Come scattare belle foto via smartphone. Un workshop a Milano

1208
A Milano la mostra fotografica realizzata con lo smartphone
Giorgio Cosulich

MILANO. Si svolgerà sabato 6 febbraio la seconda edizione del workshop “Diventa Picker” condotto da Giorgio Cosulich de Pecine, fotografo professionista che spiegherà  le tecniche per scattare fotografie via smartphone e farne un prodotto vendibile ed interessante per il mercato.

Durante la lezione, il fotografo definirà le tematiche legate alle tipologie e alle tecniche di ripresa. Ci sarà spazio per spiegare quali soggetti sono più richiesti al momento; differenziandoli da quelli scarsamente vendibili e da quelli non pubblicabili senza liberatorie. Durante il workshop, inoltre, verrà esplorato il mondo dell’editing e delle migliori app in circolazione, sia per la ripresa, sia per la post produzione.

Il workshop sarà strutturato in un incontro in aula nella sede di Polifemo (La Fabbrica del Vapore), dalle 10 alle 13, a cui farà seguito un photowalk, un’uscita di due ore, durante le quali i partecipanti saranno chiamati a partecipare in modo attivo al percorso fotografico, ovvero offrendo il proprio punto di vista, tramite gli scatti realizzati, sui soggetti ripresi.

Durante il photowalk verrà utilizzata l’app di Picwant per inviare immagini direttamente all’agenzia. I partecipanti che diventeranno Picker avranno modo di confrontarsi anche direttamente con gli editor sul materiale inviato di modo da poter affinare ancor di più la loro capacità di mobile photographer.

Il costo di adesione per partecipare all’incontro è di € 30,00 che verranno pagati in loco previa iscrizione all’indirizzo email  pickers@picwant.com. Il corso verrà confermato con un minimo di 5 iscritti ed un massimo di 30.

 

 

 

 


 

GIORGIO COSULICH DE PECINE. Dopo aver conseguito il diploma in Fotografia presso l’Istituto Europeo di Design di Roma, inizia la carriera di fotografo nel 1995 a New York, lavorando per gli Studios PIER59, occupandosi di moda e glamour. Dopo due anni lascia gli Studios per dedicarsi al fotogiornalismo ed al reportage sociale.  Nel corso degli anni il suo lavoro lo porta in giro per il mondo per dare voce a varie tematiche, come i conflitti balcanici di Bosnia e Kosovo, i rifugiati afgani in Pakistan, i flussi migratori dell’Africa indigente, le comunità Rom nell’est europeo, le favelas brasiliane, le realtà degli immigrati in Italia. Le sue immagini sono state pubblicate da prestigiose testate tra le quali: l’Espresso, l’Europeo, Il Corriere della Sera, La Repubblica, L’Unità, Il Manifesto, GQ, Zoom, Max, Colors, Geo, Internazionale, Bergens Tidende, Stern, New York Times, Los Angeles Times, Miami Herald, People, Vanity Fair, The Guardian, The Observer, Newsweek, Time, Life, The Wish Magazine, La Nacion, El Pais, The Vancouver Sun, Miami Herald, India Times, Sport Week. Ha partecipato a numerosi festival quali  Festival Internazionale di Fotografia di Roma (2003, 2005, 2008), Festival Internazionale di Foiano (2004), RomaDocFest (2006, Menzione speciale), SalinaDocFest (2007), PordenoneFilmFest (2007), Ivrea Foto Festival (2011).