spagnolo – Mattia Toselli – Clara Turchi Rose

Info: memoriesnomemories.tumblr.com

Exit mobile version