REPORT Cina, Cina, Cina. Un paese raccontato da Giorgio Lotti

Cina, Cina, Cina. Un paese raccontato da Giorgio Lotti

-

Il fotografo Giorgio Lotti ci ha illustrato la sua mostra, dal titolo ‘Cina Cina Cina‘ esposta a Palazzo Tadea di Spilimbergo (PN) fino al 22 settembre.

L’autore è ospite della rassegna fotografica in corso promossa dal Craf – Centro di Ricerca e Archiviazione Fotografica – e a lui è stato anche consegnato il premio Premio Friuli Venezia Giulia Fotografia.

In questo video qui sotto Lotti ci racconta del suo ritratto a Zhou Enlai nel 1973. Politico, rivoluzionario, generale e diplomatico cinese, fu importante dirigente del Partito Comunista cinese, capo di governo della Repubblica Popolare Cinese dal 1949 fino al 1976, anno della sua morte.

Giorgio Lotti racconta Cina Cina Cina

Giorgio Lotti ci ha illustrato 'Cina Cina Cina' in mostra a Palazzo Tadea di Spilimbergo (PN) fino al 22 settembre per CRAF, centro di ricerca e archiviazione fotografica.Video: Terry Peterle

Pubblicato da The Mammoth's Reflex su Mercoledì 18 settembre 2019

La Cina per Giorgio Lotti

In Cina Cina Cina si possono vedere fotografie in bianco e nero e a colori, scattate fra il 1973 ed il 2002, testimonianza dei profondi cambiamenti e trasformazioni economiche, politiche e sociali della Repubblica Popolare Cinese.

Cina Cina Cina non è solo documentazione ma un vero e proprio amore che l’autore, classe 1937, ha profondamente coltivato verso questo Paese, lungo tutta la vita.

Lotti parte in Cina per la prima volta nel 1973 per il settimanale Epoca (1950 – 1997) per cui collabora, ma ritorna molteplici volte nel Paese orientale anche in modo indipendente. La Cina, un Paese per quell’epoca sconosciuto e per cui Lotti si trova pioniere nell’approfondimento fotografico di tematiche come la politica, le tradizioni e la vita quotidiana ma anche l’opera e costumi d’epoca.

cina cina cina giorgio lotti
© terry peterle

Una narrativa chiara

Le immagini di Lotti sono documento di una visione fotografica con una narrativa chiara, fresca e molto spesso è la descrizione dettagliata di usi e costumi a noi ancora oggi poco conosciuti ma che forse, secondo l’autore, oggi non esistono più.

Immagini sì di un progetto a lungo termine ma che descrivono molto bene la profonda conoscenza e preparazione fotografica di questo autore, iniziata a soli diciassette anni. Una preparazione che lo ha consacrato, poi, tra i fotografi italiani più incisivi e autorevoli del panorama italiano.

Nel bianco e nero i paesaggi, la vita di tutti i giorni, l’iconografia e la forza che è stata di Mao Zedong e poi l’incombere di una nuova modernità ed emotività, nel colore, una vera e propria esplosione di luce, descrizione di quei lontani luoghi ma che entrano poeticamente negli occhi di chi li guarda.

cina cina cina giorgio lotti
© terry peterle

La Cina: un Paese così diverso dall’Italia

Come afferma Lotti: “Volevo scoprire un Paese straordinario e così diverso dall’Italia. Anche i colori, in Cina, erano diversi, per non dire dei ritmi: io camminavo a trenta chilometri all’ora, i cinesi a cinque. Quindi ho dovuto fermarmi e cercare di andare al loro passo, perché solo capendo la mentalità delle persone ho potuto conoscerle e raccontarle.

Molto significativa anche la parte dedicata alle riprese del pluripremiato film l’Ultimo Imperatore dove Bernardo Bertolucci richiede esplicitamente la presenza sul set di Giorgio Lotti. Un privilegio non solo dell’autore ma anche nostro che in una narrazione tanto coinvolgente e concisa, ci scopriamo viaggiatori di una Cina a tutto tondo.

Terry Peterle
Terry Peterle
Nell’ambito della fotografia il suo interesse e i suoi studi si sono rivolti prevalentemente nella cultura e linguaggio fotografico, e con particolare interesse segue lo sviluppo e le diramazioni dello stesso nella fotografia attuale.

NUOVE DATE RIAPERTURE FESTIVAL FERRARA 2020

Ultimi articoli

Ren Hang, immagini che rompono i tabù

Il Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato presenta per la prima volta in Italia un...

Women, le donne raccontate dai fotografi del National Geographic

Ci sono almeno una settantina di foto da vedere alla mostra “Women. Un mondo in cambiamento” alla...

Gianni Berengo Gardin, fotografie con testi d’autore

S'intitola "Come in uno specchio" la nuova mostra di Gianni Berengo Gardin a Milano.

Appuntamenti da non perdere

Borse di studio per i master di Spazio Labò

Fino al 29 giugno 2020 è possibile far richiesta di una borsa di studio per partecipare ad...

Corso online in Visual Storytelling

CAMERA - Centro Italiano per la Fotografia Torino lancia il corso intensivo online in Visual Storytelling, in collaborazione con ICP-International...

Finding Vivian Maier, il documentario in streaming

È la storia di Vivian Maier al centro del nuovo appuntamento con DomenicaDoc, il programma di proiezioni...