Un racconto sugli episodi che hanno contrassegnato la storia italiana e non negli scatti conservati nell’Archivio Publifoto, una delle agenzie fotogiornalistiche più importanti del Paese.

E’ questa ‘Nel mirino – L’Italia e il mondo nell’Archivio Publifoto 1939-1981‘ la nuova mostra proposta da Camera, centro italiano per la fotografia di Torino.

nel mirino mostra torino fotogiornalismo
“Passanti leggono il titolo della seconda edizione del quotidiano Milano-Sera affisso a un muro: “Il popolo ha scelto. È già Repubblica”, 5 giugno 1946” – Archivio Publifoto Intesa Sanpaolo

L’italia e il mondo nelle fotografie dell’agenzia

Il patrimonio dell’Agenzia è stato acquisito nel 2015 da Intesa Sanpaolo che, attraverso il proprio Archivio storico, lo conserva, restaura, studia e valorizza.

Curata da Aldo Grasso e Walter Guadagnini, l’esposizione presenta alcuni degli episodi cruciali della storia e della cronaca italiane e mondiali in un periodo che va dal 1939 al 1981, anno della scomparsa del fondatore.

Quasi mezzo secolo di eventi raccontati attraverso circa duecento immagini realizzate dai fotografi di quella che è stata per un lungo periodo l’agenzia fotogiornalistica più importante del paese.

nel mirino mostra torino fotogiornalismo
“Milan-Napoli: particolare azione di Hasse Jeppson, Franco Pedroni, Celso Posio, Francesco Zagatti e Arturo Silvestri, 2 marzo 1953” – Archivio Publifoto Intesa Sanpaolo

Gli anni d’oro del fotogiornalismo nei suoi personaggi e nelle storie

Per evidenziare il legame inscindibile tra le immagini e la stampa del tempo, la mostra è costruita sul modello di una rivista illustrata, attraverso le sezioni dedicate alla politica, alla cronaca, all’estero, al costume, alla società, alla cultura e allo sport.

All’interno di queste sezioni, il focus cade su fatti e personaggi che hanno dato un’impronta decisiva a questi anni, e alle storie che, anche grazie all’abilità dei fotografi, sono divenute parte integrante dell’immaginario collettivo del XX secolo.

nel mirino mostra torino fotogiornalismo
“Il razzo Saturn V che ha permesso ai tre astronauti di atterare sulla luna con la missione Apollo 11, in una fotografia del 1968”, NASA – Le fotografie prodotte direttamente dalla NASA sono di dominio pubblico e pertanto utilizzabili con la semplice attribuzione dell’ente produttore.

La mostra sarà un autentico viaggio nella storia e nella cronaca, attraverso gli scatti – talvolta vintage, talvolta ristampati a partire dai negativi presenti nell’Archivio Publifoto – di autori come lo stesso Carrese, Fedele Toscani, Tino Petrelli, Peppino Giovi, Carlo Ancillotti e di altri collaboratori dell’agenzia, a volte rimasti anonimi.

nel mirino mostra torino fotogiornalismo
“Cantiere dell’Autostrada del Sole per la costruzione del ponte sul fiume Po in località Mortizza (Piacenza), giugno 1957” – Archivio Publifoto Intesa Sanpaolo

Il dietro le quinte

Alla vita dell’agenzia, al lavoro quotidiano dietro le quinte è dedicata la prima sala della mostra. Questo per immergere subito lo spettatore nel cuore della pratica fotogiornalistica ed evidenziare i molteplici ambiti nei quali l’agenzia operava, come ad esempio quello pubblicitario.

In questa sezione saranno anche esposti alcuni oggetti originali dell’Archivio: cassettiere, buste contenenti le fotografie divise per argomento o per nome, raccolte di riviste.

Tutti oggetti che permettono di comprendere l’organizzazione del lavoro in un’epoca ancora dominata dalla carta, nella quale ancora non esisteva il digitale che oggi permea di sé anche questo lavoro.

nel mirino mostra torino fotogiornalismo
“Il pubblico in delirio al concerto dei Beatles al Vigorelli di Milano, 24 giugno 1965” – Archivio Publifoto Intesa Sanpaolo

Rapporto tra fotografia e carta stampata


La mostra e il suo allestimento sono anche un’occasione per analizzare il rapporto tra fotografia e carta stampata e leggere correttamente la natura stessa di queste fotografie, che nascevano e vivevano con scopi ben precisi.

Che dettavano non solo regole tecniche, ma anche un’estetica, che ha influito in maniera decisiva sulla percezione popolare del linguaggio fotografico. Una visione dunque a 360 gradi di un fenomeno che ha inciso sull’idea stessa di comunicazione e di giornalismo nell’Italia del secondo dopoguerra.


Nel mirino
DoveCamera, via delle Rosine 18, Torino
Quandodal 13 aprile al 7 luglio 2019
Oraridal lunedì alla domenica dalle 11 alle 19. Chiuso il mercoledì. Giovedì dalle 11 alle 21.
Ingressointero 10 euro; ridotto 6 euro
Infowww.camera.to

Comments

comments