fbpx

Frida Kahlo: una vita per immagini e la mostra a Riccione

-

Frida Kahlo. Una vita per immagini è il titolo della mostra ospitata a Riccione, a Villa Mussolini. Un’esposizione che ripercorre la vita della grande artista messicana attraverso immagini, a partire della sua infanzia e giovinezza, negli scatti di suo padre, Guillermo Kahlo, che era fotografo di professione, per poi passare, nel tempo, dallo sguardo di altri grandi fotografi e fotografie della sua epoca.

GUILLERMO KAHLO Ritratto di Frida Kahlo dopo la morte della madre Messico, 16/10/1932 Stampa alla gelatina d’argento, vintage
GUILLERMO KAHLO Ritratto di Frida Kahlo dopo la morte della madre Messico, 16/10/1932 Stampa alla gelatina d’argento, vintage

Frida Kahlo: un’icona simbolo del coraggio

La mostra di Frida Kahlo a Riccione restituisce il ritratto di una grande artista e di una donna anticonformista e libera. Frida è una figura centrale dell’arte messicana, la pittrice latino-americana più celebre del XX secolo. La sua è una storia diventata di tutti e grazie alle immagini fotografiche ci consegna il racconto della sua, seppur breve, vita. Icona e simbolo del coraggio Frida è sicuramente una figura di straordinaria attualità.

La mostra vuole rendere omaggio a un’artista molto amata in tutto il mondo. La Kahlo rappresenta uno di quei casi in cui arte e biografia si intersecano inscindibilmente, rendendo unico un personaggio. Dire che Frida sia stata un simbolo del suo tempo, la prima metà del Novecento, e del suo paese, il Messico, in un periodo di ferventi lotte sociali, è certo ma anche riduttivo, in quanto è ormai una figura emblematica della contemporaneità che riassume nella sua arte la manifestazione di una straordinaria volontà femminile. È questa natura iconica, posta al di fuori da ogni coordinata spazio-temporale, che ha portato a una vera e propria “fridamania”.

La mostra di Frida Kahlo a Riccione: tra fotografie, ricordi e mito

La mostra ripercorre la vicenda biografica di Frida grazie alla straordinaria opportunità di compiere il viaggio con l’obiettivo di grandi fotografi, con alcuni dei quali Frida ha avuto anche una relazione sentimentale.

Il rapporto con la fotografia è comunque centrale per Frida, nato già nell’infanzia, a fianco del padre, un affermato fotografo professionista. Frida Kahlo è ormai una sorta di leggenda che ha travalicato la storia dell’arte per entrare nel mito. Un mito che si alimenta di un’aura misteriosa e terrifica nelle sue vicende umana, che sono, in fondo, la parte più importante di un percorso che attraversa è vero anche l’arte, ma che non ne costituisce l’aspetto principale.

Quello che interessa maggiormente sono le sue esperienze di vita, i suoi amori, le sue passioni, la sua fierezza di donna indomita, che combatte in egual misura le sue malattie, le sue infermità i suoi amori. Una donna che lotta per affermare la sua identità e la sua autonomia, sia umana che intellettuale. E se lei nei dipinti racconta le fasi più crude della sua vicenda terrena, è però nelle numerose fotografie che il suo volto ci parla, ci attrae, raccontandoci dei suoi umori, delle sue passioni , della sua eleganza e della sua visione della vita. Con questa mostra, gli aspetti più crudi delle sue sofferenze ci sono in qualche modo risparmiati a favore di immagini che la ritraggono come lei probabilmente voleva essere: una donna elegante, emancipata, circondata da affetti e da persone gioiose.

La straordinaria vita di Frida è qui riproposta e immortalata nelle fotografie che la vedono ritratta da alcuni dei più grandi fotografi del suo tempo, molti dei quali sono poi diventati dei miti come afferma anche Vincenzo Sanfo, curatore della mostra.

100 fotografie per scoprire Frida Kahlo

Attraverso un centinaio di scatti, per la maggior parte originali, la mostra ricostruisce le vicende della vita controcorrente della grande artista messicana, alla ricerca delle motivazioni che l’hanno trasformata in un’icona femminile e pop a livello internazionale.

