Avete un solo week end per vedervi tutte le mostre di Fotografia Europea? Siete in cerca di consigli per capire quali vale la pena vedere? Allora partiamo, in questo viaggio nella fotografia, alla scoperta delle principali mostre del circuito ufficiale della manifestazione reggiana. Il festival, per chi non lo sapesse, si svolge a Reggio Emilia che è anche la città che ospita la nostra testata web. E ogni tappa è un’occasione anche per scoprirla e viverla. 

Per comodità abbiamo diviso le tappe mettendole in ordine di vicinanza. Ma ovviamente voi, sbirciando le nostre gallery fotografiche, saprete subito cosa fa per voi e andare dritti alla meta, verso il vostro artista preferito o le foto che vi piacciono o incuriosiscono di più. 

 

fotografia europea 2018
fotografia europea sinagoga © francesco gozzi

 

1° PERCORSO 

 

1. VIA SAN ROCCO. Entrando nella vecchia sede della banca San Geminiano – che ne conserva ancora la struttura con tanto di bussole all’ingresso – si entra nel mondo di Clément Cogitore

Questa è una mostra davvero particolare perché se ci aspettiamo di trovare foto appese al muro rimarremo davvero delusi. Invece qui si sperimenta, si racconta una storia, di due famiglie che vivono ai margini della realtà e che entreranno in conflitto tra loro. E lo si fa con un allestimento particolarissimo fatto di pannelli luminosi (che sembrano grandi cubi sottili) disposti lungo tutta la stanza in cui da un lato vengono proiettati filmati, frutto della ricerca foto-video di Cogitore, mentre dall’altro lato (grazie alla luce emessa dai filmati) emergono fotografie tratte dallo stesso progetto. 

Una sperimentazione di certo affascinante e che vale la pena vedere. 

 

 

2. SINAGOGA. Nello spazio di via dell’Aquila, si fanno largo le fotografie di Luca Campigotto. Una struttura bellissima, storica, nel cuore della città con sede di quello che una volta era il quartiere del ghetto ebraico e che ben si presta a ospitare le fotografie di grandi dimensioni del fotografo veneziano. 

Campigotto è uno dei grandi fotografi di paesaggio contemporaneo e a Reggio ci conduce dalla Cina del passato, con magnifiche vedute di paesaggi tradizionali, all’irriconoscibile Cina del presente. “Pechino, Shanghai e Hong Kong ci appaiono luoghi mai visti prima: non tanto per le nuove, straordinarie costruzioni, quanto per la loro luce sorprendente. Un mix di neon, LED, vapori di sodio, fluorescente e tungsteno, mischiati alla luce solare. Colori travolgenti, quasi extraterrestri: come una pista di atterraggio sul pianeta Krypton di notte”.  

Di certo una delle mostre che più hanno affascinato il pubblico di questa edizione di FE.

 

 

3. GALLERIA PARMEGGIANI. Al primo piano dello storico museo trovano spazio le ‘Memories in Super8’ di Francesca Catellani. Un bel progetto, il suo, dove è la fotografa è andata alla ricerca di materiale documentativo privato, raccolto con un minuzioso lavoro di ricerca tra Italia, le sue isole e l’Europa.

Con queste foto allora entriamo nell’intimità di persone sconosciute (anche tra loro). Scopriamo un’epoca e la sua evoluzione grazie a tanti scatti e filmati privati e sinceri. 

 

 

4. SPAZIO GERRA. In una moderna struttura di vetro trasparente trova casa lo Spazio Gerra. Generalmente, o almeno in tutte le edizioni di Fotografia Europea che io ricordo, qui si trovano alcune delle mostre più cool, intriganti  giovani. Lo spazio, luminosissimo e arieggiato, si presta bene ad ospitare mostre fotografiche che sono spesso accompagnate da un sottofondo musicale o pannelli in cui scorrono veloci le immagini e i video. 

Per questa edizione di FE Spazio Gerra accoglie una mostra sul Fotoromanzo andando a giocare con le foto vintage contenute nei famosi giornali d’epoca. Una mostra che si estende su tutti i piani della struttura.

Divertente la possibilità di creare il proprio fotoromanzo (al piano terra troverete un’apposito banco con fotoromanzi in cui aggiungere i testi) e di farsi un selfie davanti allo specchio del parrucchiere mentre si sfogliano vecchi fotoromanzi).

p.s. qui possono entrare anche i nostri amici a quattro zampe 😉