Non so se voi conoscete Inge Morath e se siete stati a questa mostra di Treviso, anteprima italiana dedicata al lavoro della reporter tedesca.

Nel caso cercate di non perdere l’occasione di visitare questa esibizione (o comunque calendarizzatela, visto che si ‘trasferirà’ a Genova, come leggerete qui). Perchè vale davvero la pena di scoprire il suo lavoro. E vi innamorerete delle sue fotografie e della sua storia.

inge morath mostra treviso
© terry peterle

Scoprire Inge Morath

Sono in tutto 190 le fotografie esposte in questa sede di Casa dei Carraresi, disposte in modo da scoprire la sua vita e la sua professione.

Divisa in due momenti, andremo a scoprire prima la vita della Morath – che ricordiamo è stata una delle prime protagoniste fotografe della nota Agenzia fotografica Magnum e compagna di Capa – e, in secondo luogo, i principali lavori dell’autrice.

Dagli incontri professionali ai viaggi fino alle sperimentazioni: un percorso per iniziare a conoscere ma anche approfondire questa fotografa.

inge morath mostra treviso
© terry peterle

Ritratti e maschere: i progetti da scoprire

Sicuramente, tra i progetti in mostra, di grande interesse la parte della ritrattistica e delle maschere.

Progetti da scoprire al meglio, non solo grazie all’allestimento scorrevole, ma anche grazie all’audioguida fornita all’ingresso che rivela qualcosa in più soprattutto rispetto alla lettura delle immagini oltre alla parte iniziale della vita. Uno strumento utile sia per chi si avvicina per la prima volta alla fotografa, sia per chi la conosce già ma vuole sapere qualche curiosità in più.

Interessante, poi, la sezione su viaggi e reportage. Una sezione che di certo sarebbe piacevole scoprire ancora di più.

Scopri la Morath dalla voce del suo curatore, ecco l’intervista a Marco Minuz

Inge Morath – La mostra a Treviso raccontata da Marco Minuz

Inge Morath è una fotografa affascinante. Se non ci credete ascoltate qui. La mostra raccontata dal curatore Marco Minuz. video di Terry Peterle

Pubblicato da The Mammoth's Reflex su Sabato 8 giugno 2019

Comments

comments