In effetti le foto sono state realizzate dal padre Guillermo durante l’infanzia e la giovinezza della figlia e poi da alcuni dei più grandi fotografi della sua epoca: Leo Matiz, Imogen Cunninghan, Edward Weston, Lucienne Bloch, Bernard Silbertein, Manuel e Lola Alvarez Bravo, Nickolas Muray e altri ancora. In questo straordinario “album fotografico” si rincorrono le vicende spesso dolorose ma sempre appassionate di una vita, oltre agli amori, alle amicizie e alle avventure di Frida. In mostra è esposto anche un gruppo di piccole fotografie molto intime di Frida, scattate dal gallerista Julien Levy.

Il Messico e l’attività artistica

Il percorso di mostra ricostruisce innanzitutto il contesto in cui si è affermata la sua personalità: è il Messico del primo Novecento, attraversato da una rivoluzione che ne ha cambiato la storia, grazie a umili campesinos ed eroici protagonisti come Pancho Villa e Emiliano Zapata. L’epopea e il mito della rivoluzione messicana resteranno impresse nella mente di Frida e ne forgeranno il carattere indomito, alimentando il suo senso di ribellione verso le convenzioni borghesi e le imposizioni di una società fortemente maschilista. In questo contesto si innestano le vicende della famiglia Kahlo.

Guillermo, il padre, è un fotografo di professione di origine tedesca, giunto in Messico nel 1891 e ben presto innamoratosi del paese che lo ha accolto. La sua attività è testimoniata da alcune fotografie realizzate su incarico del governo austriaco, per documentare le chiese del Messico, erette nel periodo coloniale. Di sangue misto, tedesco e messicano, Frida cresce nel mito di un Messico rivoluzionario, introiettando tutti i caratteri di una personalità libera e indomita, che trova nella pittura un linguaggio appassionato, viscerale, dai forti contenuti impietosamente autobiografici, con cui si racconta senza ipocrisie. Tutta la sua opera è una forma di autoanalisi, alla ricerca di una propria identità e di una ragione di vita. Nei suoi numerosi autoritratti non teme di mettere a nudo le proprie debolezze e le proprie inquietudini. Accanto a Frida è spesso ritratto Diego Rivera, il pittore e muralista con cui ha condiviso un rapporto intenso e turbolento, che ha attraversato gran parte della sua vita. Ma vi appaiono anche altri personaggi come Leon Trotsky e André Breton.

Oltre alle fotografie

In mostra sono esposti anche alcuni documenti come il catalogo originale della mostra di Frida, organizzata da André Breton a Parigi. Presente anche il primo “manifesto della pittura rivoluzionaria” firmato da Breton e Rivera, alcune litografie di Rufino Tamayo e una documentazione fotografica della sua famosa Casa Azul. Si può anche vedere un video che raccoglie le poche immagini filmate della grande artista messicana. Inoltre, tutto il percorso espositivo è accompagnato da un’audioguida a disposizione di tutti i visitatori, inclusa nel biglietto.

Frida Kahlo. Una vita per immagini
DoveVilla Mussolini, viale Milano 31, Riccione
Quando26 novembre 2022 – 1 maggio 2023
OrariDal martedì al venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18. Sabato, domenica e festivi dalle 10 alle 19. Lunedì chiuso
Ingresso12 intero; 10 euro ridotto. Previste altre riduzioni
Infowww.civita.art
The Mammoth's Reflex
The Mammoth's Reflexhttps://www.themammothreflex.com
Tutte le news sulla fotografia condivise dalla redazione. Contact: redazione@themammothreflex.com

Ultimi articoli

Le foto di Luigi Ghirri in mostra a Parma ci immergono nel labirinto della (sua) visione

S'intitola Labirinti della visione la nuova esposizione dedicata a Luigi Ghirri in mostra a Parma, a Palazzo del Governatore....

Italia In Attesa: 12 racconti fotografici di un Paese sospeso

Italia In Attesa, 12 racconti fotografici è il titolo della mostra che, fino all’8 gennaio, sarà ospitata a Palazzo...

Festival della Fotografia Etica 2022 a Lodi: oltre 20 mostre da vedere

Dal 24 settembre al 23 ottobre, il Festival della Fotografia Etica 2022 torna a Lodi per raccontare il nostro...

You might also like
- potrebbero interessarti -