REPORT Le immagini italiane di Francesca Woodman

Le immagini italiane di Francesca Woodman

-

Francesca Woodman: Italian Works è stato il titolo della mostra dell’omonima artista che è stata ospitata fino al 15 dicembre scorso nella galleria Victoria Miro di Venezia.

Francesca Woodman Italian Works  mostra Victoria Miro venezia
Francesca Woodman: Italian Works alla Victoria Miro venezia © Terry Peterle

Il suo rapporto con l’Italia

Francesca Woodman, nonostante la sua brevissima vita, è oggi considerata una delle fotografe più influenti del XX secolo. L’Italia è per lei una seconda casa: americana e figlia artisti, dal 1975 al 1979 studia arte presso la Rhode Island School of Design a Roma dove viene a contatto non solo con l’arte classica e la visione estetica italiana ma anche e soprattutto con i movimenti artistici dell’epoca, l’Arte Concettuale e la Body Art.


La Woodman stringe legami con artisti italiani dell’epoca tra cui Giuseppe Gallo ed Enrico Luzzi, attraverso i quali conosce il Pastificio Cerere, un luogo abbandonato convertito in spazio artistico da questi artisti noti con il nome “Gruppo San Lorenzo”.

L’importanza di questo luogo è tale proprio perché la Woodman realizza alcune delle sue immagini più note della sua breve ma intensa produzione fotografica.

Francesca Woodman Italian Works mostra Victoria Miro venezia
Francesca Woodman: Italian Works alla Victoria Miro venezia © Terry Peterle

La sua cultura visiva è stata anche attratta dallo studio di temi fantastici e grotteschi appresi dalle ore passate nella libreria Maldoror a Roma, di cui fu collaboratrice e dove l’artista vede esposta la sua prima mostra individuale nel nostro Paese.

Francesca Woodman Italian Works mostra Victoria Miro venezia
Francesca Woodman: Italian Works alla Victoria Miro venezia © Terry Peterle

Produzione unica


La produzione fotografica della Woodman unica nel suo stile e che avviene in un arco temporale di quasi dieci anni dal 1972 al 1981 (tra i 13 ed i 22 anni) è, caratterizzata da autoritratti e da immagini che ritraggono il suo corpo e ciò che lo circonda: è una performance fotografica in un ambiguo confine tra la ricerca di una propria personalità e un irreale nuova dimensione.

Le sue immagini sono palpabili, carnali, che si adattano all’ambiente, un corpo che si mimetizza con semplici e pochi oggetti messi in scena. Il suo rappresentarsi è spesso la risposta alle domande che si pone rispetto alla sua interiorità, generando nel contempo immagini poetiche e persuasive: la macchina fotografica diventa il veicolo che consente all’autrice di governare al meglio la sua immaginazione.

Tra i suoi appunti la Woodman afferma: “La cosa che mi interessava di più era la sensazione che la figura, più che nascondersi da se stessa, fosse assorbita dall’atmosfera, fitta e umida”.

Francesca Woodman Italian Works mostra Victoria Miro venezia
Francesca Woodman: Italian Works alla Victoria Miro venezia © Terry Peterle

In mostra a Venezia


In mostra sono esposti i suoi autoritratti Self-deceit (1978), con riferimento alla scultura classica e surrealista, dove il proprio corpo nudo è rappresentato con un unico elemento, un vetro specchiato dai bordi irregolari, Angel Series (1977) e la Eel Series (1978), quest’ultima realizzata durante le frequenti visite a Venezia.

Francesca Woodman mostra venezia
Francesca Woodman, From Eel Series, Venice, Italy, 1978, Stampa in gelatina argento, 20.3 x 25.4 cm | Cortesy of Charles Woodman / Victoria Miro, London/Venice

Focus sull’immagine

In questa ultima immagine, from the Eel Series (1978), in bianco e nero, l’autrice circonda con il suo corpo nudo, una ciotola bianca rotonda con un anguilla dal corpo contorto. La Woodman vuole assomigliare all’anguilla, e questo si può osservare dai molti rimandi presenti nell’immagine, che ora vediamo.


Il braccio sinistro è allungato e incurvato; la posizione del fisico dell’autrice è ambiguo: il seno, l’inguine ed i capelli non sono visibili. Le parti visibili del corpo, i capelli e le spalle spigolose, sono illuminate da una luce soffusa, che riportano alla pelle chiara dell’animale.

Il pavimento alla veneziana, infine, è cornice rafforzativa della posizione assunta dal corpo dell’autrice.

Terry Peterle
Terry Peterle
Nell’ambito della fotografia il suo interesse e i suoi studi si sono rivolti prevalentemente nella cultura e linguaggio fotografico, e con particolare interesse segue lo sviluppo e le diramazioni dello stesso nella fotografia attuale.

NUOVE DATE RIAPERTURE FESTIVAL FERRARA 2020

Ultimi articoli

Letizia Battaglia, storie di strada in mostra ad Ancona

Letizia Battaglia arriva ad Ancona, con la mostra "Storie di strada" alla Mole Vanvitelliana. Si tratta di...

Mario Cattaneo, una mostra a cielo aperto

Cinisello Balsamo diventa scena di una grande mostra a cielo aperto dedicata a Mario Cattaneo.

Ren Hang, immagini che rompono i tabù

Il Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato presenta per la prima volta in Italia un...

Appuntamenti da non perdere

World Photography Day, celebralo con Canon

Il 19 agosto si festeggia il World Photography Day, ovvero la giornata mondiale dedicata alla fotografia.

TOward2030. What are you doing?

Fino al 17 gennaio 2021 il pubblico dei Musei Reali di Torino potrà visitare l’esposizione dedicata al...

Premio Musa, un premio per donne fotografe

Torna il Premio Musa 2020 per donne fotografe. Il premio fotografico, già alla sua seconda edizione, è...

You might also likeRELATED
Recommended to you